spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Un ciclone in famiglia e due!

Un ciclone in famiglia e due! PDF Stampa E-mail

Un ciclone in famiglia e due!

Buoi e asini (...sensu lato).

 

Nell’ultima puntata della fiction … “Un ciclone in famiglia” il nostro eroe Lorenzino, imprenditore comasco doc, messo a terra dalla crisi del settore in cui opera, viene definitivamente privato dei suoi averi grazie alla truffa di un “finanziere napoletano, figlio di un ex ambasciatore finito in galera per corruzione”.

 

Quando si dicono i luoghi comuni che sono serviti per fare l’Italia (… e forse pure gli italiani che servivano!!!!).

 

Non bastava che il finanziere truffaldino fosse napoletano, no: pure un padre finito in galera per corruzione doveva avere (…riecco il tema del DNA!). 

Ambasciatore, per giunta.

 

Beh, questo, almeno, mi dà il destro di ricordare i molti …”ambasciatori” che, ancorché privi di feluca, molto si diedero da fare nel campo della corruttela per fare l’Italia.

Come fecero? Beh, rendendo facile l’opera, progettata a comodino ....pardon, a tavolino, di un nizzardo proveniente dal Sud America.

Tanto efficace fu il convincimento occulto così operato, che persino l’estensore dell’articolo Il creduto prodigio di garibaldi (pubblicato sul giornale torinese “Piemonte” il 13 settembre 1860[1]) si sentiva in grado di conquistare, con quei metodi, il mondo intero: “Con questi miracoli ancor io sarei capace di fare la conquista, non dico della Sicilia e del Reame di Napoli, ma dell’universo mondo”.

Quali miracoli? Quelli operati con i soldi che, quasi sul bilancio dello stato unitario dell’anno 1864, furono riportati sotto la voce “spese per la spedizione di Garibaldi”: 7.905.607 lire pari a 60 miliardi di lire del 2000, ovvero 30 milioni di euro (per tacere di quanto raccolto dalle logge massoniche inglesi, canadesi e statunitensi: altri 3 milioni di lire dell’epoca).

 

Fatti la fama …e va beh, passi pure.

 

Ma quando a farti la fama sono gli altri … !

 

Futuro


[1] G. de Crescenzo, “Contro Garibaldi”. Il giglio, 2006,  p. 84.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 35 visitatori online
Utenti
20024 registrati
0 oggi
2 questa settimana
1677 questo mese
Totale Visite
11060460 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer