spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow I have a dream-Io ho un sogno

I have a dream-Io ho un sogno PDF Stampa E-mail

I have a dream" - Io ho un sogno.

Io ho un sogno, che il Sud abbia almeno lo stesso tasso di disoccupazione del Nord e che Napoli abbia almeno lo stesso tasso di disoccupazione (attualmente 23,62%) di Lecco (1,34%).

Si parla di criminalit? organizzata al Sud, degrado, emigrazione ma come non dovrebbe esserci tutto questo se la situazione ? la seguente:

Percentuale di persone in cerca di lavoro in rapporto alla forza lavoro

(Fonte: Il Sole 24 Ore)

Nord????? 3,60%
Centro?? 7,65%
Sud????? 16,31%
Media nazionale?? 8,53%

Lecco???????????????????? 1,34%?????? (1a prov. su 103)
Milano ?????????????????? 4,53%
Roma?????? ????????????? 8,01%
Napoli ?????????????????? 23,62%?????(101a prov. su 103)
Reggio Calabria? 27,47%???? (103a prov. su 103)

Come si evince dai freddi numeri il Sud ha 4,5 volte pi? disoccupati del Nord, Napoli ha 5 volte pi? disoccupati di Milano.

Quali possono essere le ricette per uscire da questa situazione?

Alcuni miei suggerimenti:

- il controllo delle proprie risorse,
- il controllo del proprio territorio ed il ripristino della legalit?,
- la creazione di infrastrutture che modernizzino il territorio portandolo a
livelli di sviluppo europei,
- una fiscalit? che attragga investimenti dall'estero,
- uno sviluppo armonico fra grande industria (vedi multinazionali),
piccola/media industria, servizi, turismo, agricoltura,
- una reale presa di coscienza della ns. storia, della ns. cultura che porti
a valorizzare le ns. qualit? (che sono tante) e non i ns. difetti (quelli
sono oramai arcinoti.purtroppo a tutto il mondo ed ? inutile stare a
discutere ed ad evidenziare solo e sempre quelli.).

Per fare tutto ci? servono anche strumenti di comunicazione di massa sotto il proprio controllo, come una televisione o un quotidiano che si veda o legga da Civitella del Tronto, a Gaeta, a Messina (ogni riferimento non ? puramente casuale.) e nei quali ogni meridionale si identifichi.

Pu? aiutare anche una politica del territorio che porti a valorizzare i prodotti realizzati nel Sud, una sorta di marchio su ogni prodotto che identifichi il "Made in Southern Italy"; un marchio che possa informare il
consumatore, a cui comunque resta l'ultima scelta, che il prodotto ? del Sud Italia.

Ricordiamoci che il Sud rappresenta comunque un mercato di 19 milioni di abitanti e quindi di potenziali acquirenti.

Ricordiamoci che, prendendo a riferimento l'industria automobilistica, nel Sud Europa producono:

- in Spagna Citroen, Ford, Mazda, Nissan, Opel, Peugeot, Renault, Suzuki, Volkswagen
- in Portogallo Citroen, Volkswagen

Nel Sud Italia lo stesso Gruppo Fiat produce con 23mila dipendenti (in vari stabilimenti) Alfa Romeo 147, 159 e GT a Pomigliano d'Arco (NA), Fiat Grande Punto a Melfi (PZ), Croma e Stilo a Cassino (FR), Lancia Ypsilon a Termini Imprese (PA), per cui non vedo perch? altre multinazionali straniere non potrebbero venire, una volta risolti i problemi di cui sopra, a produrre al Sud.

Ed, insieme con la multinazionale, si creerebbe indotto che potrebbe essere sviluppato con risorse imprenditoriali locali.

Alla luce anche delle ultime novit? "costituzionali" ? venuto il tempo, a mio parere, di unirci in un unico movimento che raggruppi partiti ed associazioni varie ricordandoci che ? "l'unione che fa la forza", e non il
contrario. Un movimento che sia il vero difensore delle aspettative nel Sud che non pu? pi? aspettare.

L' individualismo ? sempre stato un punto di debolezza, alla lunga. Teniamolo ben presente.

Un cordiale saluto

Luca Longo

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 73 visitatori online
Utenti
20314 registrati
0 oggi
4 questa settimana
1696 questo mese
Totale Visite
11491570 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer