spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Lettera al direttore di Gente in difesa della Calabria

Lettera al direttore di Gente in difesa della Calabria PDF Stampa E-mail

Egregio Direttore di "Gente"dr.Aprile,prima di tutto mi presento:il mio nome ? Giovanni Salemi,sono un medico ed abito a Capua.

Ho letto solo ieri il Suo editoriale sul numero 44 del Suo giornale.Lei intitola quello scritto "Ma la Calabria ? Italia?" ed esprime tutto il suo sdegno giusto e sacrosanto,mi sembra di sapere che Lei sia calabrese,verso quella situazione di malavita che? ? in essere in quella regione.Io non so quanto questa situazione? dipenda da organizzazioni criminali ,n? quanto queste siano in realt? presenti,n? quanta sia la loro responsabilit? nel malaffare in genere che,purtroppo,arriva fino all'assassinio.

Certo ? per? che quella espressione del Presidente Ciampi :" Calabresi l'Italia ? con voi " dalla quale Lei parte per esprimere il suo pensiero,mi sembra strana.Intanto si pu? pensare che i calabresi non siano italiani !D'altra parte che si intende per italiani?

Se si vuole con tale termine indicare gli abitanti della penisola va bene,ma se si vuole indicare gli appartenenti ad una nazione non va bene per niente ,per il semplice motivo che la nazione non c'?.Ed il motivo per cui la nazione non c'?,Lei lo ha accennato ed anche pi? che accennato,e vale per tutto l'antico Sud :la Calabria era sede di fonderie, miniere, fabbriche siderurgiche,oltre che di altre attivit? di tipo industriale,anche se articolate su base familiare come era uso in quei tempi lontani,quale per esempio la produzione e tessitura della seta (si possono citare paesi come Mongiana e localit? come Ferdinandea per l'attivit? siderurgica e Tiriolo dove ancora oggi si preparano gli scialli di seta,"i vancali").

Tutto questo,come Lei ha scritto,cos? come tante altre cose,e non solo in Calabria,venne distrutto,letteralmente distrutto o asportato dopo la conquista piemontese del 1860,portando quel senso di disagio,di vita precaria,di miseria che certamente dette luogo a quella emigrazione selvaggia prima verso le Americhe e poi,e continua ancora,verso paesi europei e verso il nord dell'allora mal costituito(perch? fatto con la prepotenza,la frode e la violenza) Regno d'Italia.

E' facilmente comprensibile che tale stato di cose favor? inoltre moltissimo lo sviluppo di attivit? delinquenzali. A tali errori non si ? poi mai pi? portato rimedio,perch? commessi nel nome di una idea unitaria ,che certamente non apparteneva al popolo,non potevano essere corretti senza intaccare il tab? dell'unit? italiana.

Conseguentemente non si ? mai pensato di ridare senso di identit? e di dignit? a popolazioni che erano state ridotte a "colonia " e che tali dovevano ormai rimanere per continuare a favorire popolazioni pi? fortunate.

Questo,chiaramente ? un discorso che vale per tutto il Sud antico,cio?? per quelle popolazioni che "d'autorit?" da regnicole perch? appartenenti ad uno stato indipendente,si trovarono ad essere? provinciali appartenenti ad uno stato che non conoscevano.

Siamo arrivati al 2005 e intanto si continua? sempre sulla stessa linea: promesse, cerimonie, visite ufficiali con saluti,sciarpe, gonfaloni, commozioni, ecc., ma nulla si fa e neanche si dice? che sia utile a far conoscere al popolo la vera verit? sul suo passato, cosa questa che servirebbe sicuramente a far riaccendere quell'orgoglio meridionale tanto mortificato.

Mi perdoni,Direttore,di aver abusato della sua pazienza? scrivendo una lettera tanto lunga,ma l'argomento brucia e merita che se ne parli.La prego, pubblichi questa? mia: certamente accenderemo la curiosit? e ne parleremo tra meridionali.

Lei avr? reso ancora un servigio alla sua regione ed insieme lo avremo reso a tutto l'antico Sud !? Grazie!

Giovanni Salemi??

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 96 visitatori online
Utenti
20308 registrati
0 oggi
7 questa settimana
1690 questo mese
Totale Visite
11486196 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer