spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Storia arrow Approfondimenti sul "Brigantaggio" arrow E Marcianise si ribello' a Garibaldi

E Marcianise si ribello' a Garibaldi PDF Stampa E-mail

E Marcianise si ribello' a Garibaldi

Da IL MATTINO ed.Caserta del 30 ottobre 2005

La reazione filoborbonica sfociata nel "brigantaggio" fu sedata con la fucilazione di due capi plebe sotto le mura del cimitero.

Particolari inediti scoperti da Michele Lener sulla rivolta del settembre 1860

Articolo di Salvatore Delli Paoli

Un episodio Legato alla guerra risorgimentale vede coinvolta Marcianise a descriverlo è Giulio Cesare Abba,il diarista dell'impresa dei mille ,che ricorda la reazione antigiacobina scoppiata a Marcianise nel settembre del 1860,stroncata dal maggiore Cattabene,qui inviato dal luogotenente di Garibaldi,l'ungherese Turr.

Ora Michele Lener,il paziente ricercatore di cose marcianisane ,ha scoperto un articolo del 1914 a firma di Benedetto Marino,che aggiunge nuovi inediti particolari all'episodio.E nella scarsezza di documenti relativi alla resistenza filiborbonica che sfocio nel 'brigantaggio',questa fonte poco nota viene a ricostituire le basi per una ricostruzione dei fatti di Marcianise...

All'arrivo di Garibaldi a Napoli a Marcianise i filogaribaldesi organizzarono una festa nell'allora Piazza Mercato,oggi piazza Umberto I,questa manifestazione suscito' una forte reazione dei legittimisti borbonici,per alcuni giorni Marcianise fu teatro di scontri e aggressioni,fino a che l'intervento garibaldese pose termine alla resistenza ,arrestando ,e con un processo sommario,condannando tre cittadini che avevano innalzato la bandiera borbonica nel nome di Viva Maria,i condannati, con la complicità del popolo nominati dall'Abba 'briganti' in verita' sostenitori di Francesco II, riuscirono a salvarsi.

Igaribaldesi però catturarono alcuni rivoltosi, che dopo una veloce condanna, fucilarono, al posto dei marcianisani.

Si trattava di Antonio Somma e Pietro Lombardo, fucilati sotto le mura del cimitero di Marcianise il 5 settembre 1860.

 

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 114 visitatori online
Utenti
20024 registrati
0 oggi
2 questa settimana
1677 questo mese
Totale Visite
11061115 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer