spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Real Esercito arrow Gli eroi Borbonici delle Due Sicilie arrow Vincenzo Baccher

Vincenzo Baccher PDF Stampa E-mail

Vincenzo Baccher

Caserta 24-10-1824 Napoli 13-1-1897

Capitano di I Classe

Vincenzo Baccher , fu con il fratello Francesco l'ultimo discendente di una famiglia di profonda fede borbonica, famiglia che aveva scritto il suo nome nella storia del regno in uno dei momenti piu' difficili.Durante la prima occupazione francese (1799) furono a capo della resistenza popolare contro i giacobini,furono l'anima del lealismo legittimista.Per la delazione della nota Luisa Molino Sanfelice che oltre ad essere,amante sia di Gerardo Baccher che di Vincenzo Cuoco,frequentava anche un giacobino di nome Ferdinando Ferri al quale rivelo' una congiura in atto ad opera dei Baccher.

Ferri denuncio' Gerardo e Gennaro Baccher,alla portoghese Eleonora Pimentel Fonseca ,ignobile figura della repubblica napoletana che organizzo' una farsa di processo condannando alla fucilazione i fratelli Baccher.Il padre dei due,Vincenzo fu gettato nelle carceri e alla restaurazione fu implacabile finche' non vide penzolare la Pimentel Fonseca dalla forca e la Sanfelice cadere sul patibolo.

Durante la seconda invasione francese il vecchio Don Vincenzo con il figlio Camillo pati la prigione per nove lunghi anni.

Camillo Baccher era il padre del Capitano di I classe,Vincenzo,che era quindi cresciuto in un clima di totale devozione nei confronti della dinastia borbonica.

Nel 1860 comandava la batteria nr 4 dislocata negli Abruzzi.

Non senza difficolta' riuscì a giungere al Volturno dove fu promosso maggiore.Il 26 ottobre la batteria fu assegnata alla brigata di retroguardia dell'esercito e il 29 difese le posizioni sul Garigliano perdendo 29 uomini.

La batteria di Baccher fu una di quelle che sconfinarono nello Stato Pontificio ,Baccher ebbe l'ingrato compito di firmare il verbale di requisizione di tutte le armi da parte dei francesi. Naturalmente non aderì alla integrazione nell'esercito piemontese,dedicandosi alla professione di ingegnere.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 50 visitatori online
Utenti
20314 registrati
0 oggi
4 questa settimana
1696 questo mese
Totale Visite
11492788 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer