spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Real Esercito arrow Gli eroi Borbonici delle Due Sicilie arrow Pietro Pelosi

Pietro Pelosi PDF Stampa E-mail

Pietro Pelosi

Casoria 7/2/1799

Tenente Colonnello

Il 5 febbraio 1861 Pietro Pelosi, per la morte del valoroso generale Traversa, prese il posto del direttore generale.

Con un commovente ordine del giorno commemorò la figura del suo predecessore e degli altri soldati caduti con queste parole: " Se dolorose al vostro ed al mio cuore furono tali perdite che toglievano di mezzo a noi si valenti capi e si bravi commilitoni, ci resta d'altro canto il conforto di sapere che ben finirono e che tutti saremmo fortunati, se, come essi, potessimo far dono della nostra vita alla nostra antica ed amata patria,per la difesa della causa che difendiamo".

Otto giorni dopo Gaeta cadeva e Pelosi, che era stato decorato con la croce di S.Giorgio, salutò per l'ultima volta i suoi soldati ricordando loro l'eroica resistenza a difesa della piazza contro un nemico agguerrito e meglio armato, difesa combattuta con abnegazione ed ingegno, pur nella grande mancanza di mezzi, ringraziò i suoi bravi militari tutti indistintamente.

Pietro Pelosi era figlio del giudice circondariale Aniello Pelosi.

Nel 1849 partecipò alla spedizione nello Stato Pontificio ed ebbe la Croce di S.Silvestro da Pio IX.

Nel 1857 fu destinato al comando della 2° direzione a Palermo.

Dopo aver vissuto le drammatiche giornate dell'entrata di Garibaldi nella città fu trasferito a Messina dove rimase fino al 1 agosto 1860.

Destinato a Gaeta l'11 settembre fu promosso tenente colonnello.

Nei due mesi che seguirono lavorò senza tregua alle fortificazioni della piazza in previsione dell'assalto piemontese, collaborando con il generale Traversa, che lo nominò ispettore di tutta l'arma.

Pelosi non entrò nell'esercito dei vincitori, nonostante i ripetuti inviti dei piemontesi.

Fiero soldato borbonico, capitolato di Gaeta.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 118 visitatori online
Utenti
20018 registrati
3 oggi
10 questa settimana
1671 questo mese
Totale Visite
11050316 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer