spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Real Esercito arrow Gli eroi Borbonici delle Due Sicilie arrow Francesco Antonelli

Francesco Antonelli PDF Stampa E-mail

Francesco Antonelli

Napoli 6/4/1803 - S.Giovanni a Teduccio 4/3/1877

Colonnello

Figlio del capitano Gaetano Antonelli, entrò alla Nunziatella nel 1817 e ne uscì sottotenente di artiglieria pesante, nel 1839 fu promosso capitano di I, fu addetto al dettaglio dell'officio topografico e delle scuole militari.

Il suo primo incarico fu quello di aiutante di campo del generale Carlo Filangieri, nella spedizione siciliana del 1948-49. Per la sua dedizione e la sua bravura ebbe la croce di diritto di San Giorgio e la medaglia d'oro della compagnia. Il primo agosto 1860 fu promosso a colonnello e fu nominato sottocapo di Stato Maggiore dell'esercito.

Partito il sovrano per Gaeta, Antonelli rimase a Napoli per il disbrigo delle ultime pratiche del comando generale e per organizzare il trasferimento della cancelleria a Capua.

Fu avvicinato da Mariano D'Ajala che cercò in tutti i modi di convincerlo a passare dalla parte del granmassone Garibaldi, ma Antonelli non sentì ragioni e il 12 settembre raggiunse Gaeta. Il governo garibaldese occupante a Napoli, con un gesto indegno, mise in mezzo alla strada la famiglia del colonnello che occupava un appartamento della Caserma di Pizzofalcone.

L'8 ottobre fu promosso generale di brigata. Iniziato l'assedio di Gaeta fu nominato capo di stato maggiore della piazza, ma il 26 novembre per motivi di salute chiese al re di accettare le sue dimissioni, ma non ebbe mai il coraggio di metterle in pratica rimanendo accanto ai suoi bravi soldati. Nella sua qualità di capo di stato maggiore ebbe l'ingrato incarico di apporre la firma sotto il documento della capitolazione.

Dopo la resa si ritirò in volontario esilio a Marsiglia, dove fu l'animatore di alcuni comitati legittimisti di esuli napoletani.

Rientrato a Napoli fu arrestato nel settembre del 1863, con l'accusa di cospirazione anti unitaria subendo le vessazioni di un lungo periodo di carcere.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 85 visitatori online
Utenti
20310 registrati
0 oggi
0 questa settimana
1692 questo mese
Totale Visite
11489498 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer