spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

LA NASA, LE DUE SICILIE E ALTRI PRIMATI BORBONICI PDF Stampa E-mail
I200annidell'OsservatoriodiCapodimonte-RicercaeIstituzioni-Scienza&Tecnica-ANSA.it

LA NASA, LE DUE SICILIE E ALTRI PRIMATI BORBONICI. Mentre si diffonde una moda triste e deprimente, con il tentativo maldestro e inutile (e spesso anche comico) di “negare” i primati borbonici, è di questi giorni una notizia importante: la NASA
lancerà una sonda su Psyche, un asteroide “napoletano” composto di ferro e nichel e collocato, tra Marte e Giove, a 500 milioni di chilometri dalla terra. Lo scoprì nel 1852 l’astronomo abruzzese Annibale De Gasparis dall’Osservatorio di Capodimonte. Quell’osservatorio e l’astronomia sono citati spesso nel mio recente libro dedicato ai 135 “Primati del Regno delle Due Sicilie”. De Gasparis, del resto, accademico dei Lincei e medaglia d'Oro della Royal Astronomical Society, diventò famoso per la scoperta di 7 asteroidi (tra essi anche “Parthenope” e “Igea Borbonica” per ringraziare la dinastia) e si legava alla grande tradizione scientifica-astronomica che si consolidò durante il governo dei Borbone. Porta il suo nome anche un cratere lunare (il “cratere De Gasparis”). Fu talmente famoso che lo citavano finanche nelle poesie ironiche del tempo (ad esempio in un testo dedicato alla… zeppola: “Tu sei, o zeppola, una scoverta patria come la bussola, la camera oscura, la Cerere e i sette pianeti di de Gasperis”).
Sempre di quegli anni la scoperta di un altro importante asteroide (“Cerere Ferdinandea”, altro omaggio alla dinastia) da parte di Giuseppe Piazzi. Come diciamo spesso, chi si mette a caccia di cavilli per negare questo o quel primato dopo oltre un secolo e mezzo di bugie risorgimentali e di “umiliazioni” della storia borbonica e meridionale, dovrebbe andare da un ottimo psicanalista (spesso si tratta di soggetti che disprezzano non solo la storia ma anche i meridionali… e non troverete mai nei loro libri o nei loro profili una sola parola in difesa del Sud di ieri e di oggi). Come diciamo spesso, i Borbone non andavano in giro con i primati come medaglie sul petto e neanche noi. Si tratta solo di tanti esempi di un “buon governo” fino a pochi anni fa sconosciuto e di un’armonia tra governanti e governati in seguito perduta. Si tratta di semplici sintesi di storia e orgoglio di cui abbiamo sempre più bisogno e il successo del loro racconto è la dimostrazione più evidente di questa tesi.
Gennaro De Crescenzo 


< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 14 visitatori online
Utenti
22992 registrati
1 oggi
172 questa settimana
2071 questo mese
Totale Visite
14016872 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer