spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

NUOVI DOCUMENTI SUL BRIGANTAGGIO: I VERGOGNOSI ARRESTI DEI BAMBINI (REPORTAGE ANCHE SUL MATTINO) PDF Stampa E-mail

Guerrigliaebrigantaggiopostunitarionelleprovincemeridionali-Wikiwand

QUANDO ARRESTAVANO E PROCESSAVANO I BAMBINI. NUOVI DOCUMENTI SUL BRIGANTAGGIO PER LA VERGOGNA DI CHI FECE
TUTTO QUESTO IN PASSATO E DI CHI LO NEGA OGGI. Non esiste uno studio serio che neghi il dramma della guerra del cosiddetto "brigantaggio". Del resto chiunque dia un occhio aidocumenti superstiti (migliaia di faldoni presso gli archivi locali, l'archivio dell'esercito, quello centrale dello Stato o quelli della Camera) ha l'idea di trovarsi di fronte ad una pagina molto brutta della nostra storia e "agli avanzi di un naufragio" per le condizioni in cui versano quei documenti in gran parte perduti (sono le espressioni usate dai Molfese come dai Cesari, gente che trascorse la vita negli archivi). Anche con delle semplici proiezioni statistiche, come ho fatto spesso nei miei libri sulla base di quegli studi e dei miei studi (altri in corso e di prossima pubblicazione anche da parte di qualche coraggioso accademico), siamo di fronte a centinaia di migliaia di "vittime" se consideriamo le persone uccise negli scontri, fucilate (e a volte "decapitate per comodità di trasporto"), arrestate e tenute in galera per mesi e anni (spesso senza processo), deportate da soldati e da civili al Nord, private delle loro attività produttive (masserie abbattute, cani ammazzati, leva obbligatoria di 7 anni). Tutti fenomeni mai registrati nel corso della ultrasecolare storia del Sud dell'Italia ed è un assurdo storiografico e logico parlare di "brigantaggio endemico" o addirittura di "guerra civile tra meridionali" pur sapendo di oltre 120.000 soldati sabaudi arrivati dalle parti del Sud e per oltre 10 anni.
Qualcuno parla di "memorie divisive" ma prima o poi dovremmo chiedergli se è più "divisivo" o meno "divisivo" negare o cancellare queste memorie come ha fatto la storiografia ufficiale per un secolo e mezzo e anche se è più "divisivo" chi fa ricerche volontarie e autofinanziate sui "briganti" o un Paese che da un secolo e mezzo non assicura pari diritti al Nord e al Sud. Poi viene fuori, tra i tanti, un documento del Tribunale Militare di Guerra di Chieti e si ricostruiscono altre verità vergognose con buona pace di chi (inutilmente e pateticamente, ormai) cerca di negarle. Durante quella guerra si mettevano in prigione i bambini. In questo caso, ad Orsogna in Abruzzo, con la moglie di un "sospetto brigante" (Salvatore Scenna), "Caterina Marinucci di anni 34" e i suoi bambini, "Defendente Scenna di anni 7 e Viola Scenna di anni 7, tutti e tre arrestati e detenuti per connivenza al brigantaggio dal 6 aprile 1864" (Archivio Centrale dello Stato di Roma, Fondo Tribunali Militari Straordinari, Chieti, Busta 115). In questo caso, forse, quella bimba e quel bimbo (l'età delle mie figlie) furono fortunati, a differenza di altri (la piccola Angelina Romano fu uccisa in Sicilia).
Una vergogna che tutto questo sia successo nella nostra storia. Una vergogna che qualcuno continui a negarlo.
Gennaro De Crescenzo

P.S.
A qualcuno che potrebbe fare la solita osservazione (“è un caso”) rispondiamo come al solito con i documenti: da una ricerca superficiale risultano “arrestati” molti altri bambini (e bambine), tutti per il vago reato di “connivenza con briganti”.
Virginia Mannarino, di anni 7, arrestata in quanto membro della famiglia di Giuseppe, sospettato di manutengolismo nel 1866 a Catanzaro (da notare un dato: la bambina viene arrestata solo in quanto “membro della famiglia” e per giunta per un reato neanche di brigantaggio ma di “manutengolismo” e cioè di supporto vago a qualche banda);
Potito Giuseppe, di anni 11; Russo Giovanni, di anni 12; Pisaniello Pasquale, di anni 14; Cioffi Francesco, di anni 14; Ferro Antonio, di anni 13; Pisanello Rocco, di anni 14 (tutti di Cervinara, Fondo Brigantaggio, Archivio di Avellino, Tribunali Straordinari); Canino Domenico, di Vitaliano di anni 11 (“corrispondenza con malfattori”!), aprile 1864, Catanzaro); Remollino Sebastiano d'anni 11, detenuto (Potenza); Bruno Antonio d'anni 7; Marchese Luigi (Avellino); Di Salvo Pasquale, contadino di anni 12, ditenuto (Frosolone); Rizzo Antonio da Platania (Nicastro), di anni 12, ditenuto; Domenico di Bruno, bracciante di anni 13 (1865, Catanzaro); Cannella Luigi da Itri d'anni 12, detenuto; Guglielmi Domenica Maria, di Avigliano, contadina, d'anni 13, detenuta; Piscitelli Prudenzia, di Mattia, da Cimitile, d'anni 13 (Potenza); Murazzo Pietro da Palata, d'anni 13 (Campobasso); Casalvieri Pasqua Rosa nativa in Morrea, d'anni 13, detenuta ed inquisita (Gaeta). Seguono altri nominativi…

AMPIO DOSSIER CON NOTIZIE E DOCUMENTI ANCHE SU "IL MATTINO" (29/1/21) a cura di Antonio Folle. Allegato il link:



< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 23 visitatori online
Utenti
22177 registrati
0 oggi
7 questa settimana
1681 questo mese
Totale Visite
13522635 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer