spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

TOGLIATTI E MAZZINI NEOBORBONICI? IL 1799 E QUELLE TESI DIMENTICATE DA NEOGIACOBINI (E SINDACI) PDF Stampa E-mail

RepubblicaNapoletana(1799)-Wikipedia

TOGLIATTI E MAZZINI NEOBORBONICI? IL 1799 E QUELLE TESI DIMENTICATE DA NEOGIACOBINI, ASSESSORI E SINDACO… «Napoli è la città nella quale nel periodo stesso, alla vigilia della nascita della Repubblica partenopea, si assistette a quella lotta di popolo contro un esercito invasore, nella quale, qualunque spiegazione si
voglia dare di essa, è pure giocoforza riconoscere una manifestazione istintiva di forza nazionale e di spirito patriottico agli albori». Per Togliatti, allora, gli inizi del “risorgimento” erano tra gli operai che parteciparono alle Cinque Giornate di Milano ma anche nella resistenza napoletana anti-francese e anti-giacobina (v. il discorso “La politica di unità nazionale dei comunisti”, 11 aprile 1944). E questo pensiero si unisce a quello di Mazzini (“i veri patrioti erano i Napoletani che si opposero all’invasione straniera francese e ai giacobini che tradirono la patria napoletana”: v. Manoscritto, Museo del Risorgimento di Roma). Più o meno quello che dicono i neoborbonici oggi quando ricordano le oltre 60.000 vittime napoletane in circa 5 mesi di repubblica ad opera proprio dei franco-giacobini anche sottolineando la sostanziale “miopia” culturale di Mazzini&Togliatti (si trattò di una grande insorgenza “nazionale” ma legittimista e cristiana). QUALCUNO LO DICA anche a coloro che qualche giorno fa hanno celebrato la “sacra memoria” di quella repubblica con bandiere, coccarde, nomine di “guardie d’onore” e discorsi ufficiali di assessori e di un sindaco di Napoli che, ancora una volta, ha parlato di “parte bella di Napoli” che combatteva contro la parte “brutta”, per liberarla “dall’oscurantismo e della repressione”… L’unico dato confortante e in fondo divertente è che i nuovi giacobini, nonostante mezzi e istituzioni, hanno un SEGUITO ORMAI RIDOTTISSIMO (medie di 30 spettatori e circa 300 visualizzazioni del loro video online nonostante 12 sigle e 19 relatori).
Movimento Neoborbonico
Nell'immagine il popolo napoletano rimuove (finalmente) i simboli della repubblica napoletana dopo il 13 giugno 1799.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 25 visitatori online
Utenti
22177 registrati
0 oggi
7 questa settimana
1681 questo mese
Totale Visite
13522682 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer