spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

UNA LAPIDE, UNA TARGA E SEMPRE LA STESSA STORIA (NEL GIORNO DELLA BATTAGLIA DEL VOLTURNO) PDF Stampa E-mail

30settembre,oggilaprimaGiornatadell'OrgoglioPartenopeo:

UNA LAPIDE, UNA TARGA E SEMPRE LA STESSA STORIA (NEL GIORNO DELLA BATTAGLIA DEL VOLTURNO). È chiaro che da neoborbonici ci fa piacere che dopo anni nei quali certe parole erano di fatto bandite e anche dopo decenni di nostre battaglie, oggi si parli di “orgoglio partenopeo” o di “nazione delle Due Sicilie”. È chiaro anche, però, che
possiamo e dobbiamo analizzare certi fenomeni. A distanza di poche ore due eventi (una quindicina di presenti in entrambi i casi). Nel primo una targa per la “giornata dell’orgoglio partenopeo” con un testo “strano” dedicato a figlie e figli di Napoli che “lottano per la difesa e il progresso della nostra terra come nelle Quattro Giornate del 1943”. Nei vari comunicati stampa numerosi riferimenti ai “partigiani” e alla “resistenza” con l’aggiunta del luogo: piazza Sette Settembre, definita semplicemente “una delle più rappresentative” della città (è la piazza dedicata a Garibaldi e al suo ingresso a Napoli). Eppure la promotrice dell’iniziativa, Flavia Sorrentino, aveva scritto, in estate, di fronte ai dubbi di qualcuno di noi, che si sarebbe trattato di un omaggio ai “resistenti contro Garibaldi”. E al di là del fatto che associare l’orgoglio semplicemente alle Quattro Giornate non richiedeva targhe e date nuove ma ci si poteva serenamente riferire al 25 aprile, il dubbio di tanti è che qualcuno possa pensare che “i resistenti anti-garibaldini” (“briganti” e non solo) abbiano usato come loro modelli i partigiani di oltre 80 anni dopo… Nella giornata della Battaglia del Volturno, con il sacrificio eroico dei soldati delle Due Sicilie (quelli che salvavano i garibaldini feriti dall’annegamento nel fiume, quelli che furono deportati anche a Fenestrelle), poi, una lapide per ricordare il luogo del “parlamento nazionale delle Due Sicilie” che fu “travolto dal tradimento del Re” e fu “gloria meridionale per l’Unità d’Italia”. Lo schema è sempre lo stesso, nonostante le premesse del promotore (Marco Esposito del Mattino) a proposito della correttezza e dell’esigenza di raccontare “tutta la storia” (messaggio da rivolgere non a noi ma magari al suo giornale o alle accademie o alle istituzioni presenti alla cerimonia): con decine di primati, di date e luoghi borbonici che si potevano ricordare si è scelto il primato più antiborbonico per quei moti che gli stessi liberali definivano inutili, legati ad interessi personali (e non dei popoli delle Due Sicilie) e a “sette massoniche”. Sembra l’estremo e inutile tentativo di utilizzare temi anche neoborbonici per finalità che ancora non conosciamo (in qualche caso, forse, elettorale). Chiaro che sindaci, docenti e giornalisti abbiano il diritto di mettere lapidi e targhe dove e come vogliono. Chiaro anche che noi abbiamo il diritto di scrivere quello che pensiamo e di farlo saperFenestrelle), poi, una lapide per ricordare il luogo del “parlamento nazionale delle Due Sicilie” che fu “travolto dal tradimento del Re” e fu “gloria meridionale per l’Unità d’Italia”. Lo schema è sempre lo stesso, nonostante le premesse del promotore (Marco Esposito del Mattino) a proposito della correttezza e dell’esigenza di raccontare “tutta la storia” (messaggio da rivolgere non a noi ma magari al suo giornale o alle accademie o alle istituzioni presenti alla cerimonia): con decine di primati, di date e luoghi borbonici che si potevano ricordare si è scelto il primato più antiborbonico per quei moti che gli stessi liberali definivano inutili, legati ad interessi personali (e non dei popoli delle Due Sicilie) e a “sette massoniche”. Sembra l’estremo e inutile tentativo di utilizzare temi anche neoborbonici per finalità che ancora non conosciamo (in qualche caso, forse, elettorale). Chiaro che sindaci, docenti e giornalisti abbiano il diritto di mettere lapidi e targhe dove e come vogliono. Chiaro anche che noi abbiamo il diritto di scrivere quello che pensiamo e di farlo sapere ai tanti che  ci seguono con affetto, passione e disinteresse…  
Gennaro De Crescenzo

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 31 visitatori online
Utenti
21570 registrati
10 oggi
23 questa settimana
2199 questo mese
Totale Visite
13237286 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer