spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

NAPOLI 1820-2020 TRA “ESERCIZI DI MEMORIA” E AMNESIE SELETTIVE PDF Stampa E-mail
FerdinandoIIdelleDueSicilie-Wikipedia

NAPOLI 1820-2020 TRA “ESERCIZI DI MEMORIA” E AMNESIE SELETTIVE. Su proposta del Mattino diversi enti (Presidente della Camera, Comune, Università) celebreranno i duecento anni del “primo parlamento a suffragio universale” (Napoli, 1820) in quello che il programma definisce “esercizi di memoria”. È chiaro che ognuno

è libero di celebrare i primati che vuole ma qualche osservazione è necessaria. Si celebra un (controverso) primato borbonico che di fatto è un primato anti-borbonico (con le annesse accuse ai Borbone di averlo cancellato dopo pochi mesi). Peccato, però, che gli stessi giornali e le stesse istituzioni, oltre a non ospitare mai democratici dibattiti, non abbiano mai celebrato primati borbonici senza contenuti anti-borbonici, vittime forse, di amnesie “selettive”… Peccato che quegli “esercizi di memoria” abbiano dimenticato altre date da diversi anni: ad esempio il 13 febbraio (fine dell’assedio di Gaeta e del Regno delle Due Sicilie, giorno da tanti proposto come “giorno della memoria per il Sud”) o il 10 maggio (ingresso di Carlo di Borbone a Napoli e nascita del Regno) o i 200 anni della morte di Carlo di Borbone o della nascita di Ferdinando II o i 100 di Francesco II. La sede del parlamento, allora, sarà al centro di quegli “esercizi di memoria” ma sono numerose da decenni le amnesie per altri luoghi:  ad esempio l’Albergo dei Poveri o il Molo San Vincenzo (luogo dei primati marittimi del Regno) o i resti (macerie) della prima ferrovia, tra gli altri. Prevale, allora, la lettura sempre e comunque giacobina, massonica, liberale o risorgimentalista della storia anche per quei moti repressi allo stesso modo in tutta Europa (Piemonte incluso) e che tra l’altro molti osservatori (tutt’altro che neoborbonici) giudicarono in maniera negativa. Per Nitti si trattò solo di una rivoluzione carica di retorica e opera di una setta “piena di misteri massonici”, lo stesso Croce parlava di interessi personali tra i rivoluzionari e tra le conseguenze (non raccontate) prevalsero dissidi interni, caos, assassini brutali, banchi saccheggiati e una sistematica lontananza del popolo. La stessa, forse, che si registra nelle celebrazioni attuali.
Gennaro De Crescenzo

FONTI.

Archivio del Senato (Francesco Saverio Nitti, “Sui moti di Napoli del 1820”)
. Per Nitti “la rivoluzione del 99 ebbe i suoi retori ma anche i suoi martiri: la rivoluzione del 1820 quasi non ebbe che retori… la setta dei Carbonari era composta da possidenti, benestanti delle classi medie, militari desiderosi di avanzamenti, provinciali e curiali bisognosi di impieghi, una setta piena di misteri massonici che fra le altre cose giuravano l’esterminio di tutti i re… La monarchia borbonica non aveva contro di sé che una setta…”. Per Nitti, allora, Guglielmo Pepe era “un ciarlatano ed un eroe che sconciamente imitava fogge e gesti di Murat” e tutta quella “rivoluzione non fu opera di popolo ma di cospiratori e di forensi, battaglieri in pace, pacifici in guerra”. Altro che “la larga parte della società meridionale”, come sostenuto da Mascilli sul Mattino. Nessun riferimento nell’articolo di Mascilli (che è storico famoso e di professione)  ad altre fonti come, ad esempio, quelle conservate presso l’Archivio di Stato di Torino a proposito delle crudeltà di quei moti in Sicilia con “la barbara carneficina dei due Principi Aci e Cattolica; delli quali recise le teste, e per le strade trascinati i cadaveri furono abbruciati le membra, lo incendio delle loro case, il saccheggio dei loro effetti e di altri molti distinti personaggi; lo sprigionamento dei rei detenuti nelle carceri e nella galea; l’uccisione di molti onesti individui”. Nel quadro romantico dell’articolo manca anche la notizia di quel direttore di polizia (Giampietro) massacrato nel gennaio del 1821 a casa sua con 42 coltellate e nonostante la presenza della moglie e dei 9 figli che, aggrappati alle ginocchia del padre, chiedevano pietà ai suoi carnefici. E mancano pure le notizie relative al caos e all’anarchia di quei giorni o quelle relative al mezzo milione di ducati mancanti nel Banco o agli 80 milioni di ducati complessivi costati al Regno, alle fughe tutt’altro che eroiche degli ufficiali e ai loro continui dissidi (vera orgine del fallimento).



< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 23 visitatori online
Utenti
21552 registrati
5 oggi
5 questa settimana
2181 questo mese
Totale Visite
13233544 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer