spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

IL MATTINO, CUNDARI, QUELLE DOMANDE ANTIBORBONICHE (E QUELLE RISPOSTE... BORBONICHE) PDF Stampa E-mail

Risultatiimmaginiperlescuoledeiborbone

"IL MATTINO", CUNDARI, QUELLE DOMANDE ANTIBORBONICHE (E QUELLE RISPOSTE... BORBONICHE). Simpatico siparietto all'interno di un articolo del Mattino firmato da un Ugo Cundari che si diverte ad "attaccare" sempre e comunque i Borbone" (come se stessero a Porta Capuana per riprendersi il Regno). In questo caso fa una domanda all'autrice di un libro sui
napoletani hegeliani e "risorgimentalisti": "dove si formarono, a Napoli, dal momento che i Borbone non permettevano libertà di pensiero"? La risposta dell'autrice smantella da sola la domanda: "Nella scuola privata dell'intellettuale antiborbonico Ottavio Colecchi... Le scuole private napoletane rivestirono un ruolo fondamentale nel processo di fusione della cultura locale con quella europea". Quindi, di fatto, non è vero che "i Borbone non permettevano la libertà di pensiero". Quindi, evidentemente, per Cundari non contano nulla quelle migliaia di scuole private e di maestri privati diffusi in tutto il Regno e che, smentendo le false notizie relative agli alti tassi di analfabetismo, lavoravano molto fino a farsi rimpiangere quando i Savoia le chiusero proprio per motivi di carattere politico. Lo stesso Settembrini, del resto, arrivò a denunciare la "piemontizzazione" scolastica e la cancellazione della libertà d'insegnamento nel raro e polemico opuscolo "L'Università di Napoli" (1862). Inutile aggiungere che per Cundari gli hegeliani e compagni erano e sono sacri, inviolabili e infallibili a prescindere da scelte magari non felicissime. Ricordiamo, ad esempio, uno Spaventa (Silvio) ideatore e realizzatore di un drammatico piano di deportazione che colpì migliaia di meridionali. Ricordiamo anche un De Sanctis artefice, come evidenziò lo stesso Giovanni Gentile (discorso INFC, Roma, 1930), di una spietata selezione con annessi licenziamenti delle classi dirigenti meridionali anche di fronte ad un semplice sospetto di "simpatie borboniche" e anche ai danni di uomini di cultura di livello internazionale. Altro che "libertà di pensiero" negata dai Borbone...
Prof. Gennaro De Crescenzo
Nella bella immagine l'inaugurazione a Scafati della scuola dedicata a Ferdinando II di Borbone qualche anno fa...

P.S. A proposito di (loro) fonti che spesso i nostri "interlocutori" forse neanche conoscono in maniera approfondita si riporta un passo del Settembrini (altro che "censure" borboniche)...

“Il governo ebbe sempre paura di ragunare in un solo luogo le molte migliaia di giovani che da tutto il regno convenivano in Napoli a studiare, e però non li obbligava ad assistere ai corsi, e li lasciava sparpagliare nelle scuole private […]. Il bene, che a mio credere avanzava il male, era che l’insegnamento era liberissimo; la scienza non s’imparava dal professore ufficiale che insegnava come volevano i superiori, ma da maestri privati che in casa loro insegnavano come volevano: metodo, libri, sistema, ognuno aveva il suo, e i giovani correvano dai migliori e di maggior grido. E’ vero che per insegnare ci voleva il permesso della polizia, ma zitto zitto se ne faceva anche senza per un otto o dieci giovani che non parevano. Questo libero insegnamento ci ha salvati dall’ultima servitù, dalla servitù del pensiero, ed ha favorito l’educazione dei grandi e liberi pensatori che noi avemmo in ogni tempo” (Luigi Settembrini, Ricordanze, Ed. Napoli, 1879, Vol. I, p. 25).


< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 29 visitatori online
Utenti
21405 registrati
0 oggi
5 questa settimana
2034 questo mese
Totale Visite
13191106 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer