spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

STUDENTI EMIGRANTI: DUE PAROLE E DUE NUMERI PER IL MINISTRO MANFREDI PDF Stampa E-mail

RisultatiimmaginiperlogofedericoII

DUE PAROLE E DUE NUMERI PER IL MINISTRO MANFREDI (DISPIACIUTO PER LO STOP ALL'EMIGRAZIONE DEI GIOVANI UNIVERSITARI DEL SUD). Alcune regioni del Sud stanno sostenendo i ragazzi del Sud per non farli emigrare nelle università del Nord con ottimi provvedimenti e riduzioni delle tasse e dei costi dei servizi soprattutto in Sicilia e in Puglia. "Così non si
garantisce la libertà di scelta: è un principio di diseguaglianza, lontano da una logica di uniformità nazionale". Sono le parole del Ministro Gaetano Manfredi, campano, già Rettore dell'Università Federico II.
Caro ministro, lei parla di "uniformità nazionale e di diseguaglianza" se le regioni (dopo i drammi di partenze e rientri durante l'emergenza) tentano di fare qualcosa per evitare eventualmente quei drammi ed iniziare l'inversione di una tendenza che vede i giovani meridionali emigrare da oltre 150 anni. Caro ministro, quale uniformità&eguaglianza ritrova nei dati di queste emigrazioni universitarie e lavorative che stanno desertificando il Sud? Quale uniformità&eguaglianza tra quei giovani ai quali da oltre 150 anni spetta la metà dei diritti, del lavoro, dei servizi o delle speranze di quelli del resto dell'Italia e dell'Europa? Quale uniformità&eguaglianza in quel 42,3% di risorse destinate alle università del Nord
a fronte di quel 30% destinato a quelle del Sud? Quale uniformità& eguaglianza tra quei 400 milioni assegnati a Padova o a Bologna e i 100 assegnati in Calabria? Aiutare i giovani a non partire (più) magari rafforzando le università meridionali non rappresenta la risoluzione della questione meridionale ma di sicuro è un segnale positivo. Altro che "libertà di scegliere": se quei ragazzi se ne vanno è perché al Sud da oltre 150 anni non hanno quello che gli spetta e che classi dirigenti (politici o "formatori") non gli hanno mai assicurato. E se le università del Sud risultano agli ultimi posti in tante classifiche le colpe saranno di politici, docenti e rettori e di certo non di quei ragazzi. Altro che "libertà di scegliere": quei 175.000 ragazzi "emigranti" rappresentano un danno enorme "sul piano economico sociale e costano al Mezzogiorno tre miliardi di euro all'anno" (Svimez). E forse è questo il motivo per il quale i rettori del Nord non sono molto felici di queste mancate emigrazioni ed è il motivo per il quale un ministro campano e italiano dovrebbe esserlo, se vogliamo finalmente e veramente iniziare ad assicurare pari diritti al Nord come al Sud.
Gennaro De Crescenzo
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 21 visitatori online
Utenti
21400 registrati
2 oggi
12 questa settimana
1786 questo mese
Totale Visite
13183933 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer