spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

MA QUALE RAZZISMO? BREVE E TRISTE STORIA DEL VERO RAZZISMO (QUELLO CONTRO IL SUD) PDF Stampa E-mail

striscionirazzistitifosiintercontroilnapoli

MA QUALE RAZZISMO? BREVE E TRISTE STORIA DEL VERO RAZZISMO (QUELLO CONTRO IL SUD). In questi giorni si sente spesso parlare di “razzismo” contro la Lombardia e contro Milano. In realtà si tratta semplicemente di una difesa “a prescindere” di Lombardia e di Milano, nonostante probabili colpe da parte dei governi locali e centrali con danni e (povere) vittime ancora in queste ore e ancora in grado di
condizionare il resto dell’Italia. Si tratta, allora, solo di questioni sanitarie e gli idioti di turno continuano a confonderle con il razzismo dimenticando il vero razzismo. Il razzismo è un’altra cosa. E lo conosciamo bene noi a Sud. Lo conosciamo da oltre 150 anni. Da quando, cioè, nacque l’Italia con tante offese e tanti luoghi comuni ancora “vivi” sulla pelle dei meridionali. Per i giornali del tempo, allora, i meridionali erano tutti “pulcinella” vigliacchi che scappavano davanti agli eroici Garibaldi. “Che barbarie ! Altro che Italia! Questa è Affrica: i beduini, a riscontro di questi caffoni, son fior di virtù civile” oppure “si tratta di “province appestate ma almeno con la nostra forza, con la nostra superiore intelligenza e superiore morale possiamo sperare di governarle e domarle” (parole, tra le tante, di Farini e Pantaleoni). E ci pensò lo scienziato folle sabaudo/veronese Cesare Lombroso a “garantire” quel “razzismo” con la teoria della razza inferiore calabrese-meridionale autorizzando, di fatto, i massacri dei meridionali “briganti” e in fondo il successivo abbandono del Sud (lo slogan è ancora attuale: “è inutile aiutarli, non meritano aiuti”). Poi venne il tempo dell’emigrazione al Nord alla metà del Novecento e dei cartelli “non si affitta ai meridionali” e poi ancora quello del colera, marchio che nacque nel 1973 per 119 casi e 15 morti in tutto a Napoli, un’emergenza risolta in meno di un mese e con oltre un milione e duecentomila vaccini (da brividi i paragoni con i numeri attuali della Lombardia con oltre 16.000 morti e oltre 90.000 contagiati). E da allora gli striscioni e i cori (impuniti) sugli stadi e da lì al “razzismo” di oggi con attacchi numerosi, gratuiti e immotivati anche durante questa emergenza il passo è brevissimo.
Questa è storia ed è lì che nasce una questione meridionale sempre più irrisolta e sempre più drammatica e che nessuno risolverà fino a quando non ci libereremo dei complessi di superiorità padani e dei complessi di inferiorità meridionali. Il resto? Chiacchiere da bar (milanesi).  
Gennaro De Crescenzo
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 21 visitatori online
Utenti
21278 registrati
2 oggi
3 questa settimana
1740 questo mese
Totale Visite
13057143 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer