spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

CENERENTOLA È NAPOLETANA (E LA CASA EDITRICE CAMBIA IL LIBRO) PDF Stampa E-mail
Risultatiimmaginipercenerentola

CENERENTOLA È NAPOLETANA (E LA CASA EDITRICE DI BERGAMO CAMBIA IL LIBRO)! A volte bastano una mail e un interlocutore corretto per cambiare libri (e storia). Vi allego il botta e risposta (in soli due giorni) con la casa editrice. È, però, una ulteriore dimostrazione del fatto che dobbiamo continuare a "combattere" anche per... Cenerentola e per il nostro progetto di riportarla nel suo (e nostro) Palazzo Reale con



buona pace dei pochissimi e tristissimi personaggi che preferiscono grigi e patologici cavilli a sogni e orgoglio (e turismo)...
DE CRESCENZO AD ATLAS. Spettabili responsabili della casa editrice Atlas, (Bergamo), mia figlia ha adottato in prima media il vostro libro di Pellegrini e Ghezzi, "La scala dei sogni" (2017). A p. 177 è scritto che, per quanto riguarda Cenerentola, "la versione europea fece la sua comparsa solo secoli dopo con il testo scritto dai fratelli Grimm e, anche grazie alla versione della Disney, divenne molto più famosa della sua sorella maggiore con cui aveva in comune molti elementi". Si tratta di una notizia falsa perché la prima versione occidentale di Cenerentola è stata scritta dal napoletano Giambattista Basile, in lingua napoletana, nel famosissimo "Cunto de li cunti" (prima edizione nel 1634, circa due secoli prima dei fratelli Grimm e mentre Perrault aveva appena 6 anni). Al di là della necessità di raccontare cose vere ai ragazzi e a meno che non pensiate che Napoli non era e non è una città europea, vi richiediamo una opportuna rettifica. Ritenetemi a vostra disposizione per fonti e approfondimenti anche grazie agli studi del prof. Michele Rak, uno dei massimi esperti di letteratura barocca in Italia. Sono docente anche io e moniteremo le vostre prossime edizioni anche con altri colleghi. Cortesi saluti. Prof. Gennaro De Crescenzo, Napoli
ATLAS A DE CRESCENZO
Gentile professor De Crescenzo,
prima di tutto grazie per averci scritto. Consideriamo preziose le osservazioni sui nostri libri provenienti da genitori di alunni e da professori che li utilizzano. Abbiamo notato questo errore nel guardare il testo e nell’edizione di una nuova antologia che sta uscendo adesso lo abbiamo fatto togliere. Conosciamo il “Cunto de li cunti” di Basile e perciò non possiamo che essere in pieno accordo con il suo rilievo e ci scusiamo a nome della Casa editrice per l’errore. Rinnovandole quindi i nostri ringraziamenti per la mail che ci ha scritto, le inviamo i nostri più cordiali saluti.
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 19 visitatori online
Utenti
21020 registrati
0 oggi
0 questa settimana
1456 questo mese
Totale Visite
12839664 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer