spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

INSULTI E SOLITE (DEBOLISSIME) TESI: LA NOSTRA REPLICA SULLA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO PDF Stampa E-mail

Risultatiimmaginipergazzettadelmezzogiorno

LA NOSTRA REPLICA SULLA "GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO" (8/1/20) CONTRO CHI PUÒ USARE SOLO GLI INSULTI PERCHÉ FORSE SA CHE LE SUE TESI SONO (ORMAI) DEBOLI E PERDENTI. Surreale e debolissima la controreplica: si cita Romeo (ricerche di circa mezzo secolo fa) e non si entra, ovviamente, nel merito a proposito di scuole e Pil rifugiandosi in un
surreale "i dati non hanno bisogno di particolari interpretazioni" (in che senso? Se si citano fonti e documenti si replica con fonti e documenti). Peggio per loro: noi non ci stancheremo mai di raccontare le nostre verità storiche e i risultati sono sempre più positivi...
NESSUNO "INVOCA I BORBONI" MA TUTTI HANNO IL DIRITTO E IL DOVERE DI RACCONTARE LA VERITÀ STORICA SULL'UNIFICAZIONE ITALIANA.
In mancanza di scuse adeguate e riservandoci la possibilità di procedere nei termini legali e di richiedere a nome del movimento neoborbonico risarcimenti per eventuali danni morali e materiali (che assegneremo come borse di studio nelle scuole della periferia napoletana), si richiede al direttore della Gazzetta del Mezzogiorno la pubblicazione di una opportuna replica all'articolo del 4/1/20 firmato da Beniamino A. Piccone secondo il quale "chi invoca i Borboni -il cosiddetto movimento neoborbonico- è un demente". Non conosciamo Piccone e possiamo solo ipotizzare che si tratti di un intellettuale magari di origini meridionali trasferitosi al Nord: di sicuro sappiamo che utilizza come fonte principale il testo di un autore (E. Felice) per il quale "il Sud è rimasto indietro" per colpa... del Sud. Peccato, però, che lo stesso autore sia stato "sconfessato" da due suoi colleghi accademici (V. Daniele e P. Malanima) che hanno definito il suo libro più adatto "agli scaffali della pubblicistica" che a quelli degli studi economici. Peccato anche che la stessa tesi è la tesi utilizzata da oltre 150 anni dalla storiografia ufficiale e per 150 anni non è riuscita a risolvere le questioni meridionali sconfinando, spesso anche involontariamente, nel razzismo antimeridionale. Peccato anche che qui nessuno (meno che mai il movimento neoborbonico) "invochi i Borboni" (cognome che tra l'altro non andrebbe pluralizzato) ma utilizzi solo ricerche soprattutto archivistiche e anche ricerche recenti di accademici come gli stessi Daniele e Malanima o Tanzi, De Matteo, Fenoaltea, Ciccarelli, Collet o Davis che hanno ormai dimostrato che la questione meridionale nasce dopo dopo l'unificazione italiana e che livelli di redditi, pil, risorse bancarie, demografia e industrializzazione al Sud erano pari o superiori a quelli del resto dell'Italia. Che "le vittime meridionali siano figlie dei Borbone", poi, è tesi davvero strana se pensiamo alle migliaia di "briganti" uccisi, incarcerati o deportati o se pensiamo ai milioni di meridionali emigrati fino ad oggi e partiti solo dal 1870 (a differenza delle altre regioni italiane dalle quali si emigrava già prima del 1860). Altro che "Borbone che contrastavano chi voleva fare impresa": fino al 1860 al Sud contavamo oltre un milione e seicentomila operai (quasi il doppio di quelli del Nord) e oltre 6000 fabbriche (dati-Fondo Ministero Agricoltura Industria e Commercio, Archivio di Stato di Napoli). In quanto all'analfabetismo, studi archivistici recenti stanno dimostrando che le famose percentuali del censimento del 1861, con i dati originali perduti per sempre, furono falsati e condizionati politicamente se è vero che nelle Due Sicilie c'erano oltre 7000 scuole elementari (v. i dati del Fondo Ministero Istruzione sempre presso l'Archivio di Stato di Napoli). È vero: "senza classi dirigenti adeguate il Sud non andrà da nessuna parte" ma servono anche classi dirigenti (giornalisti, docenti e opinionisti compresi) consapevoli e fieri della propria storia e magari capaci anche di evitare insulti contro chi non condivide le proprie tesi.
Prof. Gennaro De Crescenzo
Presidente Movimento Neoborbonico


< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 35 visitatori online
Utenti
20803 registrati
1 oggi
11 questa settimana
1750 questo mese
Totale Visite
12704584 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer