spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

MEDIA CONTRO NAPOLI E IL SUD (ANCHE PER LE VERGOGNOSE AGGRESSIONI AI MEDICI) PDF Stampa E-mail

Risultatiimmaginiperaggressionimedicimilano

L'ANNO INIZIA COM'È FINITO: CONTRO NAPOLI E CONTRO IL SUD MENTRE LE (VERGOGNOSE) AGGRESSIONI AI MEDICI NAPOLETANI DIVENTANO UN CASO NAZIONALE E QUELLE MILANESI
RESTANO A MILANO... Diverse (vergognose) aggressioni a medici e infermieri napoletani sono diventate "Napoli peggio che in guerra" sui media di tutta l'Italia. Eppure quelle aggressioni (purtroppo) avvengono in tutta l'Italia. Eppure le denunce degli operatori locali magari lombardi o veneti restano in Lombardia o in Veneto e non diventano titoloni di giornali, tg o Televideo. Qualcuno lo chiama "sputtanapoli", io lo chiamerei semplicemente razzismo se lo stesso schema non è applicato altrove: pochi giorni fa Il Giorno (di Milano) ci informava che in Lombardia le aggressioni sono state 1142 in 6 mesi (6 al giorno, circa 5000 in meno di 3 anni)... E lo schema è lo stesso se parliamo di altro (ad esempio i fuochi di Capodanno con Napoli che ha registrato meno feriti di altre città ma con i soliti titoloni dedicati a Napoli). Qui nessuno vuole nascondere nulla sotto i tappeti, chi fa queste cose deve pagare a caro prezzo i suoi reati, nessun buonismo, nessuna tolleranza, non esiste un mezzo gaudio per questo "male comune", ma anche chi lancia dalle nostre parti titoloni sensazionali ("collaboratore" consapevole o inconsapevole di un sistema mediatico e poi politico) deve sapere che rischia di ottenere il risultato contrario a quello che si prefigge perché (da 150 anni) quel titolone diventa titolone in tutta Italia, perché in questo modo Napoli e il Sud subiscono da 150 anni questioni meridionali che partono proprio da tesi in sostanza razziste ("è inutile aiutarli", "non potremmo mai salvarli" o anche "è inutile che ci aiutino", "facciamo schifo" ecc.ecc.ecc.). Ecco perché da queste parti servirebbero operatori (sanitari e non), giornalisti, politici e politicanti consapevoli ma anche attenti e sensibili: Napoli e il Sud andrebbero trattati con l'attenzione e la sensibilità che si devono usare con le persone magari fragili e malate a cui vogliamo bene. E sono ancora pochi quelli che lo capiscono.
Gennaro De Crescenzo
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 16 visitatori online
Utenti
20950 registrati
0 oggi
81 questa settimana
1593 questo mese
Totale Visite
12763957 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer