spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

QUALITA' DELLA VITA: MILANO PRIMA? PDF Stampa E-mail

Risultatiimmaginiperqualitàdellavitasole24ore

QUALITA' DELLA VITA SECONDO IL SOLE24ORE, MILANO AL PRIMO POSTO, E' LA PIU' PERICOLOSA MA ANCHE LA MIGLIORE PER QUALITÀ DELLA VITA (?), OGNI ANNO LA SOLITA CLASSIFICA, OGNI ANNO LA NOSTRA SOLITA RISPOSTA, NON PERDIAMO TROPPO TEMPO!!! Ringraziamo “con la faccia per terra” il Sole24Ore per avere "riconosciuto" i
meriti di Napoli, una città nuova, migliorata di ben 10 punti, grazie alla loro classifica. Dopo 2800 anni di storia ci mancava anche questo. Ma, al di là di ciò, non ci viene mai detto qual è il campione di cittadini intervistato (ovvero se sia lo stesso in tutte le città), se c'è un campione di cittadini, né quali siano i parametri di riferimento utilizzati. Inoltre non si capisce il senso di una scelta: mettere nella stessa classifica metropoli come Napoli, Milano, Roma, che contano milioni di abitanti, con Bolzano, Trento ed Aosta che contano al massimo 100.000 cittadini se non poche migliaia. Inutile ovviamente ricordare che la sede ufficiale del Sole 24 Ore S.P.A. si trova a Via Monte Rosa, 91, 20149 MILANO... Milano PRIMA ma tra le prime città più pericolose d'Italia, per classifica di furti, rapine, pessima qualità dell'aria, zona vicina alla Bresciana, Terra dei Fuochi più grande d'Italia, al 4° posto della classifica specifica per violenze sessuali, 3° posto per gli infanticidi (nella cui classifica specifica è preceduta da Ancona) e le estorsioni, al 2° per furti con strappo e rapine (anche informatiche!) e al 1° per furti con destrezza (classifica di due mesi fa del Sole 24 Ore). COME FA LA CITTA' PIU' PERICOLOSA D'ITALIA AD ESSERE LA PRIMA PER QUALITA' DELLA VITA'? Magari spieghiamo anche perché al Sud "c'è minore qualità della vita?" Forse per gli oltre 100 miliardi di euro all'anno che spettano al Sud ma vanno al Nord e ormai più che dimostrati da Svimez, Istat, Commissione Finanze ed economisti di partiti da sinistra a destra ed Unione Europea? Meno soldi equivale a meno qualità della vita, secondo il Sole 24 ore ed è chiaro che se al Sud i soldi non arrivano, non migliora neanche la qualità della vita ed il motivo è tutto qui: si chiama Unità d'Italia senza unità. Gli indicatori che vengono usati per le classifiche sono per la stragrande maggioranza di tipo economico: reddito pro-capite, accessibilità al lavoro, giornate lavoro/anno, numero banche/aziende, più precisamente in sei macro aree: ricchezza e consumi (soldi), affari e lavoro (soldi), demografia e società (soldi, dove ci sono più soldi ci sono più persone), ambiente e servizi (soldi), giustizia e sicurezza (soldi), tempo libero (strano, se i disoccupati stanno al Sud, c'è anche più tempo libero e nullafacenza ?). MANCANO i seguenti indicatori: 1) Qualità dell'aria 2) Numero suicidi 3) Numero divorzi 4) Qualità del cibo 5) Rapporti interpersonali 6) Legami familiari 7) Storia di civiltà 8) Livello di razzismo  9) Utilizzo degli PSICOFARMACI e delle sedute da psicologi o psichiatri…  insomma, ciò che veramente ti riempie la vita, E potremmo continuare... Il problema è che questi indicatori manipolati servono per tenere in condizione di soggezione psicologica le popolazioni del Sud, per cui i suoi cittadini devono sentirsi inferiori ed "obbligati" a scegliere quelle città per garantire a se stessi ed ai propri figli una vita dignitosa, lontano da quel Sud stretto e retrogrado; o magari serve a quei turisti che vedono il Sud come luoghi di morte e di bruttezza da cui è meglio tenersi alla larga. Una cosa è certa: Milano deve ringraziare l'Italia da 159 anni, perché dal nulla che era, considerata la periferia dell'Austria, è diventata la vera capitale d'Italia, cosa che invece non possono dire Napoli, Palermo ed anche Roma (quest'ultima, capitale solo su carta), che da questa Unità ci hanno solo perso e mai guadagnato. QUESTA ITALIA MI FA SEMPRE PIU' RIDERE (O PIANGERE).
Emilio Caserta
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 32 visitatori online
Utenti
20803 registrati
1 oggi
11 questa settimana
1750 questo mese
Totale Visite
12704573 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer