spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

OTTIMO ARTICOLO SU "STORIA IN RETE" PER "IL LIBRO DEI PRIMATI DEL REGNO DELLE DUE SICILIE" PDF Stampa E-mail

Risultatiimmaginiperlibrodeiprimatidelregnodelleduesicilie

OTTIMO ARTICOLO (3 PAGINE) DEDICATO DA “STORIA IN RETE” AL NUOVO “LIBRO DEI PRIMATI DEL REGNO DELLE DUE SICILIE” DI GENNARO DE CRESCENZO. CON IL FAMOSO ELENCO AGGIORNATO, DOCUMENTATO (135 PRIMATI, OLTRE 100 IMMAGINI). ESTRATTO ALLEGATO… «Dai lavori pubblici al diritto, dalle produzioni specialistiche alle scoperte
scientifiche, dalle conquiste sociali alle tecnologie più avanzate: spesso, leggendo tra i documenti della nostra storia le notizie relative ai primati del Regno di Napoli, di Sicilia e delle Due Sicilie (useremo l’ultima definizione per sintesi) viene fuori un quadro inedito di una nazione che stava seguendo un suo percorso politico, sociale, economico e culturale sostanzialmente coerente con le scelte delle sue classi dirigenti e con le aspettative dei popoli governati. In qualche caso si trattò di episodi importanti ma isolati, altri hanno costituito le basi e le premesse per ulteriori progressi. Quei primati restano la rappresentazione più efficace della storia di un regno, delle sue popolazioni e dei suoi governanti, oltre che l’esempio di ciò che sapevamo fare appena un secolo e mezzo fa: una sorta di “spot”, di “simboli” e di “icone” in un’epoca nella quale si vive sempre di più di spot, simboli e icone, di immagini che siano in grado di raccontare e di spiegare (ed è questo, forse, uno dei motivi del loro successo e della loro diffusione). Del resto, che molti di questi primati siano il frutto di una proficua armonia tra governanti e governati, oltre che, in alcuni casi, della genialità dei singoli, è nella logica piuttosto che nei giudizi storiografici limitati, spesso, da ideologie e preconcetti: se Mozart o Paisiello non avessero avuto in regalo un pianoforte, sarebbero mai diventati i musicisti che ammiriamo? Allo stesso modo, se architetti o ingegneri o economisti tra Settecento e Ottocento non fossero stati messi nelle condizioni di studiare e di operare magari con l’assegnazione di una cattedra universitaria o l’affidamento di questo o quel lavoro, avremmo così tanti primati da elencare? E così il famoso “elenco dei primati” pubblicato intorno al 2000 sul sito neoborbonici.it e, forse per la prima volta a livello editoriale, nel mio libro “Le industrie del Regno di Napoli” (Grimaldi, 2002), è stato uno dei testi più copiati e riprodotti del web nel mondo del meridionalismo e non solo. Parallelamente, però, a questa “voglia di orgoglio” ben rappresentata da quell’elenco, ha risposto una “voglia di ridimensionare” quell’elenco (e quell’orgoglio). “Il primo che incontriate per strada o altrove può farvi dotte lezioni sui cento e cento primati del Regno delle Due Sicilie, sulla rapina delle ricchezze meridionali dopo il 1860”… “Dobbiamo stare molto attenti ai primati borbonici: i primati borbonici possono essere pericolosi”: sono solo alcune delle tesi esposte dai più famosi accademici interrogati sul tema. Al di là dell’oggettivo e poco riuscito tentativo di minimizzare il discorso (si citano un paio di primati ma i primati sono oltre cento e nei settori più disparati), come spesso capita negli ambienti accademici quando si affrontano temi riferibili al cosiddetto “revisionismo”, manca un’analisi attenta del tema e una sua adeguata contestualizzazione anche per quanto attiene alle prospettive e alle conseguenze di quei primati: il primato di una nave a vapore associato a quella della prima compagnia di navigazione sempre a vapore nel Mediterraneo, il primo cantiere navale o la prima flotta mercantile e militare, il più alto numero di tipografie e di libri annualmente pubblicati o la più alta quotazione di una rendita statale o il minore carico tributario sono l’efficace sintesi di una situazione che in quel tempo e nel resto dell’Italia (e in alcuni casi) dell’Europa non temeva confronti. Altro che ‘telegrafo e ferrovia’… ». IN TUTTE LE LIBRERIE E ANCHE ONLINE O DIRETTAMENTE PRESSO GRIMALDI EDITORI DI Marzio Alfonso Grimaldi

ESTRATTO DA STORIA IN RETE, numero di settembre (per acquistare anche in pdf http://www.storiainrete.com/arretrati/ )


< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 45 visitatori online
Utenti
20754 registrati
5 oggi
16 questa settimana
1897 questo mese
Totale Visite
12607334 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer