spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

IN GERMANIA TRA SOGNI E STORIE. BREVE RACCONTO DI UN GRANDE VIAGGIO PDF Stampa E-mail
RisultatiimmaginiperMAINZ

IN GERMANIA TRA SOGNI E STORIE CHE MI PORTERÒ DENTRO. UN (PICCOLO) RACCONTO DI UN (GRANDE) VIAGGIO. "Un sogno? Treni, navi e aerei carichi di emigranti che ritornano a casa". Fu una delle mie prime dichiarazioni al Mattino quando nacque il Movimento Neoborbonico ed è con queste parole che si sono chiusi i due incontri in Germania con interventi miei e di un affettuoso,

appassionato e impeccabile Rocco Morrone, organizzatore e regista delle due serate (sta già pensando ad altri incontri). Prima nella splendida cornice del Museo Centrale di Wiesbaden con la prestigiosa Società Dante Alighieri (sala piena e tante domande sulla storia di Napoli). Poi presso la Missione Cattolica con l'Accademia Italiana di Mainz in una sala altrettanto gremita e con tantissime domande di italiani/meridionali/tedeschi sul Sud del passato e del futuro e con tante storie che mi porterò a Napoli e che mi resteranno dentro come una delle esperienze più emozionanti e importanti di questi 26 anni di attività. "Io non la posso ripetere quella cosa dei treni che hai detto tu perché sennò mi metto a piangere: non è che qua mi trovo male ma al paese mio ci tornerei". Franco fa il sarto in Germania da 50 anni ed è di Boscoreale. E qua trovi tanta gente che parla tedesco ma con l'accento siciliano, qualcuno è nato qua, qualcun altro è partito, è tornato ed è ritornato a partire, per sempre, perché poi i soldi finiscono e a Letojanni il lavoro non c'era e non ci sta. E i figli di Rocco (tre giornate con lui come se stessimo a casa nostra, in famiglia, io e mia moglie) parlano 4 lingue (il tedesco, l'italiano e anche il napoletano e il siciliano e Rocco ama e diffonde da anni la nostra storia). Qualche sciarpa di Maradona, una pizza uguale a quella che mangi a Napoli ma "io non mi sento italiano, mi sento napoletano". Anna e Antonio sono del Cilento e stanno qua da 5 mesi: lei ha deciso, lui no, forse non ancora, perché Ascea è bellissima ma quando lo trovi un lavoro vero? "Cinquant'anni fa Agnelli chiuse l'Alfa Romeo di Pomigliano D'Arco e a papà arrivò una lettera: o vieni in Germania o perdi il posto e papà venne a vivere qui, io tenevo cinque anni e da allora non sopporto la Juve". Enzo, invece, fa il tranviere, si alza tutte le notti alle 4 che è ancora buio e fa freddo e i figli (bellissimi, 6 e 10 anni) odiano tutte le cose bianche e nere come le maglie di quelli là. "Vi seguo da anni tutti i giorni su facebook, grazie per tutto quello che fate": Mario è di Venosa, la città di Orazio (sorride fiero quando glielo ricordo) e non crede più nella politica italiana: "non voto più, sono tutti uguali, fate qualcosa voi". Riccardo, invece, ha il papà di Cirò Marina e la mamma molisana e pensa ancora che l'Italia sia unita (la sua è una certezza, la mia una speranza, se parliamo di diritti e occasioni, le stesse che qualcuno ha negato a lui che parla con l'accento tedesco). All'aeroporto di Francoforte in partenza per Napoli due ragazze con i bambini in braccio (i mariti lasciati in Germania) salutavano da lontano altri parenti appena arrivati. I nostri ragazzi devono scegliere di venire a Francoforte, non devono essere costretti a venire in Germania come fanno da 150 anni. "Perché i meridionali di fronte a tutte le ingiustizie subite in 150 anni non si sono mai ribellati?": è la domanda di un attento psicologo tedesco in prima fila. Ha ragione e ce lo chiediamo da molto tempo. Forse 150 anni di colonizzazione sono bastati, forse la "ribellione" sarà solo una sacrosanta richiesta di giustizia e di una dignità perduta e che stiamo ritrovando. Forse ai nostri figli e ai nostri nipoti, se continueremo a raccontare storia e orgoglio come stiamo facendo in questi anni in Italia (e all'estero), toccherà il futuro che meritano. Intanto io posso solo ringraziarvi e magari, prima o poi, forse, quei treni, quelle navi e quegli aerei...
Gennaro De Crescenzo

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 28 visitatori online
Utenti
20760 registrati
0 oggi
5 questa settimana
1903 questo mese
Totale Visite
12618536 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer