spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

“NAPOLETANITÀ.DAI BORBONE A PINO DANIELE” IL NUOVO LIBRO DI GIGI DI FIORE: UN VIAGGIO DELL'ANIMA PDF Stampa E-mail

Risultatiimmaginipernapoletanitàdifiore

“NAPOLETANITÀ. DAI BORBONE A PINO DANIELE” NEL NUOVO LIBRO DI GIGI DI FIORE: UN (VERO E APPASSIONANTE) “VIAGGIO NELL’ANIMA DI UN POPOLO”. Prevale in tutto il testo del nuovo libro di Gigi Di Fiore (“Napoletanità. Dai Borbone a Pino Daniele”) l’idea del viaggio. Un viaggio per capire e per illustrare ai Napoletani (e ai “forestieri”) che cos’è Napoli e che cos’è la “napoletanità”. Ricorre spesso anche

la differenza tra “napoletanità” e “napoletaneria” (o “lazzarismo”) con diversi spunti nei quali l’autore cerca di spiegarne le caratteristiche rendendo in fin dei conti eterni i discorsi su Napoli e allo stesso tempo affascinanti e vivaci i dibattiti diventando essi stessi letteratura, come dimostra lo stesso Di Fiore in tutte le 372 pagine del libro e con le due belle appendici dedicate alle citazioni (“Hanno detto e scritto” e “Napoli e i napoletani visti da lontano”). Un viaggio nel quale, incrociando persone e luoghi, la nostra guida ci lascia le sue impressioni ed una serie di notizie anche inedite (una caratteristica del Di Fiore storico anche quando ha trattato i temi del Sud pre e post-unitario), un viaggio diviso in “tappe” (“L’orgoglio del passato”, “L’identità scippata”, “Ansia di riscatto”) fino alla bibliografia definita felicemente “bussole per il viaggio”. Di qui, allora, una rassegna dei simboli più significativi della “napoletanità”: da Pino Daniele e il continuo alternarsi di odio e amore per la città (visse di Napoli e la raccontò -anche secondo il mio parere di amante e studioso dei suoi testi- come pochi, pure preferendo vivere e morire in Toscana) a Carlo di Borbone (la nascita della Nazione Napoletana e di un orgoglio fatto opere e pietre che ancora oggi ci rappresentano: “E la dignità si misurava anche nella grandezza di una capitale che fosse all’altezza delle ambizioni di una monarchia, con palazzi fastosi, opere di bellezza architettonica, riconoscibili luoghi d’identità cittadina”). Dal Mattino (le pagine più cariche di amore e anche di malinconia in una storia che appartiene a tutti i Napoletani e allo stesso autore, firma di punta del “giornale del Chiatamone”, sede lasciata per sempre in una colpevole indifferenza quel 13 settembre del 2018) al Banco delle Due Sicilie e poi di Napoli (origini cinquecentesche, svolta settecentesca con Ferdinando IV che la trasformò in “cuore pulsante della nazione” attraverso i -documentatissimi- saccheggi garibaldini e unitari fino ai misteri delle ultime gestioni e delle dismissioni con nomi e cognomi dei “colpevoli”). Dalla fabbrica di Bagnoli (voluta da Nitti con una nascita e una fine che segnarono in vari sensi la storia della città sia in positivo che in negativo) alle rivolte del 1647 con Masaniello (“viva il re e la Madonna del Carmine, muoia il mal governo”) e del 1799 con l’eroismo di quei lazzari esaltati dagli stessi nemici francesi. A questo proposito si aprono delle possibilità di dibattito interessanti. Se è vero che quei lazzari diedero luogo a diversi eccessi (si trattava di una guerra sanguinosa e per giunta difensiva di fronte ad una invasione), può essere complicato trovare dei legami che li uniscano agli artefici delle “lazzarie” di oggi e distinguerli magari dagli operai seri e impeccabili dell’Italsider dei nostri tempi: sono proprio i secondi a dimostrarci che -secondo il nostro parere- se ai Napoletani offriamo occasioni e speranze non hanno bisogno di diventare lazzari ed era questo, del resto il progetto dello stesso Nitti con la finalità di dimostrare che a Napoli non esistono napoletani “pigri e indolenti”, come la retorica nazionale spesso sosteneva (e sostiene). La sensazione (personale) è che spesso, invece, la città “borghese” o “alta”, rispetto a quella “lazzara” o “bassa”, si sia chiusa nei propri palazzi facendo scelte non distanti da quella che sentiva come città “altra” ma “contro” quella città e penso ai tanti quartieri totalmente abbandonati dai governi locali e centrali senza quelle occasioni e quelle speranze che (a meno che non ci sentiamo dei neo-lombrosiani) in quelle occasioni e in quelle speranze potrebbero trovare (e troverebbero, com’è capitato qualche volta nella nostra lunga storia) un riscatto vero. E il fatto stesso che io stesso stia parlando di questi temi dopo la lettura del libro di Di Fiore dimostra come questo libro sia “vivo”, attuale e utile. A questo proposito altri spunti riferibili a oggi li ritroviamo proprio nella storia del Mattino: così leggiamo la storia dei processi subiti dal poeta Ferdinando Russo, colpevole di aver ricordato con nostalgia i Borbone (“Ah mannaggia Calibarde! Francischiello, Francischiè!”) e potremmo dire colpevole di eccesso di “napoletanità”; così leggiamo la storia delle polemiche tra il direttore Scarfoglio e Saredo, autore di una relazione nella quale avrebbe “infangato e disonorato Napoli” criminalizzandola come una città senza speranza (e pensiamo ai tanti e recenti esempi del cosiddetto “sputtanapoli” operato dai media nazionali). A Saredo si oppose anche lo stesso Nitti che “si mise d’impegno e scrisse in maniera serrata, tra il settembre e l’ottobre del 1901” un testo nel quale diceva in pratica “basta con il luogo comune dei napoletani parassiti, basta con l’idea che in quella città non ci fosse spazio per imprese e operai. L’esempio di Pietrarsa era ancora vivo” (e Di Fiore racconta della prima fabbrica metalmeccanica italiana la storia e l’evoluzione dalle origini, con Ferdinando II di Borbone, al massacro degli operai nel 1863 e fino alle vicende più recenti). “E se c’era una cosa che irritava Nitti era il pregiudizio, diffuso soprattutto al Nord, sull’indolenza meridionale”. In questo senso Di Fiore ci fornisce un altro spunto interessante: forse l’idea della “napoletaneria” nasce altrove e nasce per interessi di una certa parte dell’Italia o di Napoli (complice e colpevole quanto la prima) proprio per auto-assolversi e continuare a mantenere le sue posizioni di privilegio rispetto alla Napoli “altra”. E il viaggio continua, però, con altri incontri: San Gennaro (“uno di famiglia, uno di casa”), le domeniche filosofiche a casa di don Benedetto Croce, passando per Roberto d’Angiò o Di Giacomo, Bovio, Compagnone, Ortese, Prisco, Rea, Malaparte, Ortese o all’Eduardo del “fuitevenne”, con Pino Daniele, per carattere e personalità, un caso-limite  tra quei Napoletani che nel corso dei secoli hanno preferito lasciare la città della quale comunque sono vissuti (con l’eccezione dei tanti che avrebbero voluto viverci ma non hanno potuto farlo). Tutti testimoni di una “napoletanità” a loro modo autentica, amata e odiata (“maledetta  napoletanità”, chiude Di Fiore) ma con la quale tutti facciamo o faremo i conti e che, ci piaccia o no, ci accompagna quotidianamente nelle nostre vite a Napoli o “da lontano”… magari sfogliando le pagine di questo libro che fornisce un contributo importante ad un dibattito che (ne siamo sicuri) non smetterà mai di appassionare e di coinvolgere chi a qualsiasi titolo o in qualsiasi modo ha a che fare con questa città.
Gennaro De Crescenzo 

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 24 visitatori online
Utenti
20733 registrati
0 oggi
3 questa settimana
2190 questo mese
Totale Visite
12572402 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer