spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

"SALVINI NEOBORBONIZZANTE"? REPLICA PUBBLICATA SU "LETTERA 43" PDF Stampa E-mail
data:image/png;base64,iVBORw0KGgoAAAANSUhEUgAAAOEAAADhCAMAAAAJbSJIAAAArlBMVEX///+0AAr7+/sjHyCvAACyAADy2dr67u8AAAC0AAftz9Dv09SIh4fKbW8TDQ4aFRZjYWK6Iyf24+TSh4jmu7zQfH63FBnZl5nAv7/IY2Z3dXbOdXednJzgr7DboaIOBQiysbFubW3My8va2todGBnCTE+lpKRNS0vpxscoJCVbWVnWj5Dmvb6Uk5PAREft7e29NTg7ODne3d7GW11JR0gwLS746eq6KCzbnqCMi4t2EEKrAAAGNElEQVR4nO3da1fiOhQG4FIaaEFBKQ4qQlEuKiA4jGfE///HTpOdtElpoQJO2az9ftAmpm0eLklaWDOWfe6xbOu8Q0L8ISH+kBB/SIg/JMQfEuIPCfGHhPhDQvwhIf6QEH9IiD8kxB8S4g8J8YeE+ENC/CEh/pAQf0iIPyTEHxLiDwnxh4T4Q0L8ISH+kBB/SIg/JMQfEuIPCfGHhPhDQvwhIf6QEH9IiD8kxB8S4g8J8YeE+ENC/CEh/pAQf7KE1YJjxx2Mf1pm5WHCO6fY1GQ/nlzI0rKmsHUR1rqpefyW8JKVioxTl/2YBOUwo9dw86rJNxtc2CinpHGPUngvMM3H8xX+HvHOBw9nK7Rd0Xn36ceE8LaPTsy0scAzi7zCLDOzATP2Z/ojqLVICIdSuPwpodOu12r1niKyTliUqTOPzeJiWOGx94pe7jJ2HVfUfVZil2qHeeeTP0SS04YWfbYhHICwbKUKGzCGBocIW3y7ooTOXGsRCnvGLowtjPIsFGrFsP/M18ptRfQcWdNyNoQXMNBcpQobF7ciAyAGX0cQto8otGrysOyX6sum8AMGmrdUoTvQH4aymy4pUGj9gVclG6uKXywplG/D223CJTSCh+GfCjumsLchlO87dqMqxknhShtoMoVQX25kLOX2EP697PKEHb6b+f6LaO77/sxj12F5BpxwY6yEa9F+rIRV7x0emjYcl615Ja/oJoVyoAk0yYZQDbeTdOA+wlY41DMx2oc/nY5ozqu8kqgX5S6vKEnhH7WDFDrMqWpCMX7Vec06KfyCgWa6TTgV1WJddzxhKQ4DIVNDvxw2bsTuUninOq6E8rhKWAm357xmHh1ZCqdioGl8bRE+6W/VUxXyp69X00+khA2995pQXkxwISzrRr+zgCcg9MTrujOHvxhCOUq6q6Qw+qe6rVttWXeqQhiB/Z5xGBCq7ltJYZxX8RQ2nzOBpyC8FOcTx1moliB8g4vD52zhRD4Gw5MWiiOM/fiskdA0pQhteKM206/uDxCq2SKnMGu26LH4oJ93/GfHFDaNxVmK8HbXQLqfsLruh/FZbmGbt+8vohn/egEzPkzwgIGlW9vRhUvzJZgtLLsf2S/TvVdt8rWaRwi5S67aWtpkYTuiad0QqqnO3iksj9yMVekBwsqBwr9r2Acmi/CVC7904UNgTHXbhOHjkEUsTFidf0KbdziaI/qhrhmF8BFI6sJ2uzBzSizwVWpdi7WtGGJeHBh83pkmfIVl9yCfcPRxNGG1x9PJP9K88PbtaKSx+/2KqBfjCtT1HLE6jSYWIZTdb8o1mpjbk0LXDZrqSVwdS9jSbxvlmy3UjalotqjDBj+mGFfXjiMuw/wUoRlDuBoMBpN7eZ8mSL9+KmbGZ3AVyd91cP++fXMjfve+J4QsgXiUO1FHE3ZiYUs/7YuzhzA5JJ2W0HOM87f2Et6fsjC60Sa7I6eLcxKOzfPK220gNJMylqIQihtt9ksYUTXWhLdGnp5HkXDwIKIW3Kct7MMZHDnl32jCRLQZ/8oNwriKdAShxxMLZTG/UO6QIoRpkA+hcK5+LmFi8DyCkF/ehV3Urw8lMZ9Q7pAmFEsZvrqBLXm77R8LIeGVTeKed14hJLqrbwpt+Tf5bFYKFNZ+QshKYmPGokXv2QkXUXMYcyyP5RACafSf/Mvroau2WGh+fngMYVds8NFWrlUXeYRwE67cfB4MV8PBB1xdZHz4VPRzCBt8FpQfQXXzCOX9jfJIWwpkXQJvF3pMi5csAkkvRGVmFKKqqHFigyX33CG01DWhnlEqZNc3FTwtm8W4SSnO5h+19tHW5oaxuUs42VyzqpuO3xQWlV1CaxokgME0HYhWaD2bz6Kb+ckFWqH15gZyiOF3ch6ygCf/3UQt2ncToeuTaSBqGtPJlq9jZglblWKT0qvhk4hxR225Gq6W2bptwvMJCfGHhPhDQvwhIf6QEH9IiD8kxB8S4g8J8YeE+ENC/CEh/pAQf0iIPyTEHxLiDwnxh4T4Q0L8ISH+kBB/SIg/JMQfEuIPCfGHhPhDQvwhIf6QEH9IiD8kxB8S4g8J8YeE+ENC/CEh/pAQf0iIPyTEHxLiDwnxh4T4Q0L8saP/O+ls8z+ujaWz+6mBPwAAAABJRU5ErkJggg==

REPLICA NEOBORBONICA PUBBLICATA SU "LETTERA 43" ALL'ARTICOLO NEL QUALE (ADDIRITTURA) SI SCRIVE CHE SALVINI STA NEOBORBONIZZANDO L'ITALIA. L'articolista, in controreplica, parla (a proposito della mia nota) di una "BREVE MA COMPLETA E CHIARA CRITICA SUL RAPPORTO

SUD-NORD" e definisce "l’approccio neoborbonico ormai una scuola di pensiero e una letteratura" (e lo ringraziamo per questo). Scrive anche, però, che i dati raccolti dagli accademici Daniele e Malanima non sono per lui "attendibili" (e cita l'autore "smantellato", fonti alla mano, da Daniele e Malanima), ri-cita fonti non nuovissime (1911), non confronta i dati dell'analfabetismo e dei bilanci statali, non ricorda bene, infine, il libro di Davis nel quale si smantella la tesi dell'arretratezza meridionale preunitario (riferendosi, forse, solo al titolo, scrive: "se ben ricordo affrontava il tema del rapporto tra Napoli, Napoleone e Parigi").
IL TESTO DELLA NOSTRA REPLICA.
Quella strana tesi sulla neoborbonizzazione salviniana dell’Italia… Secondo Mario Margiocco, Salvini starebbe “neoborbonizzando” l’Italia. Da neoborbonici, allora, passata la fase “sconcertata” di fronte a questa affermazione, potremmo anche festeggiare… L’articolo del 16/6/19 su Lettera43, scherzi a parte, rende necessarie alcune osservazioni. Solo una premessa: le critiche salviniane all’Unione Europea potrebbero avere (dati alla mano) un fondamento ma il destino dell’Europa è ancora sconosciuto mentre è certo quello che è toccato al Sud in questi 150 anni anche per colpa di politiche come quelle leghiste o simil-leghiste di destra come di sinistra. Per l'articolista, allora, da circa 30 anni (da quando cioè è nato quel Movimento Neoborbonico che rappresento) sarebbe "risorta una mentalità neoborbonica": quella che "addossa ogni colpa al Nord", parla di "piemontizzazione del Sud" e arriverebbe al "secessionismo" dopo opportuni "risarcimenti". Per l'articolista le Due Sicilie erano "terre allo stato brado" senza strade, ospedali e scuole, con riserve auree consistenti perché i Borbone non spendevano i loro soldi. Peccato, però, che l'articolista forse non abbia aggiornato le sue ricerche sia dal punto di vista archivistico (un occhio ai fondi Ministero Agricoltura Industria e Commercio o Ministero Finanze presso l'Archivio di Stato di Napoli non sarebbe male) o bibliografico: gli suggeriamo i recenti studi di Daniele, Malanima, Collet, Ciccarelli, Fenoaltea, De Matteo, Tanzi o di quel Davis (2014) che arriva ad affermare che le tesi sulla arretratezza del Sud preunitario furono inventate dagli artefici dell'unificazione per giustificare i loro fallimenti. Altro che i poeti o i "resoconti dei viaggiatori ottocenteschi" citati dall’articolista… Scoprirebbe così che i livelli di redditi (medi), del pil, di crescita demografica e di industrializzazione al Sud erano pari o superiori rispetto a quelli del Nord e che la mortalità infantile era la più bassa in Italia (più alta, invece, la percentuale di medici per abitante). Scoprirebbe anche (fondo Ministero Istruzione) che le scuole erano circa 7000, che furono in gran parte chiuse con l’applicazione della legge (sabauda) Casati, che gli iscritti nelle università del Sud erano il doppio di quelli del Nord e che la tesi dell’assenza di una politica per la scuola in epoca borbonica è del tutto falsa, come dimostrano studi recentissimi (G. Ferraro, 2017). Nessuna “Borbonia felix” (mai detto o scritto), allora, ma un territorio con un suo sviluppo e con trend di crescita costantemente positivi e interrotti solo dal 1860 in poi in una drammatica continuità e con questioni meridionali nate solo nel 1860 e mai risolte. Peccato anche, però, che i neoborbonici non cerchino (solo) "fuori" i colpevoli delle questioni meridionali denunciando da circa 30 anni le colpe delle classi dirigenti padane e anche di quelle nostrane (loro complici) in un sistema di convenienze reciproche ma personali che dura da 150 anni (come sottolineava P. Macry nel 2011). Peccato, infine, che i neoborbonici non inseguano secessioni: le secessioni (per diritti, servizi o lavoro) sono già in atto dal 1860 tra le due Italie e nei prossimi mesi saranno ratificate definitivamente con le "secessioni dei ricchi" camuffate da "regionalismi differenziati" in corso d'opera al Nord mentre l'articolista si preoccupa dei neoborbonici...
Prof. Gennaro De Crescenzo
Presidente Movimento Neoborbonico

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 75 visitatori online
Utenti
20656 registrati
1 oggi
1 questa settimana
1754 questo mese
Totale Visite
12366038 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer