spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

IL SOLITO CRUCIANI ANTINAPOLETANO: I NEOBORBONICI INVIANO UN DOSSIER ALLA AGCOM PDF Stampa E-mail

RisultatiimmaginiperGIUSEPPECRUCIANI

IL SOLITO CRUCIANI ANTINAPOLETANO: I NEOBORBONICI INVIANO UN DOSSIER ALL’AUTORITA’ GARANTE PER LE COMUNICAZIONI (dopo la pubblicazione –proprio in queste ore- del nuovo regolamento “contro l’odio” che prevede dure sanzioni economiche per gli editori). In questi giorni è stato approvato il regolamento “contro l’odio” da parte dell’Autorità per le
Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom). In esso si fa specifico riferimento alla trasmissioni via radio o tv per tutelare “bersagli specifici deboli come le donne, gli omosessuali, gli immigrati e i meridionali” da attacchi che “istighino odio e violenza” anche con l’uso di “stereotipi relativi alla provenienza territoriale”(previste SANZIONI DURE DAL 2 AL 5 PER CENTO DEL FATTURATO delle aziende che non intervengono opportunamente). Negli ultimi anni il giornalista Giuseppe Cruciani si è distinto per una serie di attacchi reiterati e sistematici contro Napoli e i Napoletani, attacchi che hanno scatenato e scatenano reazioni anche (verbalmente) violente dei Napoletani e di quelle reazioni Cruciani sembra spesso compiacersi. Al di là della ricerca di provocazioni e ascolti, la condotta di Cruciani, sembra tanto più censurabile se pensiamo all’eco raggiunta da quelle polemiche e alle responsabilità deontologiche di un giornalista ben più importanti della stessa libertà di opinione se questa opinione offende un’intera popolazione. Per questi motivi il Movimento Neoborbonico, dopo aver attuato in questi anni diversi boicottaggi degli sponsor della trasmissione “La zanzara” e dopo un esposto all’Ordine dei Giornalisti, così come previsto dal regolamento AGCOM con la possibilità di segnalare casi e questioni da parte delle associazioni culturali, ha inviato all’Agenzia un dossier relativo ai comportamenti di Cruciani dal settembre 2014 (quando parlò di “Napalm per i Napoletani”) al maggio 2019 (quando ha ironizzato pesantemente contro Napoli dopo i furti dei faretti allo stadio) chiedendo all’Agenzia stessa se si configurano gli estremi per un intervento. Copia del dossier è stata inviata anche a Radio24, al Sole24Ore e a Confindustria.

SINTESI DEL DOSSIER INVIATO ALLA AGCOM
- Settembre 2014, Cruciani ironizza sul cognome di un ragazzo ucciso per errore dalle forze dell’ordine (il povero Davide Bifolco) e chiede ad un ospite in radio se “con i napoletani bisogna usare il Napalm” (richiesto l’intervento dell’Ordine dei Giornalisti da parte di Gennaro De Crescenzo con “sentenza” finale nella quale si sottolinea la gravità dell’espressione pur “rientrante nella libertà di opinione”).
- Maggio 2015, un suo ascoltatore dichiarava in diretta che “i napoletani andrebbero o nei forni crematori o in un termovalorizzatore. Bisognerebbe cancellare Napoli, il più presto possibile. Sono peggio dei Rom”.
- Gennaio 2016, Cruciani dichiara: “Voi napoletani piangete sempre”.
- Aprile 2017, Cruciani dichiara: “La camorra gestisce la vostra città ed è sempre stata nella vostra squadra”.
- Gennaio 2018, ad un ascoltatore che lo accusava di fomentare odio contro i napoletani Cruciani rispondeva: “Per me i napoletani non esistono, esistono solo le singole persone, non è questione di napoletani, romani. L’identità ce l’hai tu nel tuo cervello bacato. Lei è pazzo. Non ho capito cosa vuoi. Difendere i napoletani? Tu non sai difendere nemmeno te stesso. Sei un povero imbecille. Tu non rappresenti nessuno, solo te stesso, forse. Sei solamente un poveraccio. Pensa al Regno delle Due Sicilie e ai Borbone vai”.
- Gennaio 2018, Cruciani dichiara: “E’ un fenomeno da scriverci un libro, non è possibile dire una cosa ed essere assaltato da tutti, non accade in altri posti. Succede solo a Napoli, sono dei malati mentali, non tutti i napoletani, ma chi scrive e chi li sostiene“.
- Gennaio 2018, Cruciani dichiara: “Il piagnisteo napoletano è qualcosa di ancestrale”
- Maggio 2018, Cruciani dichiara: “Napoletani ridicoli, hanno perso 3 a 0 e si lamentano”
- 26 gennaio 2019: un suo ascoltatore (senza intervento o distinguo di Cruciani) dichiara che i Napoletani “non devono perdere il cuore altrimenti gli restano solo camorra e monnezza”
- Marzo 2019, un capo della curva pentito e Cruciani attacca i napoletani leggendo i commenti degli ascoltatori: “Era il loro idolo, adesso…”.
- Aprile 2019, Cruciani dichiara, a proposito dei festeggiamenti napoletani per l’eliminazione delle Juve (tipici delle rivalità tra qualsiasi squadra del mondo): “Roba tipica di chi non vince mai un c… Abbiamo addirittura sentito i fuochi d’artificio, i triccheballacche che dunque esistono e si fanno, quindi la D’Amico non aveva detto una cosa strana”.
- Aprile 2019, Cruciani dichiarava: “Vi lamentate di Sky poi avete il pezzotto".
- Maggio 2019, Cruciani chiede retoricamente dove poteva capitare se non a Napoli l’episodio del furto di alcuni faretti allo stadio (tarantella in sottofondo).
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 67 visitatori online
Utenti
20627 registrati
1 oggi
4 questa settimana
1559 questo mese
Totale Visite
12239056 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer