spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

"TORINO NAPOLI VIA MARSALA":TEATRO (VERO) PER LA (VERA) STORIA DELL'UNITÀ D'ITALIA CON GAETANO AMATO PDF Stampa E-mail

Risultatiimmaginipergaetanoamato

"TORINO NAPOLI VIA MARSALA": TEATRO (VERO) PER LA (VERA) STORIA DELL'UNITÀ D'ITALIA CON GAETANO AMATO. Gaetano Amato è teatro (tra Viviani e Miller), fiction (dalla "Squadra" in poi), cinema (da "Scugnizzi" in poi), romanzi (e premi) e, dall'altra sera, "raccontatore" di verità storiche. Teatro Karol di Castellammare
di Stabia (la città di tanti primati borbonici, la città di Gaetano) per la prima di "Torino Napoli via Marsala": "concerto semiserio sulla vera storia dell'unità d'italia per chi non sa, per chi vorrebbe sapere, per chi vorrebbe conferme su quello che sa". Ed è proprio così per oltre un'ora e mezza di uno spettacolo coinvolgente, divertente e commovente, tra canzoni e testi che raccontano la (vera) storia dell'unificazione italiana, dalla prima idea sabauda di unire/conquistare il Regno delle Due Sicilie fino a Napoli, il 7 settembre del 1860. "Bisogna raccontar la vera storia": inizia così questo viaggio, seguendo le parole della "Canzona 'e Garibbarde" che sintetizza le vicende del Peppe nazionale ("fu presentato come eroe chillu samente"). Da Eugenio Bennato a Eddy Napoli, da Pasquale Squitieri e Luigi Magni fino a Modugno con la (splendida) voce "tufo, dolore, riso amaro e radici" di Anna Spagnuolo accompagnata (splendidamente) dai musici/attori Salvatore Torregrossa, Gaemaria Palumbo e Antonio Suarato e guidata da un Gaetano Amato (autore, regista e interprete) coinvolto, commosso e divertito come il pubblico che riempiva il teatro. Così si ricostruiscono verità storiche ancora cancellate nei libri della storia "ufficiale" ma sempre più diffuse e diventate, ormai, consapevolezza e orgoglio. "Steva nu rre ca tantu tempo fa teneva 'o regno cchiù bello ca ce sta" e arriva il racconto dei primati perduti. "E Ninco Nanco deve morire perché si campa putesse parlare e si parlasse putesse dire qualcosa di meridionale". Ma qui, invece, il "brigante" Amato la dice "qualcosa di meridionale" e la dice come sanno dirla i Napoletani e i Meridionali, con rabbia ma anche con amore, con poesia e con ironia, legando il passato al presente, strappando agli spettatori lacrime e sorrisi con il tono degli antichi cantastorie seduti in piazza o in casa davanti ai "focolari". "Me sì frato tu a mme?! E dimme pecché fierro e fuoco pe mme" e arriva il racconto della strage di Bronte e quello delle altre stragi subite dopo il 1860 da Trapani a Gaeta. "Po' nce haie lassato na granda zavorra: ‘ndrangheta mafia munnezza e camorra" e arriva il racconto dei saccheggi e delle complicità che hanno tolto (e ancora tolgono) le speranze al Sud. "Cieli infiniti e volti come pietra, mani incallite ormai senza speranza: addio, addio amore, io vado via, amara terra mia, amara e bella" e arriva il racconto (mai finito) dell'emigrazione che chiude uno spettacolo che vale più di 100 libri e di 100 convegni messi insieme ma che ti fa anche capire l'importanza di quei libri e di quei convegni perché quelle parole scritte e dette in tutti questi anni poi magari diventano teatro ed emozioni come quelle che regala "Napoli Torino via Marsala".  "Ma io canto, canto, canto, canto per tutti, canto per dare coraggio, canto per dare speranza, canto per la dignità" e coraggio, speranza e dignità sono le cose che servono al Sud di domani (e ai suoi giovani) per trovare quel riscatto che meritiamo e che aspettiamo da troppo tempo. Lo spettacolo di Gaetano Amato non è solo uno spettacolo ma è un progetto: contattiamolo e portiamolo nelle nostre città, nelle nostre piazze, nei nostri teatri e nelle nostre scuole. E anche così quel riscatto potrebbe essere più vicino di quello che pensiamo e che sogniamo.
Gennaro De Crescenzo

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 40 visitatori online
Utenti
20579 registrati
1 oggi
2 questa settimana
1442 questo mese
Totale Visite
12108401 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer