spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

"VITTIMISTI E SEMINATORI DI ODIO": IL NUOVO INUTILE MANTRA ANTIMERIDIONALE E LO SCHEMA-JUVE PDF Stampa E-mail
Risultatiimmaginipercartinageograficaitalianeoborbonici


"VITTIMISTI E SEMINATORI DI ODIO": IL NUOVO MANTRA DEGLI IDIOTI ANTIMERIDIONALI E LO SCHEMA-JUVE. Gira da qualche tempo un nuovo slogan che diversi soggetti gridano da tv, web e giornali ai neoborbonici, a Pino Aprile e agli altri che in questi anni si stanno battendo (con un successo crescente) per storia&orgoglio: "basta con il vittimismo" e
anche "basta odio Sud contro Nord". Per certi aspetti potremmo essere lusingati perché questi soggetti amplificano la nostra importanza attribuendo a noi addirittura le colpe della mancata risoluzione della questione meridionale. Per altri aspetti, invece, siamo preoccupati per le conoscenze storiche e per le condizioni psichiche dei soggetti in questione: il Sud ha mai avuto, in oltre 150 anni, classi dirigenti (dagli accademici a ministri o premier) che abbiano denunciato i massacri e i saccheggi, la subalternità nella quale è caduto esattamente dal 1860 o (disattendendo anche la Costituzione) la disparità di finanziamenti e di servizi, lavoro, strutture o infrastrutture? Avete mai sentito qualche politico locale o nazionale (con l'eccezione di Nitti e di altri pochi e isolati meridionalisti) rivendicare tutto questo e pretendere, finalmente, una "par condicio" storico-politico-economica? Qui nessuno "mette il Sud contro il Nord": il Nord è contro il Sud nei numeri e nei fatti da 150 anni. È paradossale ma proprio collegando passato e presente ed evidenziando come senza alcuna soluzione di continuità le questioni meridionali siano nate e non siano state risolte, stiamo percorrendo una strada nuova che forse fa paura a qualcuno, fa paura a chi (per tutelare interessi, ruoli o privilegi personali) non vuole che questa situazione cambi davvero e preferisce attaccare Aprile o i neoborbonici pur di non attaccare se stessi (si chiamerebbe autocritica) e i (veri) colpevoli. Fatemi passare un paragone senza entrare nel merito delle questioni calcistiche: è lo schema-Juve. Da decenni milioni di tifosi delle altre squadre denunciano una lunghissima serie di "favori" di cui avrebbe goduto e godrebbe la squadra torinese (diverse inchieste confermarono quelle ipotesi anni fa, tanti tifosi bianconeri arrivano correttamente a riconoscerlo). Sapete gli juventini come definiscono gli "accusatori"? "Vittimisti, piagnoni, seminatori di odio" ecc. ecc. E in tanti anche dalle nostre parti (juventini meridionali, giornalisti tifosi o complici, meridionali non juventini ma rassegnati, subalterni o vittime dei media) si accodano... Così, allora, a meno che qualcuno non pensi davvero che i meridionali appartengano ad una razza inferiore (ma abbiate il coraggio di ammettere che siete razzisti), se redditi, pil, industrie, demografia, aeroporti, asili, ospedali o addirittura durata della vita al Sud registrano da un secolo e mezzo livelli inferiori, per certi soggetti è colpa di chi analizza i dati e li denuncia senza essere mai stato classe dirigente e non dei... colpevoli. Allo stesso modo se denunci la "secessione dei ricchi" in atto in Veneto e in Lombardia il secessionista sei tu e non chi in parte l'ha già attuata (si scrive Lega ma si legge Lega Nord e -non ve ne siete accorti?- è al governo da anni). Allo stesso modo se ti negano un rigore plateale è colpa tua se lo denunci e non di chi te lo ha negato o di chi gode di quella "negazione" (e magari vince pure l'ennesimo scudetto). Ma se nel calcio, pur con interessi milionari, parliamo di un fattore irrazionale (il tifo), fuori dal calcio la cosa diventa più grave ed è il (vero) motivo per il quale stiamo combattendo (con successo, se analizziamo anche queste reazioni) le nostre "battaglie", con il diritto e (per i nostri ragazzi) il dovere di continuare a "combatterle".
Gennaro De Crescenzo

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 47 visitatori online
Utenti
20592 registrati
0 oggi
2 questa settimana
1573 questo mese
Totale Visite
12163562 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer