spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

LE FINTE SECESSIONI PADANE E GLI ZAIA CHE MANCANO AL SUD (PICCOLA ANALISI POLITICO-STORICA) PDF Stampa E-mail

Risultatiimmaginiperlombardoveneto

LE FINTE SECESSIONI PADANE E GLI ZAIA CHE MANCANO AL SUD: MEGLIO GAETA! CI VEDIAMO A GAETA! UNA PICCOLA ANALISI POLITICO/STORICA TRA
NOI. "CI MANCA ZAIA": è una provocazione ma fino ad un certo punto. Zaia è il governatore del Veneto e sta ottenendo l'autonomia che da anni invocava per la sua gente quando era Lega Veneta, poi Lega Nord e oggi Lega (non basta cancellare una parola da un logo per dimostrare di essere un partito anche del Sud). Dopo decenni di "padanie" (storicamente mai esistite), di ampolle con l'acqua del Po in diretta tv e di bandiere della Serenissima istituzionalizzate e regalate ai bambini (è una loro bella legge regionale), la "secessione dei ricchi" sta per essere attuata (prossimo passo il 15 febbraio). Da mesi veneti e lombardi cercano di rassicurarci sulla bontà del loro progetto, sulla sfida che il Sud dovrebbe raccogliere e che qualcuno in buona fede e qualcuno non in buona fede (politicanti del Sud che del Sud quando erano deputati, ministri o governatori non avevano mai neanche parlato) cerca pure di raccogliere ("più autonomia anche alle regioni meridionali", "una macroregione del Sud" ecc. ecc.). Due trappole e una voragine.1) PRIMA TRAPPOLA. Di quale autonomia parliamo se quelli del Nord (di soldi si tratta) si trattengono i miliardi del loro gettito fiscale e il nostro gettito è ridicolo se confrontato con il loro? Di quale macroregione parliamo se a governare saranno quelli che del Sud non hanno mai neanche parlato? Per noi neoborbonici una macroregione "amministrativa" e senza identità non serve a nulla ed è chiaro che se parliamo di una macroregione meridionale, volenti o nolenti, parliamo delle Due Sicilie, non di un ritorno al passato ma di una inevitabile identità che dalla Magna Grecia passa più o meno per i confini del Regno di Sicilia, di Napoli e poi dello stato borbonico. E a che serve una macroregione delle Due Sicilie se a governarla magari saranno quei politicanti senza identità che non sono stati magari neanche in grado di governare un quartiere, una città o una regione? A che e a chi servirebbe fare una battaglia per dargli più poteri di quanti ne avevano prima? Il problema del Sud è (da 150 anni) proprio l'assenza di classi dirigenti consapevoli di come è stata unita e governata l'Italia, classi dirigenti radicate e fiere e non l'assetto istituzionale. 2) SECONDA TRAPPOLA. Di quale autonomia parliamo se da 150 anni il Sud è la colonia del Nord? Dai saccheggi delle banche del 1861 a quelli più recenti, tra mancati finanziamenti di ieri e di oggi, la discriminazione Nord/Sud è storia ed è in tutte le serie archivistiche (e qualcuno lo dica a Zaia). Di che autonomia parliamo se ogni anno il Sud riceve 45 miliardi di soldi pubblici e spende in beni e servizi oltre 60 miliardi al Nord? Se il Nord vuole andarsene se ne vada davvero e non con le secessioni finte nella misura in cui conviene al Nord. Se ne vada ma anche con le sue aziende di beni e servizi (quei pandori...) e forse il Sud potrebbe davvero attuare, nei limiti del possibile, quella campagna "compra Sud" che lo stesso Zaia spesso cita e che evidentemente teme (trattasi non di attacco al Nord ma di legittima difesa e qualcuno lo dica alle imprese del Nord che magari appoggiano Zaia).
3) LA VORAGINE. Al Sud mancano classi dirigenti come quelle del Nord, al Sud manca Zaia: non parliamo di livelli culturali o intellettivi (quelli forse sono mediamente superiori dalle nostre parti) ma di consapevolezza, radicamento e fierezza. Da quelle parti il senso di appartenenza prevale pure sui partiti: il "nemico" non è (solo) Salvini: quelli degli altri partiti dicono (o pensano) le stesse cose antimeridionali dei leghisti (Martina e Cottarelli li avete sentiti?); i referendum lombardo/veneti li hanno appoggiati destre e sinistre nordiche.
Dalle loro parti si parla di "padanie" (mai esistite), di Celti e di bandiere venete e le conseguenze e i frutti sono il doppio del pil, dei redditi o del lavoro e, ora, "le autonomie differenziate". Dalle nostre parti intellettuali ufficiali e politici combattono contro i Giorni della Memoria per il Sud e contro il revisionismo, magari fanno sequestrare le bandiere borboniche allo stadio e fanno a gara a sparare fango sul Sud senza capire che (premesso che chi sbaglia deve pagare e che i delinquenti sono dappertutto) anche chi parla solo di "gomorre" o di "furbetti" o di "fannulloni" diventa complice consapevole o inconsapevole di un sistema che ha creato due Italie con un'Italia che da 150 anni ha la metà dei diritti, dei servizi, del lavoro o delle o delle occasioni dell'altra. Dalle nostre parti intellettuali ufficiali e politici accusano i neoborbonici di volere la secessione senza accorgersi che la secessione è in atto da 150 anni, che la "secessione dei ricchi" ormai è cosa fatta e che la questione meridionale (mai conosciuta prima del 1860, mai risolta e sempre più drammatica per colpa loro e non dei neoborbonici) ormai è stata risolta perché non esisteranno più i meridionali (nascite in calo, giovani che partono e il Sud sarà un deserto, come attesta l'Istat).
CONCLUSIONI. In un'Italia unita, federata, confederata o divisa, come diciamo da sempre, servono nuove e vere classi dirigenti meridionali forti del nostro percorso: Memoria Orgoglio e Riscatto. Ecco perché andiamo a Gaeta il 15 (Il giorno della " secessione dei ricchi" con l'incontro tra governo e regioni del Nord), il 16 e il 17 febbraio. Non è nostalgia (pure legittima) e non è "solo passato" (pure sacro): è un modo per ritrovare noi stessi e per ritornare, insieme, ad essere un grande Popolo in tempi non facili e in tempi non brevi (dopo 150 anni di colonizzazione, con -ancora- troppi complici dei colonizzatori e ancora tanti meridionali da de-colonizzare). E, come dissero i nostri soldati, ultimi eroici difensori del Regno delle Due Sicilie: CI VEDIAMO A GAETA!
Gennaro De Crescenzo
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 31 visitatori online
Utenti
20703 registrati
0 oggi
3 questa settimana
2023 questo mese
Totale Visite
12505639 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer