spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

UNA PIAZZA A CARLO DI BORBONE (A S. GIORGIO) E LA FINE DEL BANCO DI NAPOLI PDF Stampa E-mail

RisultatiimmaginipercarlodiborboneRisultatiimmaginipertargabancodinapoli

UNA COSA BUONA E UNA COSA CATTIVA: UNA PIAZZA A CARLO DI BORBONE (A S. GIORGIO A CREMANO) E LA FINE DEL BANCO DI NAPOLI. Nello stesso giorno due notizie: l'approvazione della prefettura della sostituzione del nome di piazza Vittorio Emanuele con piazza Carlo di Borbone a San Giorgio a Cremano e la fine "definitiva" del Banco di Napoli. La prima una cosa simbolica, la seconda non solo simbolica... Da premiare

la scelta del sindaco Zinno e della giunta comunale, frutto anche di un clima culturale cambiato dopo oltre 20 anni di attività (anche neoborboniche). Da bocciare, ovviamente, la chiusura di una delle banche più antiche del mondo, riferimento di Napoli e del Sud dalla fondazione quattrocentesca alle rimesse degli emigranti (che spesso salvarono le finanze italiane) fino alla vergognosa svendita e alla UMILIAZIONE FINALE della cancellazione finanche del marchio (e addirittura dei siti internet: se cliccate "banco di napoli" vi trovate da giorni su "Intesa San Paolo", iban compresi, a dimostrazione che purtroppo, ormai, non si può più fare nulla). Una vergogna il silenzio di presidenti, premier di sinistra, centro e destra, governatori e sindaci più o meno "guerriglieri" (ma magari su altri temi spesso poco Napoletani). Una vergogna il silenzio dei media di fronte all'ultimo scippo subito dalla ex capitale del Regno delle Due Sicilie. Come più volte abbiamo gridato con le nostre manifestazioni neoborboniche per "salvare il Banco" in questi anni, un territorio senza banche non ha futuro e queste scelte nazionali fanno capire che l'obiettivo è proprio questo: abbandonare il Sud. Che c'entra, allora, piazza Carlo di Borbone? C'entra perché classi dirigenti fiere e radicate (magari come quelle toscane, venete o lombarde) non hanno consentito certe svendite e non le avrebbero consentite. C'entra perché la nostra scommessa resta la stessa: formare classi dirigenti nuove, fiere e radicate. Anche con nomi di piazze e strade capaci di richiamare radici e orgoglio. Nessuna alternativa, per ora, purtroppo, alla strada della cultura nonostante emergenze e crisi sempre più gravi.
Gennaro De Crescenzo
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 25 visitatori online
Utenti
20473 registrati
0 oggi
6 questa settimana
1870 questo mese
Totale Visite
11823762 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer