spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

POLITO DISATTENTO, POLITOLOGI ATTENTI,IL CORRIEREE I NEOBORBONICI (PRIMA PAGINA SUL CORMEZZ) PDF Stampa E-mail

Risultatiimmaginipercorrieredelmezzogiornopolito

POLITO, IL CORRIERE, PINO APRILE E I NEOBORBONICI (MEGLIO UN POLITOLOGO ATTENTO CHE UN POLITO DISATTENTO). Antonio Polito, nel suo ultimo editoriale per il Corriere del Mezzogiorno (28/10/18), scrive di preferire “i neomelodici ai neoborbonici”. Premesso che anche noi neoborbonici, in verità, preferiremmo un politologo imparziale ad un Polito parziale, la nostra città, per Polito, “corre il rischio di chiudersi in se stessa sperando di tornare

indietro ad un passato assurdamente idealizzato”, “apriamoci al mondo”, allora, e basta con “vittimismo e autocommiserazione”. In sintesi: quello che opinionisti più o meno famosi e “ufficiali” ci dicono da oltre 150 anni con i risultati che conosciamo (un Paese spaccato in due e una parte -quella meridionale- con la metà dei diritti, dei servizi, del lavoro e delle speranze dell’altra). Se Polito avesse letto bene, però, il libro di Aprile recensito (“L’Italia è finita”) e se avesse letto bene i libri dei neoborbonici, avrebbe fatto uno scoop vero: avrebbe scoperto che Pino Aprile non è affatto “neoborbonico”, che in quelle pagine non ci sono affatto “vittimismi” o “nostalgie” e che quel passato non è “idealizzato” ma reale e lo attestano le fonti usate in quei libri, da quelle archivistiche a quelle di accademici aggiornati, onesti e documentati, da Daniele a Malanima, da Ciccarelli a Fenoaltea, Collet, Tanzi, De Matteo o lo stesso Davis (“la tesi dell’arretratezza preunitaria meridionale fu una invenzione dei risorgimentalisti per giustificare i loro fallimenti”). Prevale, allora, invece di analizzare libri e tesi, la tendenza al giudizio provocatorio e “leggero” su temi che andrebbero affrontati in maniera attenta e articolata (qualcuno dica a Polito che Veneto, Lombardia ed Emilia stanno davvero sfasciando l’Italia con la loro “secessione dei ricchi”, come l’ha felicemente definita Gianfranco Viesti: altro che i “sogni” di Aprile o dei neoborbonici…). Del resto Polito, sia da senatore di area-Pd che da scrittore forse non ha mai approfondito temi legati al Sud o alla questione meridionale: si ricordano, di lui, diversi libri legati al socialismo, a destre, sinistre e al ruolo dei padri, esperienze giovanili nei gruppi maoisti, interventi parlamentari riferibili al regime militare in Myanmar, all’intellettuale iraniano Ramin Jahanbeloo o alla “partecipazione italiana alla ricostituzione delle risorse di Fondi e Banche internazionali" (fonte: Senato.it). Così Polito preferisce un neomelodico ad un neoborbonico e possiamo capirlo: i neoborbonici hanno per lui la stessa (odiosa) funzione del famoso grillo parlante quando (da 25 anni) denunciano la gravità di una questione meridionale che è colpa di un sistema nord-centrico con la complicità (altrettanto colpevole) delle classi dirigenti locali tra le quali (da 150 anni) non risultano neoborbonici ma risultano diversi senatori, diversi direttori di giornali, diversi opinionisti di giornali locali e nazionali. Quelli che, recandosi magari ogni tanto al cinema a vedere qualche bella commedia, assistono con sereno distacco alla partenza di centinaia di migliaia di meridionali (soprattutto giovani e soprattutto in questi anni) stando attenti ad evitare qualsiasi (faticosa) forma di autocritica e dedicandosi, distrattamente, alla critica di Aprile e dei neoborbonici…
Prof. Gennaro De Crescenzo, Movimento Neoborbonico

REPLICA PUBBLICATA SUL CORRIERE DEL MEZZOGIORNO
IN PRIMA PAGINA (30/11/18)
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 31 visitatori online
Utenti
20496 registrati
0 oggi
5 questa settimana
1707 questo mese
Totale Visite
11892179 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer