spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

"CONOSCERE LA STORIA: QUANDO IL SUD ERA ALL'AVANGUARDIA" PDF Stampa E-mail
Risultatiimmaginiperconoscerelastoriaquandoilsudera

"CONOSCERE LA STORIA": "Quando il Sud era all'avanguardia". Un'altra conferma delle verità raccontate in questi anni... Così titola la rivista "Conoscere la Storia", bimestrale in edicola (settembre-ottobre 2018). Ecco l'ennesimo periodico che
si accorge del Meridione al tempo del Regno delle Due Sicilie, con un ampio servizio sulla storia dei Borbone, sulle condizioni del Sud all'epoca di questa gloriosa dinastia e sulle conquiste che erano state fatte in ogni campo, tragicamente interrotte, e mai più ripetute, dall'invasione piemontese per una parvenza di unità, che in realtà fu una conquista a scopo di sfruttamento perpetuo.
"Ci hanno insegnato che la spedizione dei Mille sbarcò nel Mezzogiorno per affrancarlo da una condizione di estrema arretratezza e insanabile malgoverno. Oggi, però, sono in molti a pensare che il Regno borbonico fosse, al contrario, un modello di efficienza": questo l'occhiello di apertura dell'inchiesta firmata da Alessandra Colla.
Rimane solo la storiografia ufficiale (e la Rai) a non accorgersi ancora della verità delle cose e i libri di scuola basati su falsità storiche ancora non "corrette", ma che, infine, raggiungeranno il famoso "nodo al pettine". L'opinione pubblica meridionale, oramai, ne sa molto più dei testi scolastici; sa la propria Storia, la perduta grandezza, l'efficienza dei governi borbonici. E sa, soprattutto, da oltre 150 anni, che il Sud è "colonia", fuori considerazione e fuori nazione, attaccato e vilipeso, ridotto a vergognarsi di se stesso.
Ecco di seguito, alcuni titoli estrapolati dalla Rivista: "Se dall'unità d'Italia, il Mezzogiorno è stato rovinato, Napoli è stata addirittura assassinata." - Gaetano Salvemini. "Castellammare di Stabia aveva il più grande cantiere navale del Mediterraneo. Al momento della conquista piemontese si stava attrezzando per varare scafi in ferro." "A metà Ottocento la flotta mercantile delle Due Sicilie comprendeva i quattro quinti del naviglio italiano ed era la quarta del mondo." "Socialismo reale in salsa napoletana: avanzato esperimento sociale nel feudo di San Leucio presso Caserta." "Non mi strappano il Regno le discordie intestine, ma mi vince l'ingiustificabile invasione di un nemico straniero - Francesco II". Che dire?! Il Mediterraneo d'Italia ha fallito il proprio futuro, per colpa di tanti, ma, non certamente, per colpa di nessuno. I responsabili di questo genocidio sociale sono ben individuati. La Storia li ha già messi alla gogna!
Antonio Pulcrano

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 27 visitatori online
Utenti
20402 registrati
1 oggi
1 questa settimana
2004 questo mese
Totale Visite
11679453 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer