spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

FENESTRELLE: E SE FOSSE TUTTA UN'ALTRA STORIA? NUOVO SPOT “TURISTICO-PURIFICATORE” DELLA RAI PDF Stampa E-mail

Risultatiimmaginiperburlesquefenestrelle

FENESTRELLE: E SE FOSSE TUTTA UN'ALTRA STORIA? NUOVO SPOT “TURISTICO-PURIFICATORE” DELLA RAI DURANTE IL GIRO D’ITALIA… “La grande bellezza della tappa piemontese… ecco il colle di Fenestrelle, la più grande fortificazione alpina d’Europa, 122 anni di lavoro, una lunga muraglia, tre forti, scalini, dislivelli,
inattaccabile”: questa la sintesi di quanto raccontato dal TG1 della Rai qualche giorno fa durante il passaggio del Giro d’Italia da quelle parti. Neanche una parola sulle sofferenze che quel luogo ha causato a migliaia di persone.  Ogni tanto, del resto, fanno la loro comparsa sparuti e tristi gruppetti di "negazionisti" di Fenestrelle (spalleggiati da ancora più sparuti e ancora più tristi personaggi "locali"). Al di là del fatto che di migliaia di vittime parlarono circa 80 anni fa per primi i Carabinieri nel loro museo (protestate con loro se volete o potete), al di là del fatto che nessuno aveva il diritto di deportare e far morire anche un solo meridionale in quel lager, al di là del fatto chi si reca in quel luogo per ricordarli ha il diritto di essere rispettato, qualche notizia potrebbe essere utile per orientarci su una possibilità: e se i "negazionisti" di questi ultimi anni fossero mossi (legittimamente, si intende) da interessi non solo culturali ma anche “turistici”? Un poco di storia.
- Dai primi anni del 2000 le prime visite neoborboniche presso la semi-sconosciuta fortezza;
- nel 2008 la lapide che ricordava i nostri soldati a cura di CDS e Fiore Marro e (alla presenza di tanti testimoni) le notizie sui nostri soldati raccontate dai responsabili della fortezza (evidentemente e logicamente interessati alla presenza di turisti "napoletani");
- nel 2008 la Provincia di Torino rinnova l'accordo con l'Associazione Progetto S. Carlo e il suo presidente di quel tempo, Juri Bossuto (ricordatene il nome), con diversi milioni di euro di finanziamento per restauri e valorizzazione (la lapide viene gradualmente "decentrata" nonostante i permessi ottenuti per la sua apposizione);
- nel 2012 vengono pubblicati due libri "negazionisti" di Fenestrelle: il primo firmato da Juri Bossuto (v. prima) e Luca Costanzo (con prefazione di Alessandro Barbero), il secondo di Alessandro Barbero;
- nel 2013 viene misteriosamente distrutta la lapide e, nonostante le ripetute richieste di Marro, non viene più autorizzata la sua ri-collocazione;
- sempre nel 2013 si inaugura una nuova "linea" per la fortezza: spettacoli di burlesque (spogliarelli femminili) e cene a lume di candela nei pressi del Cafè des Forcats (qualche dubbio sul gusto del nome: il Caffè dei "forzati" o "detenuti");
- dal 2015 numerosi i "tragici lamenti" per i mancati finanziamenti pubblici mentre il dibattito continua… Premesso che chi, come noi, a Fenestrelle ci va da 20 anni, a spese proprie e forte solo delle sue idee e dei suoi valori e che quindi le nostre tesi (giuste o sbagliate) non hanno alcun interesse personale e/o economico dimostrato o dimostrabile, la domanda può essere legittima: e se una parte di tutto questo "negazionismo" fosse il frutto di una nuova politica "aziendale"?  Se fosse tutta una questione di “brand”? Se qualcuno avesse deciso di cambiare linea abbandonando i (pochi) turisti "napoletani" per puntare su un pubblico più vasto e cercando di dissociare il ricordo dei tormenti e della morte da quella struttura (un lager non solo per i soldati borbonici)? Tutto qui. I dubbi restano e resta pure l'esigenza di rispettare le sofferenze inflitte a tante persone in luoghi nei quali non era forse così opportuno allestire striptease e "bar dei prigionieri"... In questo caso i (pochi) "negazionisti" locali “complici” di quelli non locali diventerebbero figure davvero comiche (anzi: "tragicomiche").
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 38 visitatori online
Utenti
20403 registrati
0 oggi
2 questa settimana
2005 questo mese
Totale Visite
11683874 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer