spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

1 MAGGIO, ALTRO CHE “FESTE DEI LAVORATORI”: RICORDIAMO I MARTIRI DI PIETRARSA (E I NOSTRI EMIGRANTI) PDF Stampa E-mail

                             Risultatiimmaginiperpietrarsaneoborbonici

1 MAGGIO, ALTRO CHE “FESTE DEI LAVORATORI”: LA GIORNATA DEI DISOCCUPATI, DEGLI EMIGRANTI E DEI MARTIRI DIMENTICATI.  Mentre (da oltre 150 anni) il Sud conta il doppio dei disoccupati del resto dell’Italia, mentre il Sud (da oltre 150 anni) conta il doppio degli emigranti (soprattutto giovani) del resto

dell’Italia, l’Italia “festeggia con il solito grande concerto in piazza a Roma. Destre, sinistre, stelle, stelline o altro, da oltre 150 anni il Sud è diventato colonia e questione. Ecco perché non ci stancheremo mai di gridare che il primo maggio si dovrebbero ricordare disoccupati, emigranti e martiri dimenticati: non quelli “nazionali” o “internazionali” ma quelli Napoletani e Meridionali. Quelli caduti sotto le baionette dei bersaglieri sabaudi per ordine del “famoso” Nicola Amore (questore e poi sindaco). Dai primati positivi di Pietrarsa, allora (prima fabbrica metalmeccanica d’Italia con 1050 operai, mentre l’Ansaldo ne occupava 450 e la Fiat –sì, quella della juve di oggi- non era ancora nata), a quelli negativi con la dismissione della fabbrica e la fucilazione, di fatto, nel cortile e sul cancello che dava sul mare, di quattro uomini (diventati poi almeno sette, secondo gli atti parlamentari che ho ritrovato da poco). Domenico Del Grosso, Aniello Marino, Luigi Fabbricini e Aniello Olivieri i nomi di quegli operai morti per difendere il proprio lavoro e ritrovati durante le mie ricerche d’archivio (fondo Questura) diversi anni fa, quando in tanti neanche sapevano che cosa fosse Pietrarsa e cosa fosse successo in quei caldi e tragici giorni dell’agosto (il 6 agosto, giovedì) del 1863. “Palle alle spalle” e “ferite da baionetta alle spalle” sui referti medici dell’Ospedale dei Pellegrini mentre la censura politica si mobilitava per far tacere testimoni e giornali (pochi quelli coraggiosi). Oggi le stragi non ci sono più ma si continuano a dimenticare il Sud e i meridionali. E noi abbiamo il diritto e il dovere di ricordare. Memoria Orgoglio e, poi, Riscatto. Anche l’1 maggio. Anche a Pietrarsa.  NELLA FOTO GLI ATTI DI MORTE DI AGNELLO OLIVIERI E DOMENICO DEL GROSSO (ARCHIVIO DI STATO DI NAPOLI, STATO CIVILE).  “Agnello Olivieri, scarpellino di Portici, di anni 35 del fu Pietro, marito di Raffaela Nocerino e padre di due figli, morto alle ore tredici del giorno 8 di agosto presso l’Ospedale dei Pellegrini” e quello di “Domenico Del Grosso, limatore di anni 37 di San Iorio, vico di Chieti, morto l’11 agosto alle ore tredici presso i Pellegrini, marito di Veneranda Castaldo”.
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 109 visitatori online
Utenti
46776 registrati
0 oggi
8 questa settimana
3750 questo mese
Totale Visite
20451960 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer