spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

I 166 ANNI DELLA POLIZIA O I 191 ANNI DELLA POLIZIA? PDF Stampa E-mail

Risultatiimmaginiperesercitoduesicilie

I 166 ANNI DELLA POLIZIA ITALIANA O I 191 ANNI DELLA POLIZIA? L’ITALIA NACQUE NEL 1861 E UNA POLIZIA GIA’ C’ERA A NAPOLI CON I BORBONE FIN DAL 1827… In tutta Italia si stanno festeggiando i 166 anni della Polizia. Premesso che è giusto festeggiare un corpo così importante per la sicurezza del territorio e ricordare il sacrificio di tanti
 poliziotti molto spesso eroici, qualche conto, però, dobbiamo farlo tenendo presente che gli stessi conti li abbiamo già fatti con altri corpi militari e non. Il Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza nasce in Piemonte con i Savoia nel 1852. L’unità d’Italia avviene nel 1861: perché, allora, ricordare nella datazione un corpo sabaudo/piemontese e non quello delle altre nazioni del tempo prima dell’unità? A Napoli, ad esempio, con Regio Decreto di Francesco I di Borbone, già prima, nel 1827, era stato istituito il Corpo delle Guardie Urbane con compiti simili a quelli della Polizia attuale. Ricordiamo tutti che Vittorio Emanuele II di Savoia, con l’unificazione italiana continuò a chiamarsi Vittorio Emanuele II e non (come avrebbe potuto e dovuto) I d’Italia a dimostrazione chiara e significativa del fatto che si trattava di una conquista di parte sabauda e non di una unificazione con “Il consenso di tutti”. Anche per le celebrazioni della Polizia lo schema sembra lo stesso e, forse, resta significativo di come la storia italiana fu “impostata” nel “risorgimento” e di come continui ad esserlo, anche con una semplice data ed un semplice anniversario. Una storia meno parziale e più corretta avrebbe celebrato in questi giorni i 191 ANNI DELLA POLIZIA…
QUALCHE NOTIZIA STORICA dal Decreto Reale 1648 del 24 novembre 1827. I poliziotti “borbonici” erano assunti su basi comunali, il servizio era giornaliero. Erano previsti “post di buon ordine” (posti di guardia) al centro delle città. Avevano compiti di ordine pubblico (anche durante eventi e manifestazioni) e svolgevano anche una sorta di servizio-scorta (ad esempio presso i tribunali): avevano facoltà di arresto (in fragranza di reato), di custodia e traduzione in carcere dei rei. Si prevedeva anche la divisa: “Coccarda rossa sul cappello, fucile con baionetta, pugnale e giacca bleu con collaretto rosso”.

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 18 visitatori online
Utenti
20148 registrati
2 oggi
3 questa settimana
1411 questo mese
Totale Visite
11281346 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer