spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

GAETA 2018: MAI COSÌ TANTI (ANCORA PIÙ FIERI E PIU' FELICI) PDF Stampa E-mail

L'immaginepuòcontenere:unaopiùpersone,follaespazioalchiuso

GAETA 2018: MAI COSÌ TANTI (ANCORA PIÙ FIERI E PIÙ FELICI). "Mai vista una sala così": è la frase che in tanti hanno pronunciato sabato pomeriggio a Gaeta prima del convegno centrale delle tre Giornate della Memoria dei Popoli delle Due Sicilie. Mai così tanti (oltre


250 posti a sedere ma tanti in piedi e nelle sale antistanti in un silenzio totale per più di 3 ore, oltre 200 persone il venerdì e domenica mattina, oltre ai due pullman da Napoli e dalla zona vesuviana). Numeri importanti (tutto a spese di noi partecipanti, viaggi inclusi: poche associazioni in giro sarebbero capaci di riempire per un evento culturale una sala come quella del Serapo). Pochi partiti italiani (se non con pullman -e altro- gratis) la riempirebbero proprio in questi giorni... Vince, invece, la sacralità di Gaeta (altro che partiti&elezioni), vince il giorno della memoria (altro che le accademiche opposizioni), vincono gli incontri e gli abbracci per strada con i tanti "fratelli" calabresi, pugliesi, siciliani, abruzzesi, molisani. Vince l'unione (vera) di oltre 20 gruppi, vincono gli applausi scroscianti e convinti ad un convincente, chiaro e coraggioso nuovo amico (il filosofo Diego Fusaro, "piemontese ma mediterraneo", sulla necessità di scrivere -e non 'riscrivere'- la 'storia dei vinti' "contro la logica e il potere dei dominanti"), vincono le notizie preziose della prof.ssa Spadaro, le idee, i progetti e la carica del solito grande Pino Aprile. Vincono i resoconti e le prospettive degli oltre 30 interventi del "Parlamento delle Due Sicilie", vince (finalmente) la “gara” aperta tra i comuni che (ora) vogliono ospitare il monumento della memoria (dopo un anno di burocrazia), vince (lasciatemelo dire) la fatica di Daniele, Alessandro, Emilio, Salvatore e Gennaro (e mi scuso con quelli con i quali non ho avuto neanche il tempo di scambiare qualche parola), vincono i tanti che ci hanno ringraziato e continuano a farlo in queste ore, vincono i nostri ragazzi e i nostri bambini (figli e nipotini), vincono i canti, i suoni, i colori dei film e degli spettacoli e le ricerche dei "libri dalle Due Sicilie", vincono le belle parole del Principe Carlo di Borbone, vince l'inno di Paisiello della Real Cappella Napolitana, vincono le testimonianze dei sindaci di Gaeta, Casalduni e Motta Santa Lucia, vincono la storia di Gaeta e la magia dei suoi luoghi con le visite guidate, le speranze dei ragazzi delle scuole di Secondigliano (le vere eccellenze napoletane), vince il ricordo dei caduti di ieri e di oggi in chiesa con i soldati di ieri e di oggi, vince quella bandiera che torna a sventolare, fiera e felice, su quei bastioni verso Gaeta... 2019 (ci stiamo già lavorando)! Grazie a tutti. Ci ri-vediamo a Gaeta!
Gennaro De Crescenzo


P.S. Nei prossimi giorni pubblicheremo gli interessanti resoconti degli interventi di Diego Fusaro, Pino Aprile e Mariolina Spadaro, quelli del "Parlamento delle Due Sicilie - Parlamento del Sud" e dell'assemblea dei soci e del Consiglio Direttivo dell'Associazione Neoborbonica con gli aggiornamenti sul "Monumento per la Memoria dei Meridionali Vittime dell'Unificazione Italiana" (il Comune di Gaeta si è dichiarato finalmente pronto ad accelerare -dopo un anno di burocrazia e con costi pari a zero per l'amministrazione ma tutti a nostro carico- la lunga pratica burocratica mentre il Comune di Casalduni, con il sindaco Pasquale Iacovella, presente alla maninfestazione, si è dichiarato disponibile ad accogliere nel suo comune i "mattoni della memoria"). Andiamo avanti...


L'immaginepuòcontenere:3persone,personechesorridono,personeinpiedi

L'immaginepuòcontenere:2persone

L'immaginepuòcontenere:4persone,personechesorridono

L'immaginepuòcontenere:6persone,follaespazioalchiuso

L'immaginepuòcontenere:2persone,personeinpiedi

L'immaginepuòcontenere:1persona,spazioall'aperto

L'immaginepuòcontenere:unaopiùpersone,oceano,cielo,spazioall'aperto,naturaeacqua
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 18 visitatori online
Utenti
20314 registrati
0 oggi
4 questa settimana
1696 questo mese
Totale Visite
11492252 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer