spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

LETTERA APERTA AI MERIDIONALI COLPEVOLI, AI MERIDIONALI INCOLPEVOLI E AI LOMBARDOVENETI IN FESTA PDF Stampa E-mail

Nessuntestoalternativoautomaticodisponibile.

LETTERA APERTA AI MERIDIONALI COLPEVOLI, AI MERIDIONALI INCOLPEVOLI E AI LOMBARDOVENETI IN FESTA... Politici e intellettuali onesti e seri in questi anni (e in questi giorni) ci avrebbero dovuto fare una
domanda: "com'era quella storia delle Due Sicilie?". I referendum sull'autonomia (e l'egoismo) fiscale e antimeridionale, il loro successo, l'appoggio di tutti i partiti, il consenso dei media e dei governi di turno ("siamo pronti a trattare") dimostrano che ci sarebbe stato e ci sarebbe bisogno di conoscere la storia di questo Paese per rinfacciarla a chi non la conosce e ha fatto di bugie, luoghi comuni e razzismi più o meno velati gli strumenti per governare le due Italie. A Sud come a Nord si sono davvero convinti del fatto che il Sud è "assistito, ladro, sfaticato, mafioso, camorrista o truffatore" (come nei migliori talkshow o nelle migliori fiction h24: ecco a cosa e a chi servono) o del fatto che i meridionali sono stati e sono bruttisporchiecattivi, che lo sono sempre stati (dai Borbone fino ai Greci e forse fino al loro dna) e che quindi è inevitabile e giusto trattarli (o farsi trattare) da colonia. Qualcuno avrebbe dovuto ricordare (come facciamo noi neoborbonici con i nostri limitati mezzi da oltre 20 anni) che questo Paese è nato "duale", con una parte destinata a produrre e l'altra a consumare (il famoso economista -non meridionale- Paolo Savona ci ricorda che il Sud riceve dallo Stato 45 miliardi all'anno ma acquista dal Nord beni e servizi per 63 miliardi all'anno). Qualcuno avrebbe dovuto ricordare (ecco a che serve la storia oggi) che prima dell'unità d'Italia era l'esatto contrario e la parte più avanzata della penisola (per redditi, industrie, pil, depositi bancari o crescita demografica) era il Sud. Altro che "storie vecchie". Altro che "sono passati 150 anni" se da quei saccheggi e quei massacri una parte del Paese ha ricavato le basi del suo sviluppo togliendole all'altra parte da allora a oggi (magari con un Nord finanziato 4 volte di più del Sud negli ultimi 50 anni: v. Istat e Svimez). Altro che "nostalgie, secessioni e monarchie": qualcuno avrebbe dovuto sbattere in faccia ai promotori, ai sostenitori e agli elettori di quei referendum che sono nella storia della loro Italia (e non nei dna, nel clima o nei complessi di superiorità/inferiorità) i motivi per i quali da oltre 150 anni i nostri giovani sono costretti a partire e hanno la metà dei diritti, dei servizi, del lavoro e delle speranze di quelli del resto dell'Italia e dell'Europa (altro che Italia unita e "rischi di divisioni"). Qualcuno avrebbe dovuto (o dovrebbe) gridargli che ora è troppo comodo proclamare autonomie e andare via lasciando il tavolo che gli ha consentito di stare dove stanno oggi (con il doppio dei redditi, del pil, dei servizi o del lavoro). Troppo comodo chiedere le autonomie e continuare a venderci panettoni, maglie, auto, grappe e servizi (magari con prestazioni erogate a Sud e tasse incassate al Nord). Troppo comodo lamentarsi (oggi) per le "siringhe che negli ospedali del Sud costano troppo" e continuare a venderci quelle siringhe. Se Lombardi, Veneti o altri vogliono andare via che vadano (veramente) via e magari da queste parti saremmo costretti a farci e a comprarci da soli (o all'estero) panettoni, siringhe o automobili ("comprasud" è una vecchia ma preziosa campagna neoborbonica e forse è anche questo uno dei motivi per i quali non si parla più di "secessioni&padanie"). E al Sud? Al Sud politici e intellettuali (subalterni e/o complici di questo sistema) o danno ragione al Nord ("bisogna riconoscere che", "la costituzione lo prevede" ecc.ecc.) o si battono "eroicamente" contro i Borbone, i neoborbonici, i revisionisti o i giorni della memoria o si lanciano sul nemico con accorati, inutili e (fuori tempo massimo) appelli risorgimental-retorici all'unità nazionale. Sempre attenti a non rivendicare o a pretendere. Tutto (come nelle migliori colonie) pur di non ostacolare il sistema duale-coloniale e (magari) di non compromettere ruoli (in vigore o futuri), cattedre universitarie, direzioni di giornali, ministeri, assessorati, nomine ed elezioni senatoriali, carriere eventuali, appalti o consulenze varie. Alternative a questa (finora) perfetta trappola attiva da 150 anni? Poche (per ora) se non la Memoria e l'Orgoglio da raccontare e diffondere e raccontare e diffondere ancora e poi ancora. Resettando, prima o poi, le classi dirigenti formate per perpetuare questo sistema e formando classi dirigenti (finalmente e veramente) nuove. Questo (per ora) possiamo e sappiamo fare mentre, tra silenzi complici e urla festose, si vincono i referendum, mentre i nostri giovani continuano a partire e il Sud si avvia "a diventare un deserto". Tutto qui. Poco, forse, ma lascia almeno una speranza ai nostri figli e ai nostri nipoti.
PS Nell'immagine allegata alcuni dei marchi veneti più famosi: e se i meridionali iniziassero davvero ad applicare il "comprasud"?
Gennaro De Crescenzo
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 39 visitatori online
Utenti
20436 registrati
1 oggi
8 questa settimana
2155 questo mese
Totale Visite
11757795 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer