spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

QUEL COMPLESSO ARCHEOLOGICO DI POMPEI NON PUO' ESSERE INTITOLATO A CHAMPIONNET (IL MATTINO) PDF Stampa E-mail

Risultatiimmaginiperinvasione1799francesicarovaneopered'arte
IL “COMPLESSO DI CHAMPIONNET” A POMPEI? FU UN MASSACRATORE E UN SACCHEGGIATORE. IL MOVIMENTO NEOBORBONICO CHIEDE
LA RIMOZIONE DEL NOME. A Pompei apre il “Complesso di Championnet”: fu un massacratore e un saccheggiatore. Il Movimento Neoborbonico chiede la rimozione del
nome Il Movimento Neoborbonico ha inviato al Soprintendente per Pompei (Massimo Osanna) e al responsabile del Progetto Grande Pompei (Luigi Curatoli), la richiesta di cambiare il nome del “Complesso di Championnet”  che sarà aperto al pubblico venerdì 22 settembre.

Il meraviglioso complesso di edifici panoramici pompeiani deve il suo nome al generale francese Championnet che, secondo le note diffuse alla stampa in queste ore, conquistò  il Regno di Napoli nel 1799, acconsentì alla formazione della Repubblica napoletana e “diede anche ordine di riprendere gli scavi a Pompei”.  Studi sempre più documentati e diffusi hanno rivelato, ormai, la vera natura di quei provvedimenti e le conseguenze di quella che fu, in sostanza e secondo il giudizio di molti (compreso Giuseppe Mazzini), un’invasione straniera. Nel 1799, infatti, in soli tre giorni, le truppe francesi guidate da Championnet massacrarono solo a Napoli oltre ottomila popolani che volevano difendere le loro case e la loro patria (oltre sessantamila le vittime massacrate da francesi e giacobini nei cinque mesi di vita della Repubblica Napoletana).  Il commissario della Repubblica Faypoult chiarì le reali motivazioni di quell’ordine di Championnet in un successivo decreto del 3 febbraio del 1799: “Appartengono alla Repubblica francese... il patrimonio delle scuole pubbliche, il denaro delle banche pubbliche, tutte le casse pubbliche, le tasse (anche quelle già decorse), tutti i tesori del Paese, i musei, le biblioteche, tutto ciò che giace ancora sotto gli scavi di Pompei ed Ercolano...".  Lunghe carovane di opere d’arte si diressero verso Parigi durante tutta la campagna italiana. Per questi motivi il Movimento Neoborbonico ha chiesto la cancellazione del nome di Championnet da quel complesso archeologico e l’eventuale intitolazione a chi (come tutti i re della dinastia borbonica) ha progettato, voluto e valorizzato gli scavi archeologici a Pompei e nel resto della Campania.

NELL'INCISIONE DELL'EPOCA le opere d'arte trafugate e trasportate a Parigi.

ARTICOLO NEOBORBONICO INTERAMENTE PUBBLICATO DA "IL MATTINO"
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 23 visitatori online
Utenti
20402 registrati
1 oggi
1 questa settimana
2004 questo mese
Totale Visite
11679378 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer