spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

ISCHIA OLTRE ISCHIA E QUELL'ITALIA (GIÀ) DIVISA (E, INTANTO, CHI CHIEDERA' SCUSA AGLI ISCHITANI?)... PDF Stampa E-mail

Risultatiimmaginiperbambinisalvatiischia

AGGIORNAMENTI: GLI "SCIENZIATI" RIVEDONO CLAMOROSAMENTE I DATI (l'epicentro era a piazza Maio) e per Boschi "gli ischitani potranno chiedere i danni di immagine". ISCHIA OLTRE ISCHIA E
QUELL'ITALIA (GIÀ) DIVISA... "MORTI ABUSIVE", "L'ISOLA DEGLI ABUSI", "SE LA CASA ABUSIVA CROLLA NON È COLPA DEL TERREMOTO", "TERREMOTO INNOCENTE", "TROPPI CROLLI PER UNA SCOSSA"... Sono questi i titoli dei maggiori quotidiani nazionali del Centro-Nord. Qualcuno si è opposto in questi giorni ad un evento culturale, un giorno della memoria per il Sud, temendo che possa addirittura "dividere l'Italia" ma possiamo garantirvi che l'Italia è già divisa. È divisa mentre nei tg nazionali scorrono le immagini di una protesta ischitana di 7 anni fa contro l'abbattimento di alcune case ("lo vedete? È colpa loro!"). È divisa mentre non un solo giornalista ha l'umiltà e la correttezza di ascoltare quello che tanti esperti dicono da ore ("l'abusivismo è un reato e va punito ma non c'entra nulla con i crolli di case vecchie", "i gradi registrati sono relativi per questo tipo di terremoti"...). È divisa mentre qualche ministro ripete gli stessi titoli di quei giornali in vista magari di finanziamenti da (non) concedere (e, come diciamo sempre, "prima il Nord" è linea di governo da 150 anni). È divisa mentre gli stessi giornalisti, senza alcuna umanità (parliamo di umanità e non pretendiamo professionalità), emettevano sentenze come se già avessero fatto inchieste lunghe e complesse e proprio durante le ore nelle quali quegli eroici pompieri scavavano ancora per salvare quei poveri bambini ("Il miracolo dei tre bambini" è l'unico titolo "umano", "normale" e forse non a caso è il titolo della Gazzetta del Mezzogiorno di Bari). Che differenza c'è tra quei titoli e quei post di alcuni idioti padani che hanno festeggiato la tragedia di Ischia? Quando si fanno prevalere pre-concetti e pre-giudizi la parola da usare è una: "razzismo". Perché (altro che vittimismo, magari fosse vittimismo), puoi avere una laurea o non averla, puoi essere leghista o comunista ma quei post e quei giornali hanno fatto prevalere pre-concetti e pre-giudizi solo perché quella tragedia si è verificata a Ischia, Campania, Sud e -si sa- se pure avviene una tragedia "là", "è sempre colpa loro". E lo schema è lo stesso di 150 anni fa quando diventammo vittime ma "per colpa nostra" perché eravamo "già arretrati" (e non era vero) o perché eravate "già in guerra tra voi" (e non era vero)... Quanti, però (dopo la bella ondata di solidarietà seguita al terremoto emiliano-romagnolo), hanno saputo che quei capannoni crollati erano illegali o fuori norma? Quanti, prima di correre a spalare il fango, si sono chiesti se quelle case liguri erano o no legali? Il presidente del consiglio ha dichiarato che l'Italia è vicina e solidale con le vittime (neanche ci hanno fatto sapere chi sono e che ci facevano sotto quelle pietre): quanti al Nord (e anche al Sud) dopo il lavaggio di cervello subito in queste ore sarebbero disposti a versare una lacrima o un euro per "quelli lì che in fondo se la sono cercata" o (qualcuno lo ha detto davvero) "comprano mobili belli ma non costruiscono case sicure" o (lo ha detto Graldi in Rai) "pretendono egoisticamente dallo Stato assistenza, conforto o anche una bottiglietta d'acqua ma non hanno fatto niente per lo Stato". È divisa questa Italia e una parte (da 150 anni) è convinta di essere migliore dell'altra (e l'altra parte spesso ci ha creduto e ci crede), è convinta di avere il diritto di avere più diritti (e l'altra parte si è rassegnata o si rassegna). E, intanto, qualcuno combatte contro le giornate per la memoria del Sud. E continueremo a combattere anche noi perché in questa Italia già divisa forse un nuovo orgoglio, un nuovo senso di appartenenza e un vero e nuovo amore per questa terra vittima dei terremoti come dell'indifferenza e dell'odio possono farci riacquistare una dignità perduta da troppo tempo (e non per colpa nostra). E forse per questo, per questa rabbia e per questa speranza e con le immagini di quei bambini sotto le macerie ancora negli occhi, stanotte è difficile dormire.
GDC
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 27 visitatori online
Utenti
20145 registrati
0 oggi
11 questa settimana
1408 questo mese
Totale Visite
11273856 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer