spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

PONTELANDOLFO 14 AGOSTO 1861/2017: RISPETTO PER LA NOSTRA MEMORIA STORICA PDF Stampa E-mail

Risultatiimmaginiperpontelandolfo

Il nostro modo di ricordare di ricordare le vittime meridionali dell'unificazione italiana ed in particolare quelle di Pontelandolfo e Casalduni (14 agosto 1861) si realizza, da 24 anni, attraverso la ricerca e la difesa della verità storica. Questa la richiesta

di rettifica inviata al Corriere del Mezzogiorno dopo l'ennesimo articolo carico di notizie non corrette. “La memoria dovrebbe essere più rigorosa e non dovrebbe essere strumentalizzata”: è l’unica osservazione che si può condividere nell’articolo firmato da Giancristiano Desiderio sul Corriere del Mezzogiorno dell’11/8/17 (in realtà si tratta più o meno dello stesso  articolo pubblicato ogni tanto da Desiderio e al quale abbiamo più volte replicato). E’ una osservazione, però, che Desiderio e quanti continuano a citare fonti superate o utilizzate parzialmente, dovrebbero tenere sempre presente. I morti di Pontelandolfo, per Desiderio, sarebbero 13 e le sue fonti sono sempre le stesse: riporta, infatti, i dati di una pubblicazione (di oltre 15 anni fa!) di Fernando Panella ma non riporta interamente le verità di quella ricerca così come aveva fatto correttamente Pino Aprile e oltre 7 anni fa. Dimostra così di non aver letto bene né i suoi “avversari” né le sue stesse fonti. Prima di tutto se Desiderio avesse frequentato sistematicamente gli archivi saprebbe bene che, quando si parla di libri di morti parrocchiali, si tratta sempre di dati del tutto parziali: non sempre, specie in situazioni di estrema gravità come quelle di cui stiamo parlando, c’era il tempo o il modo di registrare i morti sui libri e, come attestato da Panella, “non tutti i feriti e gli ustionati perirono subito”. Intanto la tesi “nuova” dei battezzati ottiene il risultato contrario rispetto a quello che voleva ottenere: i battezzati nel 1861 furono 172 (196 quelli del 1860): al di là del fatto (rilevante) che la strage ci fu nell'agosto e che quindi gli 8 mesi precedenti furono “normali” anche per le nascite, l’oltre 10% in meno su soli 4 mesi non è statisticamente irrilevante per un dato comunque relativo e per chiunque abbia qualche nozione di statistica. Intanto il bersagliere Carlo Margolfo, testimone oculare del tempo, riferisce che, appena entrati in paese, avevano “incominciato a fucilare i preti ed uomini, quanti capitava” (“quale rumore facevano quei poveri diavoli che la sorte era di morire abbrustoliti, e chi sotto le rovine delle case”…). Intanto lo stesso giornale filo-governativo “Il Popolo d’Italia” parla di 164 morti. Intanto sempre Panella, incrociando i dati (sempre parziali) dei morti dei mesi successivi e confrontandoli  con quelli dei morti degli anni precedenti evidenzia che l’incendio non solo arrecò danni ingenti alle case, ma "si deve ritenere la causa diretta di tanti decessi e il dato di centinaia di vittime è forse esagerato ma più vicino alla realtà”. Intanto (anche secondo i dati riportati da Desiderio!) Pontelandolfo conobbe una crescita di circa 1000 abitanti nei 30 anni prima della strage. Secondo gli stessi dati riportati (sempre da Desiderio ma -chissà perché!- a partire dal 1866) la popolazione (invece di crescere come aveva fatto notevolmente nei decenni precedenti) perde in meno di 5 anni oltre 300 abitanti e Desiderio riesce a dimostrare il contrario di quello che voleva dimostrare. Intanto dai dati (quelli sì davvero inediti) pubblicati da Pino Aprile in “Carnefici” e ricavati dal Dicastero Interno e Polizia risultano 5.747 abitanti nel 1861 (esattamente 4 giorni prima della strage) e qualche mese dopo (Calendario Generale del Regno d’Italia) ne risultano 1.463 in meno (non tutti morti, forse, ma un sicuro segnale di qualche evento drammatico e che di certo non conferma i “soli 13 morti”). Perché mai, allora, Desiderio confronta i dati pre-strage con quelli di 5 anni dopo senza tenere conto delle fonti, di tutte le fonti? Forse per “strumentalizzare la storia”? Se lo stesso presidente della Repubblica rappresentato nel 2011 da Giuliano Amato ha chiesto ufficialmente scusa per quello che successe a Pontelandolfo e che (fino a quando Aprile e altri che Desiderio definirebbe “neoborbonici” non tiravano fuori notizie e documenti) “era stato messo ai margini della storia”, com’è possibile che ci sia ancora qualcuno pronto a ridimensionare una tragedia che (uno, cento o mille morti e di certo non limitata solo a Pontelandolfo) rappresenta una vergogna nella storia italiana? Certo è che oggi gli abitanti di Pontelandolfo, in un trend senza discontinuità, sono quasi la metà di quelli della metà dell’Ottocento e al centro di una emigrazione mai conosciuta prima e ancora drammaticamente attuale. Quei poveri morti e la nostra storia meritano (dopo oltre 150 anni), verità e rispetto e, forse, pure un Giorno della Memoria (per lo studio e la riflessione).
Cortesi saluti
Prof. Gennaro De Crescenzo. Presidente Movimento Neoborbonico
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 19 visitatori online
Utenti
19663 registrati
0 oggi
4 questa settimana
1681 questo mese
Totale Visite
10721585 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer