spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

LA VOCE DEI "BRIGANTI" NEL NUOVO LIBRO DI GIGI DI FIORE PDF Stampa E-mail
Risultatiimmaginiperbrigantigigidifiore

Ninco Nanco, Pelorosso, Nenna Nenna, Pizzichicchio, Coppolone Ciucciariello,



Pigliuchiello... Nelle pagine del nuovo libro di Gigi Di Fiore ("Briganti", Utet) sembra di sentire le voci (per troppo tempo dimenticate) di alcuni dei  protagonisti della storia dell’unificazione italiana. Le voci e anche le paure, le speranze, i sogni, le illusioni e anche le disillusioni dei cosiddetti “briganti” che combatterono e morirono nella nostra terra dalle Puglie alla Basilicata, dalla Campania alla Calabria, in oltre dieci anni di una guerra "cafona" che vide contrapposti piemontesi e meridionali, contadini e galantuomini, con sfumature e implicazioni complesse che, nonostante un secolo e mezzo di tentativi, sono ancora tutte da studiare e interpretare. Quello che prevale, però, nelle oltre 300 pagine di questo libro appassionato e appassionante non è l'analisi politica o sociale ma il racconto. Un racconto diviso in tre sezioni che sarebbe più giusto definire (cinematograficamente) "tempi". Crocco, Cosimo Giordano, il sergente Romano: Di Fiore fa parlare gli atti dei processi, le cronache e i documenti del tempo e dà voce ai tanti che quella voce spesso non l'hanno mai avuta e così, come con dei link, si aprono le altre storie “parallele”. Quelle delle stragi (tema già approfondito nei dettagli negli altri saggi di Di Fiore) come quelle di Pontelandolfo e Casalduni (interessantissimo il racconto della visita di Carlo Alianello circa mezzo secolo fa), di San Giorgio la Molara o di Gioia del Colle. In evidenza, poi, quelle lacerazioni sociali che insieme ai massacri e ai saccheggi furono una delle conseguenze più tragiche dell'unificazione, una lacerazione mai così tragica nella nostra terra. Una lacerazione mai così tragica nella nostra plurisecolare storia e che (non abbiamo dubbi) fu portata da queste parti da quegli oltre 120.000 soldati piemontesi che non erano né passanti né turisti e neanche vigili urbani accorsi a dirimere le liti di litigiosi meridionali. Diretta, inoltre, l'accusa di Di Fiore alle nuove classi dirigenti meridionali (diversi gli eredi genetici o culturali ancora attuali, aggiungiamo noi). In evidenza in tutto il libro un'altra tesi: quella del grande successo che il tema del brigantaggio sta ottenendo in questi ultimi anni. Così il brigantaggio è diventato "un momento storico e simbolico di riferimento ideale nel Sud che rivendica con orgoglio la sua identità": un successo che è frutto del lavoro di tanti autori che dal 1860 in poi hanno testimoniato l'esistenza di una storia "altra" rispetto a quello ufficiale, frutto delle nuove e più recenti ricerche (accademiche e non) accompagnate da una incessante opera di divulgazione (neoborbonica e non) e pensiamo al successo dei precedenti saggi di Di Fiore o a quello di libri come "Terroni" di Pino Aprile. Tutto questo ha contribuito a rafforzare se non a creare questo "patrimonio identitario": "pietre smosse della memoria", nella bella ed efficace immagine utilizzata da Di Fiore. Ma quel mondo di abitini con i santi, di rosari, di portafortuna o di brigantesse baciate dei briganti prima di morire o delle medaglie al valore militare ottenute nell'esercito dei Borbone e fissate sui petti davanti al plotone di esecuzione, era destinato a finire. Lo stesso mondo, però, può diventare, anche grazie a libri come questo, una memoria nuova. Una memoria ancora utile. Forse preziosa per il Sud di domani.
Gennaro De Crescenzo

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 57 visitatori online
Utenti
20020 registrati
0 oggi
12 questa settimana
1673 questo mese
Totale Visite
11056216 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer