spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

Savoia a Lenola PDF Stampa E-mail

IndietroSavoia

Nel famoso 15 marzo 2003 (giorno che potrebbe essere ricordato come vera rinascita della Nazione Duosiciliana), gli adesivi indietrosavoia si sparsero a profusione: sui giornali, sui manifesti, sulle auto, sul petto dei manifestanti, sui pali stradali, sulle vetrine dei negozi, in TV, on line, ecc...

Il NO dei  Meridionali all'ingresso ufficiale dei Savoia a Napoli fu chiaro ed inequivocabile. Lo capirono anche le forze dell'ordine che prudentemente consigliarono i principi sabaudi di disertare la visita al Duomo: una fuga ignominiosa ma coerente con la natura dei personaggi.

Per chi ancora avesse qualche dubbio su di loro sarà salutare leggere Io mi ricordo nella sezione Dillo al giornale , un manifestino che fu stampato sul Giornale delle Due Sicilie.
Ieri a Lenola (LT) di nuovo Emanuele Filiberto e famiglia invitati in pompa magna dalle autorità locali. Anche altri luoghi sono stati infestati dopo la fine dell'esilio dagli eredi maschi Savoia, ma non in forma ufficiale per lo meno nei territori del grande regno borbonico da essi proditoriamente distrutto. Era pertanto doveroso far risentire alle auguste orecchie savoiarde di Filiberto la voce di chi conosce la storia della sua poco onorevole casata specialmente nei suoi letali rapporti con il Mezzogiorno d'Italia.

Giovedì mattina era previsto il ricevimento in Municipio dove si erano dati appuntamento quelli che non sono ignoranti in storia savoiarda, ma il solito consiglio poliziesco aveva fatto cambiare programma. Blitz (non annunciato) la sera precedente (14 settembre) al palazzo comunale e solo visita al Santuario il 15: l'atavica fuga di ogni vero Savoia! In tal modo la voce si è diffusa e molti non hanno ritenuto opportuno contestare il personaggio avanti alla Chiesa della Madonna del Colle (dove la sua prononna avrebbe ricevuto una grazia - anche se scomunicata come savoiarda).

A proposito leggete questo pensiero di un sacerdote:

Caro Capitano Romano, leggo da giorni le vicende della visita della famiglia Savoia a Lenola e, verificando le date con le carte alla mano, ho avuto prova di un falso storico, fatto passare per miracolo, ed allo stesso tempo la conferma di una tremenda previsione sulla sorte di quella casata.Il falso è che la regina madre, nel 1903 salì al Santuario Mariano pochi mesi prima della nascita del principe quando la nuora era già in attesa. Pertanto, nessuna grazia divina o presunta tale ma solo un caso.Segno divino forse è la nascita, il 15 settembre, ma di nefasto significato dato che il giovane rampollo, divenuto re, non riuscì a regnare, esattamente come Don Bosco aveva profetizzato.Tutto qui.i risulta che oggi il Sig. Vittorio Emanuele Savoia abbia chiesto qualcosa alla Madonna? Spero di no, per lui.

Don Luigi Marino

Mentre si scioglieva (fisicamente o telefonicamente) il concentramento degli appassionati di storia delusi dal cambio di programma, una delegazione di neoborbonici decideva di portarsi al colle del Santuario, dove era prevista l'oscura presenza sabauda.

Senza chiasso, disordini o sventolio di bandiere il gruppetto di duosiciliani ha scorto il poco augusto principe, circondato dalla piaggeria indigena, che distribuiva sorrisi a dritta e a manca, ricevendo complimenti ed omaggi.

Allo scrivente (che aveva organizzato il Comitato Antisavoia nel 2003) l'adesivo di cui sopra  incominciato ad agitarsi in tasca. Nessuno dei suoi mille e mille fratelli aveva avuto il piacere di essere consegnato direttamente al discendente del grande ladro ed usurpatore Vittorio Emanuele II; egli l'aveva visto sui mass media, ne aveva sentito parlare da chi si rammaricava che i Meridionali fossero ancora borbonici, ma mai lo aveva avuto in mano.

Eludendo il numeroso ma blando servizio di vigilanza (pubblico e privato) l'adesivo è stato fulmineamente porto a Filiberto che aveva evidentemente giudicato l'attempato signore che si dirigeva verso di lui un ammiratore affascinato irresistibilmente. Filiberto lo ha istintivamente preso e guardato.

Il suo volto è sbiancato di colpo assumendo un atteggiamento terribile. Ha immediatamente passato il dischetto adesivo (che gli sarà sembrato rovente assai) ad un cortigiano come se la sua mano si fosse ustionata.

Peccato che non è stata immortalata la scena, nonostante i tanti fotografi presenti, per la rapidit? dell'avvenuto.

La Digos è quindi intervenuta ma tutto quello che si voleva fare era stato già fatto in nome della verità storica e della libertà di opinione, senza violenza nè offesa alcuna. Eppure c'è stato l'invito perentorio ad andare verso un'auto della PS per l'identificazione (lenta per far respirare il nobil uomo sabaudo) prima dell'autore e poi di altri neoborbonici presenti. Tanto rumore per nulla, dal punto di vista giuridico!

In conclusione, i Neoborbonici ogni qual volta i Savoia metteranno piede nelle Due Sicilie, saranno sempre pronti ad accoglierli degnamente; il che significa pacificamente ma fermamente in nome della memoria storica delle nostre popolazioni, cancellata e mistificata per colpa dei Savoia !

Apprendiamo adesso che E.Filiberto, direttamente da Lenola si è recato a Venezia per una festa vip lo stesso giorno 15. Riporta il giornale Emilianet Gossip che lo hanno visto ubriaco fradicio e dedito a crapule vergognose. Saranno i primi effetti dell'adesivo neoborbonico? Forse i primi rimorsi per il male fatto al Sud dagli antenati?

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 104 visitatori online
Utenti
20311 registrati
1 oggi
1 questa settimana
1693 questo mese
Totale Visite
11490942 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer