spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

Se la giustizia sportiva non esiste mandiamo in galera i razzisti anti-napoletani PDF Stampa E-mail

Dopo la depenalizzazione delle discriminazioni territoriali e antinapoletane prevista dal presidente Tavecchio, il Movimento Neoborbonico preannuncia che si rivolgerà alla giustizia ordinaria in sede penale in tutti quei casi in cui (in Italia o all’estero, in presenza o meno dei tifosi napoletani) tifosi di altre squadre rivolgeranno con cori e striscioni insulti contro una intera e incolpevole popolazione. Di fronte all’assenza di una vera giustizia sportiva e di fronte alla consueta assenza di classi dirigenti (sportive e non) in grado difendere Napoli e i Napoletani, si richiederà l’applicazione del reato di discriminazione previsto dal diritto penale e da norme internazionali (su tutte la Convenzione Internazionale di New York 
del 1966).
Della questione il Movimento Neoborbonico anche informato il presidente della Fifa Blatter che più volte aveva richiesto l’applicazione severa delle norme già esistenti e chiare e relative a “discriminazioni di qualsiasi natura contro singoli o gruppi”.
Il razzismo antinapoletano negli stadi e fuori dagli stadi è un fenomeno sempre più diffuso e pericoloso e non può essere tollerato solo perché le autorità sportive (e non) non sono in grado di gestire una situazione complessa: i tragici fatti dell’Olimpico con l’agguato ai bus dei Napoletani e l’assassinio del povero Ciro Esposito costituiscono un esempio grave, significativo e ignorato della degenerazione di una forma di razzismo intollerabile almeno quanto quello diretto contro i calciatori di colore evitando così una strana forma di “discriminazione nella discriminazione”.
Se le parole e il diritto hanno ancora un senso, sono censurabili, ovviamente, “banane o ululati”, ma sono censurabili anche frasi offensive e gratuite nelle quali si evidenziano tragedie vere vissute dal popolo napoletano (il colera o i terremoti), la scarsa pulizia e la “non appartenenza” all’Italia con l’augurio che tutti i Napoletani possano essere sterminati dal Vesuvio…
Si tratta sempre di un reato anche se commesso da più persone e reiterato.

Ufficio stampa
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 28 visitatori online
Utenti
21219 registrati
0 oggi
3 questa settimana
1564 questo mese
Totale Visite
12978111 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer