spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Riflessioni sulla "Tirannide" Borbonica

Riflessioni sulla "Tirannide" Borbonica PDF Stampa E-mail

?

Quest'estate, passeggiando per le vie di Vallo della Lucania (SA), non ho potuto fare a meno di notare, da cultore della verit? storica,?alcune targhe commemorative marmoree esposte nel centro della cittadina.

Ebbene, la prima ad attirare la mia attenzione ? quella dedicata ai "martiri" del 1799, in altre parole?sono elencati?TUTTI i cittadini di Vallo che persero la vita nel difendere l'effimera repubblica napoletana.

Il primo ? morto il 13 giugno a Napoli, e mi ? venuto subito alla mente un passaggio dell'Inno dei Sanfedisti, noto anche?come "Carmagnola":

"...Alli tridece di giugno
sant'Antonio gluriuso
'e signure 'sti birbante
'e facettero 'o mazzo tanto..."

Tutti gli altri, e sono riportati?ben TRE nomi, morirono successivamente.

In totale morirono 4 cittadini nel difendere i francesi e i giacobini, combattendo contro i propri fratelli e tradendo la Propria Patria.

Purtroppo non so invece quanti abitanti di Vallo morirono contrastando l'invasione francese e reagendo alle continue violenze e angherie?che i giacobini compivano quotidianamente?in quel periodo, d'altronde non c'? nessuna targa che lo ricordi.

Ma ? giusto che sia cos?, perch? dei "villici" che difesero la Propria Patria, le proprie famiglie, le proprie case, la Religione ignorando e non appoggiando i fantastici ideali che i francesi con tanti sacrifici e con altissimo spirito altruista portarono nel Nostro Regno, non possono essere considerati uomini, ma soltanto feccia....

"...So' venute li Francise
aute tasse 'nce hanno miso
Libert?... Egalit?...
io arrobbo a te
tu arrubbe a me..."

"...Li Francise so' arrivate
'nce hanno bbuono carusate
evvual? evvual?
cavece 'nculo alla libert?..."

La Carmagnola non ? un documento storico sicuramente, ma io credo molto di pi? a ci? che il popolo ha sentito sulle proprie spalle che non agli scrittori prezzolati ed esaltati che ci hanno preso semplicemente in giro con le loro menzogne e falsit?.

Avvicinandomi al municipio c'erano altre targhe, tra cui una "dedicata" al periodo borbonico. Si legge distintamente:

TIRANNIDE BORBONICA

Devo?dire che inizialmente avrei desiderato un piede di porco o qualche altra cosa per poterle distruggere, ma poi, riflettendo,?ho capito che quelle targhe aiutano a capire come e da chi fu fatta l'unit? d'italia.

Basta semplicemente pensare chi ha pagato quelle targhe, chi le ha fatte mettere, chi ha scelto le frasi...

Ebbene costoro sono i massoni, e il Cilento purtroppo ne ? sempre stato pieno, e per loro il Buon Governo Borbonico ha effettivamente rappresentato una Tirann?a perch? non gli permetteva di sfruttare, di speculare, di prevalicare; mentre, caduta la Tirann?a, hanno potuto fagocitare tutto, riducendo il popolo alla pi? nera miseria, costringendolo a fare una cosa allora sconosciuta: EMIGRARE.

Questi "signori" che hanno deciso le sorti del Popolo Duosiciliano hanno tradito, svenduto e buttato nel cestino il Paese pi? bello e pi? florido del Mondo, e alle loro "gesta" sono dedicati monumenti, piazze, strade etc.

Mi domando a questo punto quando arriver? il momento di fare sul serio, quando potremo finalmente commemorare i Nostri eroi, quelli che sono morti nel difenderci e non nel conquistarci (Pisacane), quando potremo finalmente?tornare a valorizzare le nostre risorse, quando la finiremo di emigrare, quando finiremo di essere una squallida Colonia, quando torneremo a riappropiarci della nostra dignit?.

Spero al pi? presto, il Popolo Duosiciliano ? ormai stanco, sfiduciato, amareggiato e chi si ? avvicinato alla verit? storica e si vede circondato da inettitudine e disamore, soffre ancora di pi?.

Lorenzo Degl'Innocenti

?

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 70 visitatori online
Utenti
20305 registrati
0 oggi
4 questa settimana
1687 questo mese
Totale Visite
11479230 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer