spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Storia arrow Storia del Regno arrow CAPUA 150

CAPUA 150 PDF Stampa E-mail
capua.jpg

SENZA IMBROGLI I GARIBALDINI PERDONO

Con i successi siciliani ormai tanto lontani quanto truccati, Garibaldi è tronfio per la sua cavalcata indisturbata dal Faro alla capitale. Assieme ai suoi, è persuaso dell’efficienza delle mene massoniche che rendono tutto facile, preventivato e piacevole per la gloria e per le prebende incassate un po’ da tutti grazie ai continui saccheggi . Soprattutto l’abbandono di Napoli di Francesco II gli ha quasi conferito un carisma di irresistibilità e lo schieramento borbonico tra Capua e Maddaloni gli appare un altro bluff che si disintegrerà al primo tentativo di forzarlo.


In effetti la questa convinzione è tanto radicata che il 14 un’avanguardia garibaldina punta verso la famosa fortezza di Capua, sede del comando generale borbonico. La velleità dell’azione si dimostra immediatamente quando le raffiche di mitraglia dagli spalti capuani obbligano gli attaccanti a una precipitosa e sanguinosa fuga. Ma Garibaldi è caparbio e valuta l’episodio solo come avventato; la sicurezza di riprovarci meglio proviene dal vero e proprio esercito a disposizione. La celerità del miracolo di San Gennaro il 19 lo induce a trarre auspici arbitrari di momento propizio e ordina l’assalto in forze a Capua. L’epurazione (purtroppo parziale) avvenuta tra i Regi dopo la ritirata a nord della capitale dà agli invasori una cocente delusione. Le loro fila vengono falcidiate dai cannoni sulle mura da cui escono addirittura i difensori per metterli decisamente in rotta. Davanti a Capua cade più della metà dei morti dichiarati a seguito della battaglia del Volturno. E’ una vera disfatta ed è la prima volta che  borbonici vincono forse in mancanza di accordi precedenti non stipulati per presunzione e fretta. In ogni modo la storiografia ufficiale ha decretato di minimizzare l’evento di Capua del 19-9-1860, che giusto oggi compie 150 anni, che invece va celebrato al massimo per evidenziare il valore dei soldati duosiciliani.

 

 

 

 

Dal libro dello scrivente il Saccheggio del Sud le pagine dedicata al tema odierno.

 

Garibaldi ogni giorno riceve uomini e mezzi da Torino anche se si lamenta di non veder meridionali accorrere tra le sue fila; esse però s'ingrossano sempre più sino a dargli un vero esercito formato alla fine di settembre da oltre 30000 soldati per lo più regolari sardi in strano congedo. La sicurezza del nizzardo si fonda però sulle battaglie fasulle vinte sino ad allora, essendo certo di continuare a pugnare in tale modo anche sul Volturno. Stabilito il quartier generale nella reggia borbonica (che ovviamente viene quotidianamente alleggerita dei suoi sterminati oggetti preziosi svenduti un po' dovunque dai rossi), il 14 settembre Garibaldi riceve informazioni settarie che i cannoni di Capua sono caricati a salve e che la popolazione nella fortezza aspetta solo un segnale per rivoltarsi contro il "tiranno borbonico" ed aprire le porte festante ai "liberatori". Così, velleitariamente, Capua è investita da reparti garibaldesi. Naturalmente dai bastioni le scariche di artiglieria spaccano agevolmente le teste imbottite di illusioni dei rossi e convincono rapidamente quelle superstiti che la musica sta cambiando! Vien chiesta immediatamente una tregua di 24 ore, utile a Ritucci per frenare i facili entusiasmi e, a Garibaldi, per cercare nuove soluzioni in campo tutt'altro che bellico!....

Per allentare la baldanza dei Regi, il nizzardo decide di infiltrare suoi uomini alle spalle dello schieramento troppo lungo degli avversari. Così al comando dell'ungherese Csudafy una colonna viene spedita per Maddaloni verso Piedimonte per cercare di sollevare (ma con quali seri presentimenti visti gli altri analoghi tentativi?) la popolazione. Così ancora un'altra colonna agli ordini del bolognese Cattabene è inviata per Limatola a Caiazzo per rompere la padronanza nemica della riva dritta del Volturno, dando maggiori garanzie ai rossi. Quest'ultima spedizione è notata dal ten.col. La Rosa che, avendo troppo pochi soldati, chiede ed ottiene il repentino aiuto degli abitanti dei luoghi anche se armati alla men peggio solo con armi bianche. Le costruzioni di ponti di barche fatte sul fiume per consentire il passaggio dei garibaldeschi sono subitaneamente distrutte a Sguiglia, Pietradelpesce, Alvignanello e Castelcampagnano e i rossi scappano da ogni parte. Caiazzo viene presidiata.

Il 19 settembre, festa del patrono di Napoli, Garibaldi s'illude che la veglia dei Regi sia affievolita per la solennità religiosa assai sentita e decide di riattaccare Capua. Stavolta è il tedesco Rustow a sfidare l'enigmatica fortezza (per le fandonie sparse dai settari) ma i difensori non si limitano a tirare cannonate micidiali: l'aitante ten.col.Negri e l'anziano gen.Rossaroll (che, ormai in pensione, aveva volontariamente raggiunto il suo Re) escono dalla città inseguendo i rossi e sbaragliandoli. I garibaldeschi si rifugiano trafelati, e con molti feriti, a S.Maria ove si sparge il panico paventando l'arrivo della cavalleria regia decisa a mettere tutto a ferro e fuoco. Ma il ferimento del gen.Rossaroll e l'intollerabile cautela operativa di Ritucci fermano il contrattacco quando sarebbe bastato un piccolo drappello per liberare la città con conseguenze incalcolabili sul traballante morale garibaldese. Infatti, nonostante l'inazione dei Regi, tra i garibaldeschi vi è il terrore, specialmente perchè ci si è resi conto che è tramontata definitivamente l'epoca dei successi prefabbricati e praticamente indolori. Nel luogo che fu la tomba dell'esercito cartaginese, circa seicento uomini disertano tornando precipitosamente a Napoli e pretendendo soldi e passaporti per andarsene per sempre.

 

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 64 visitatori online
Utenti
20026 registrati
0 oggi
4 questa settimana
1679 questo mese
Totale Visite
11064146 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer