spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Iscrizioni
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow PREGHIERA DI UN BRIGANTE

PREGHIERA DI UN BRIGANTE PDF Stampa E-mail
Da R. T., che si firma "duosiciliano di Napoli" viene questa struggente lettera accompagnata da una splendida poesia redatta in napoletano comprensibile anche se non proprio ortodosso:

 Parafrasando Dante, nel mezzo del cammin della mia vita, m'incamminai sul sentiero della verità proibita che la diritta storia era smarrita.
Completamente risucchiato dalla voglia di sapere, sto approfondendo i misfatti che segnarono il periodo risorgimentale e che decretarono la nascita di un' Italia mai una, madre e matrigna.

Così mi sprofondo nella lettura del bel libro di Pino Aprile "Terroni" e lì inizia il turbinio di sentimenti contrastanti, stridenti, un misto tra orgoglio (non ritrovato perchè sempre ben presente nella mia identità di Napoletano fiero) e rabbia prorompente, che mi gonfia il petto e che vorrei gridare a squarciagola ma che, spesso, lì si smorza trovando come unica via di sfogo le lacrime.
In una delle ormai consuete notti insonni in cui non riesco a staccare la lettura del libro di Aprile, proprio nel passo in cui egli scrive di averne interrotto la stesura sulla sua vecchia macchina da scrivere battendo un pugno violento sui tasti per la rabbia che inesorabile montava, ecco che riesco a staccare.


 Il sonno ormai mi ha abbandonato, sono ben sveglio e sono le tre di notte.
Vado fuori al balcone, mi accendo una sigaretta e guardo il cielo stellato: è il primo di luglio dell'anno duemiladieci.
Quello stesso cielo che centocinquant'anni prima era il tetto di tanti compatrioti partigiani che tra le campagne delle nostre amate terre, opponevano resistenza all'invasore piemontese.

Così immagino quello che in quelle stesse ore un brigante poteva immaginare, come poteva pregare.
Ed ecco che mi arriva la usa prece. Tendo l'orecchio e ne catturo il sussurro, ancora presente, ancora vivo. Ve lo riporto e ve ne faccio dono. A me nessun merito se non quello di essere riuscito ad ascoltarlo ed afferrarlo, ascoltando con il cuore.
Consideratela il mio modesto contributo alla celebrazione per i prossimi centocinquant'anni di malaunità!
Un abbraccio a tutti i meridionali orgogliosi delle proprie origini e della propria austera storia.


Prece e 'nu brigante


Signora mia ca in cielo, terra e mare,
a tutti e figli Tuoje puort arricietto,
sient sta precia mia, famme sanare
'na pena ca me stregne forte 'mpietto.

Ccà bascio, dint'a sti terre belle e pure,
nce sta 'na uerra cu meliuni 'e muorte
gente 'nnucente, femmene e criature:
meridionali comme sulo tuorto.

Lo furastiero cu 'a cammisa rossa
'nce parla cu 'na lengua scanusciuta
sta ccà pe cummannare la "riscossa":
pe tutte nujie 'a tirannia è fernuta.

Ma che và ascianno? Chi l'ha maje chiammato?
Chisto è 'nu favezo e senza devuzione,
a tutti và dicenno ca è 'nu frato,
venuto a liberà 'a pupulazione.

Ma la pupulazione nosta nunn'è schiava!
Vene trattata cu rispetto e onore.
L'ammore pe lu Re è comm'a lava:
tracema ardente e rossa da lu core.

E dimme Tu, quà frato pe dà 'o bene
accide e mette a fierro 'e fuoco e terre?
Lu sango mio nun tene dint'e vene,
è sulo 'nu pezzente ca fà 'e guerre!

E mmiezo a nujie 'nce sta chi 'o dà credenza,
a lialtà e l'onore songhe rare:
chi pe 'gnuranza e chi pe cunvenienza
venne la Patria pe trenta denare!

Li cchiù de nujie, a 'o Re stanno vicini,
pronte a cumbattere e a murì pa Terra!
Surdate, nubiltà e cuntadini:
nun dichiarata fanno chesta 'uerra!

Mamma do Cristo e de lu Santu Dio,
sta genta Tojia t'ha sempe fatto onore:
c'avimma fatto io e 'o popolo mio
pe meretarce chistu usurpatore?

E si tenive 'ncunto tanti pene
pe nujie, gente de Terre de Sicilie,
Nun tiene n'autu mezzo che cunvene?
Pecchè 'nce l'he mannate pe sti vie?

E primma e m'addurmì ca cumpagnia,
supplico a Te Signora e a tutt'e Sante
e dà risposta a chesta precia mia
......... si figlio a Te è pure 'nu brigante!

 


< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 84 visitatori online
Utenti
20032 registrati
6 oggi
10 questa settimana
1685 questo mese
Totale Visite
11065014 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer