spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

BATTAGLIA DEL VOLTURNO PDF Stampa E-mail

NOTE A MARGINE DEL TRIONFO DI CASERTA

LA SAGRA DEL SURROGATO

Ai tempi dell’ultima guerra ebbero rilevante diffusione i surrogati del caffè come l’orzo o la cicoria. Si sa che il surrogato è adoperato in condizioni di necessità  in sostituzione di un altro prodotto che non è possibile ottenere per l’ improvvisa interruzione delle vie commerciali. Viene spesso associato a bassa qualità con una connotazione obiettivamente negativa.

Quelli del caffè in tazza sembravano neri e fumanti come l’originale, favorendo l’acquolina in bocca per il forte desiderio. Naturalmente tutto durava sino all’accostamento alle labbra che faceva precedere il primo sorso al messaggio inequivocabile alle narici. L’odore anticipava d’un attimo il sapore proclamando senza speranza che non era assolutamente l’introvabile caffè!

Chi non se lo poteva permettere doveva tuttavia rassegnarsi, suscitando magari anche l’invidia di qualche osservatore distante che rimpiangeva quelli che stavano sorbendosi un raro e bel caffè…

Nell’area della battaglia del Volturno è successo qualcosa di analogo. In un “bar” di serviva l’autentico caffè, in un altro, a pochissimi chilometri, c’era la sagra del surrogato.

Nel primo luogo figuranti ormai professionali con le divise invitte dell’esercito borbonico rendevano onore ai caduti per la patria napoletana; cavalieri dell’ordine costantiniano presenziavano con l’orgoglio del messaggio di Carlo di Borbone; studiosi disinteressati e lineari  facevano rivivere quella battaglia evidenziandone gli aspetti salienti, appassionando il folto pubblico; organizzatori sinceri e capaci godevano della riuscitissima manifestazione.

Nel secondo luogo figuranti improvvisati o sporadici rendevano l’onore che potevano ai caduti; qualche cavaliere di ordini dissidenti o senza l’imprimatur del Gran Maestro tentava di rappresentare l’impresentabile; studenti, spronati dalle mire politiche, parlavano dei relativi programmi  mentre qualche nuovo studioso cercava di inserire il ricordo della battaglia senza troppa affinità con il tema prevalente e senza coinvolgimenti del pubblico diviso tra elettorato passivo e nostalgia borbonica; abili ma infidi organizzatori si pascevano di essere comunque riusciti a fare una manifestazione.

Coloro che ignorano il sapore del vero caffè, probabilmente perché non lo hanno mai potuto assaggiare, possono anche sentirsi appagati dal surrogato nonostante un inevitabile e inspiegabile amarognolo in bocca. Ma quelli che nel bel tempo che fu hanno sorbito un buon caffè nel loro intimo rimpiangeranno l’originale disperatamente. Per il puntiglio dell’alternativa non considereranno che la bottega dell’autentico caffè è aperta a tutti perché quell’ostentato  tempo di guerra, per giustificare il surrogato, è fittizio e che, fatto ben più grave, si propina un fetido decotto di orzo o cicoria a chi non sa dell’esistenza del caffè e addirittura si persuade che surrogato e originale sono la stessa cosa.

Forse tutto dipende dagli avventori del secondo “bar”  che, avanti a una vera tazzina di caffè da gustare nel primo “bar”, sarebbero quasi tutti inadeguati sino a svolgere automaticamente poco edificanti mansioni. Ancora una volta poveri frequentatori di questo “bar” del surrogato che ignorano l’originale mentre, per quelli scafati, l’apertura del loro esercizio emulativo è assolutamente precario perché rischia seriamente di essere spazzato via alla prima tornata elettorale!

Il Sanfedista

home.jpg

cronaca di un trionfo

Un pubblico numeroso al di là delle più ottimistiche previsioni ha gremito sia la chiesa di S. Sebastiano per la funzione religiosa in suffragio dei Regi Borbonici, sia la sala del Circolo Nazionale ove si è svolto il convegno sulla Battaglia del Volturno (come testimoniano le foto nella Galleria). La corona di alloro deposta dai figuranti in divisa d’epoca ai piedi della Madonna, protettrice del regno, rimarrà a ricordo della splendida manifestazione.

Durante la S. Messa, officiata dal cappellano neoborbonico don Giuliano Lilli, è emersa l’immagine inedita della lotta internazionale e massonica contro Napoli, con un filo che unisce inequivocabilmente invasioni saracene, guerre di religione, rivoluzione francese e risorgimento contro il Papa e i suoi difensori come i Borbone Due Sicilie. Parimenti inedita è stata la preghiera dei fedeli che riportiamo:

Per i soldati borbonici caduti al Volturno e dimenticati dalla storia ma presenti nei nostri cuori e nella Comunione dei Santi

 Beati i perseguitati a causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli

Per Sua Maestà Francesco II di Borbone, accolto fraternamente dal Beato Pio IX, affinché  ci guidi dal Cielo per il trionfo della Verità

Beati i perseguitati …

 Per i nostri antenati, detti ingiustamente briganti,  che lottarono sino alla fine per Iddio, la Patria Duosiciliana e il Re senza speranza e senza paura

Beati i perseguitati …

Per i milioni di emigranti, passati, presenti e futuri, costretti a partire dal Sud mostrando al mondo i Valori della nostra Tradizione

Beati i perseguitati …

Per noi loro discendenti che basiamo sulle loro stesse fondamenta la nostra vita e il riscatto dei nostri figli

Beati i perseguitati…

Il successivo convegno, introdotto da P. De Chiara (sulle attività della sede di Caserta) ha visto gli interventi di A. Romano (sullo scontro di civiltà al Volturno), di F. Di Rauso (sulle medaglie commemorative), di A. Ciano (sulle iniziative di Gaeta), di G. De Crescenzo (sui preparativi per i 150 dall’unità italiana), di V. Gulì (sulla narrazione della battaglia). L’attentissimo pubblico ha tributato grande successo alla serata restando concentrato e paziente per le oltre due ore di durata; si notavano delegati, iscritti e simpatizzanti non solo campani, ma laziali, pugliesi, lucani, calabresi, molisani.

 

Rassegna stampa

 


ce_10102009_batt_volturno-2.gif ce_10102009_batt_volturno-3.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 126 visitatori online
Utenti
46776 registrati
0 oggi
8 questa settimana
3750 questo mese
Totale Visite
20452812 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer