spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Real Esercito arrow Gli eroi Borbonici delle Due Sicilie arrow Francesco Saverio Luvarà

Francesco Saverio Luvarà PDF Stampa E-mail

Francesco Saverio Luvarà

Augusta 10/2/1827 -Vallo della Lucania 4/12/1909

Capitano

Era figlio di Carmine Luvarà, colonnello di artiglieria.

Appartenente ad una famiglia nobile calabrese, fu ammesso nel 1843 nelle guardie del corpo a cavallo, entrato nell'esercito fu addetto allo stato maggiore,tenente nel 1853 ebbe la promozione a capitano nel 1859.

Nell'aprile del 1860 si trovava a Palermo nello stato maggiore del comando in capo assegnato alla colonna Von Mechel, fu tra quelli che intuirono la manovra del nizzardo, mettendosi all'inseguimento della colonna Orsini conquistandone salmerie ed armamenti.

L'11 settembre 1860 fu promosso maggiore.

Militare di coraggio ed onore,ufficiale profondamente legato alla dinastia fu assegnato al generale Ritucci e quando l'esercito si ritirò dietro al Garigliano, propose ed ottenne di capitanare un corpo di volontari che agisse dietro le spalle del nemico sardo, in azioni di disturbo, precorrendo la nascente guerriglia leggittimista.

Dopo avere organizzato il corpo di volontari, aiutato dall'alsaziano Emile Theodule deChristen, entrò negli Abruzzi conquistando il 10 gennaio 1861 Carsoli, il 26 febbraio occupò Tagliacozzo sconfiggendo 400 piemontesi, umiliò le truppe invasori riprendendo il comando di Avezzano, rientrato a Roma per reclutare altri volontari lasciò il comando momentaneo all'avvocato Giacomo Giorgi che contravvenendo agli ordini di Luvarà volle occupare Sgurgola, dove i piemontesi messi sull'avviso avevano circondato il paese, catturando e fucilando 117 uomini.

Rientrato negli abruzzi al comando di 800 uomini coadiuvato sempre dal de Christen, conquistò Otricoli, avanzando fino a Sora, ma caduta Gaeta Francesco II dette l'ordine di rientrare nello stato pontificio.

Rimase a Roma per poco tempo e rientrato a Napoli sempre in collaborazione di de Christen tentò una sollevazione che fu soffocata sul nascere dalla delazione di un tale Novi.

Dovette più volte subire vessazioni ed arresti da parte delle autorità piemontesi, senza mai però piegarsi, l'abnegazione e l'amor patrio del Luvarà,autore di  una bella pagina di storia duosiciliana, che sia di esempio per tutti noi.

< Prec.
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 89 visitatori online
Utenti
20308 registrati
0 oggi
7 questa settimana
1690 questo mese
Totale Visite
11486189 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer