spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home

conquista del sud PDF Stampa E-mail

Vi sono due Storie: la falsa e la vera. La prima è destinata ai bambini delle scuole primarie, al popolo, e a quei borghesi che, terminati i loro studi all’età di circa sedici anni, non li proseguono e si accontentano di leggere opere dette di volgarizzazione. L’altra ha un carattere quasi confidenziale, tanto é ristretta l’elite alla quale si rivolge.

Finalmente le nostre idee sono riprese anche da altri. Bellissima questa pagina che riproponiamo dal foglio elettronico calabrese IMGPRESS di ieri 20 agosto. 

CON LA CONQUISTA DEL SUD NASCE LA QUESTIONE MERIDIONALE

Il gesto del sindaco di Capo d’Orlando di picconare la targa di Garibaldi ha innescato una serie di polemiche che potrebbero servire per ricostruire la storia del nostro Paese. L’anno scorso durante la presentazione di un volume sulla storia di Santa Teresa uno dei relatori presenti alla presentazione del volume, dal palco della Piazza Lungomare Bucalo, ha ripetuto la solita vulgata di un Meridione d’Italia fortemente in ritardo e quindi sottosviluppato rispetto a un presunto e progredito Settentrione ben governato dagli illuminati sovrani della casa Savoia. Quello dell’arretratezza del nostro Meridione, è un luogo comune da sfatare, non è stato sempre così, il clichè della marginalità del Sud in ogni momento della sua storia, scrive lo storico campano Mario Del Treppo e della sua conclamata inferiorità  politica, economica, civile  mai riscattata, nemmeno dall’opera del Risorgimento, è destinata a dissolversi. I primi a diffondere giudizi falsi sull’inferiorità del Meridione sono gli esuli napoletani che nel decennio 1850-60, […]con la loro propaganda antiborbonica non solo contribuiscono a demolire il prestigio e lonore della dinastia, ma determinano anche una trasformazione decisiva nell’immagine del sud, riproponendo secolari stereotipi sul “paradiso abitato da diavoli”(Francesco Pappalardo, Come il mezzogiorno è diventato una questione, in Cristianità, n.299, maggio-giugno 2000). La Rivoluzione italiana, per aggredire e quindi abbattere violentemente due Stati pacifici come lo Stato Pontificio e il Regno delle Due Sicilie, doveva trovare una giustificazione morale e ideale, dinanzi al mondo e alla storia. Occorreva insomma far credere agli italiani, e soprattutto alle Potenze straniere e al giudizio dei posteri, che quegli Stati erano infami e corrotti, oppressivi e incivili, e pertanto l’azione cavouriano-garibaldino-piemontese era non solo giustificabile, ma costituiva un’azione di civiltà e generosità (Massimo Viglione, L’Identità ferita, edizioni Ares). Per questo fu creata la leggenda nera del Piemonte progredito che portava la luce della civiltà a quelle sventurate popolazioni meridionali (anche se in realtà esse non avevano mai chiesto nessun aiuto e intervento esterno; anzi, già ai tempi di Napoleone, avevano perfettamente dimostrato, armi alla mano, la propria fedeltà ai governi papale e borbonico). In seguito ad alimentare la tesi del Sud arretrato contribuiscono alcuni storici come Pasquale Villari e Antonio Gramsci, dove il Mezzogiorno è letto come un grande problema sociale e materiale, pur nelle diversità delle interpretazioni, l’analisi fa sempre riferimento al modello economico liberale del secolo XVIII, che giudica la storia del mezzogiorno secondo il parametro della crescita della coscienza civile, che sarebbe giunta a maturazione solo grazie al Risorgimento, interpretato come la marcia ineluttabile verso una superiore civiltà politica, compiuta dagli esponenti liberali del regno contro l’incomprensione e l’ostilità della plebe. Cosicché il Meridione d’Italia da questo momento è valutato come una devianza dai modelli economici liberali e viene descritto in termini d’individualismo e di carente spirito civico, di arretratezza tecnologica e di resistenza alla modernizzazione, di corruzione e di clientelismo, utilizzando le dicotomie Nord/Sud, sviluppo/sottosviluppo, e progresso/arretratezza come indicatori del livello raggiunto rispetto a una scala ideale da percorrere. (Ibidem) I cosiddetti meridionalisti creano un’interpretazione sociale e culturale, dove il dualismo civiltà-barbarie permea la loro visione, nella quale il Sud non è più un campo geografico ma una metafora che rimanda a un’entità mitica e immaginaria, dove si possono ritrovare sia criminalità, residui feudali e superstizione, sia tradizioni popolari, folclore ed esotismo. E’ il pessimismo dello scrittore e uomo politico Giustino Fortunato e di altri che vedono nell’inferiorità meridionale come una costituzionale e irreparabile inferiorità razziale. A questo si aggiunge anche un’interpretazione diffusa nel mondo protestante, secondo cui il Sud è impregnato di paganesimo perenne e di cultura subalterna di una religiosità superficiale, rozza e superstiziosa, perfino con pratiche magiche. Non è possibile qui approfondire ma si può fare qualche esempio della reale situazione del Regno borbonico, nel momento in cui è aggredito nel 1860 dalle forze garibaldine e piemontesi. Leggo dal testo di Massimo Viglione. Sotto Carlo di Borbone vi fu grande attività edilizia, in tutti i campi: la Reggia di Caserta, secondo palazzo reale al mondo per grandezza e bellezza, strade, ponti, porti, forti militari. Creato ex novo l’esercito nazionale e la flotta, la più importante in Italia, seconda in Europa sola a quella inglese. A Napoli s’iniziò a costruire il primo cimitero. Nel 1768 sotto Ferdinando IV si stabilì una scuola gratuita per ogni Comune del Regno e per ambo i sessi; istituì inoltre un Collegio per educare la gioventù in ogni provincia, il tutto senza tasse supplementari. Nel 1779 fu creata l’Università di Palermo con teatro anatomico, laboratorio chimico e gabinetto di fisica. Solo in Sicilia fondò 4 licei, 18 collegi e molte scuole normali. Per la prima volta negli ospedali si vide la cattedra di ostetricia, scelse tra i docenti i migliori ingegni. Lo stesso Cavour riconosceva che la legislazione piemontese è arretrata rispetto a quella napoletana. Nel 1818 salpò da Napoli la prima nave a vapore italiana. La prima ferrovia inaugurata in Italia fu la Napoli-Portici (1839), costruito il primo telegrafo elettrico in Italia. Questa in breve la barbarie del Regno delle Due Sicilie[…] e ciò spiega perché durante le invasioni rivoluzionarie del Regno il popolo fu sempre massicciamente dalla parte dei legittimi sovrani. Allora é vero quello che scrive lo storico Marius Andrè nel 1927: […]Vi sono due Storie: la falsa e la vera. La prima è destinata ai bambini delle scuole primarie, al popolo, e a quei borghesi che, terminati i loro studi all’età di circa sedici anni, non li proseguono e si accontentano di leggere opere dette di volgarizzazione[…]L’altra ha un carattere quasi confidenziale, tanto é ristretta l’elite alla quale si rivolge[…]La separazione tra le due categorie è così netta che si è potuto vedere, in Francia, un illustre professore pubblicare due opere di Storia, l’una per l’insegnamento primario, l’altra per l’insegnamento superiore, che, a proposito di diversi episodi, sono in contraddizione formale, essendo l’una la negazione dell’altra. (Magna Europa, a cura di Giovanni Cantoni e Francesco Pappalardo,D’EttorisEditore). 



sito di riferimento

http://www.imgpress.it/notizia.asp?idnotizia=35744&idsezione=4

 

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 24 visitatori online
Utenti
21020 registrati
0 oggi
0 questa settimana
1456 questo mese
Totale Visite
12839736 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer