spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow AIUTIAMO NAPOLI

AIUTIAMO NAPOLI PDF Stampa E-mail

Molto interessante la seguente lettera del nuovo amico neoborbonico Dario:

Ronald Reagan disse: pensavamo che lo Stato potesse risolvere i nostri problemi, ma poi abbiamo capito che lo Stato stesso ne era la causa.

Permettetemi di assumere, per un attimo, che ci sia un terreno solido e comune - ma inesplorato - su cui poggiano molti sentimenti e movimenti oggi in Italia.

Penso a Beppe Grillo, penso a Storia libera, ai Neoborbonici e alla stessa Lega (non so se ancora quella attuale ma di certo quella originaria, di Gianfranco Miglio).

Ebbene, a mio avviso questo terreno è quello dell'antistatalismo. Potrei dire della 'sussidiarietà'

o della 'democrazia', ma si tratta di termini abusati su cui forse potrebbero nascere malintesi.

Lo statalismo non è una qualità (quindi eliminabile) dello Stato italiano nato nel 1861, ma ne è la sua caratteristica genetica. Ciò in quanto il popolo italiano quello Stato - e quindi questo Stato - non lo voleva affatto. Attenzione: non parliamo dell'Italia, ma di un'Italia ottenuta attraverso le annessioni dirette da Torino e dai Savoia.  Non sono uno storico, ma credo di poter concordare con quegli storici che affermano che, se nel 1861 fu scelto il modello francese della civil law (basato sulla legalizzazione degli arbìtri del potere), fu proprio perchè si pensava che, se si fosse lasciato spazio al popolo (modello anglosassone della common law), il fragile Stato italiano targato Savoia ne sarebbe stato spazzato via.

Se questo ragionamento è corretto, allora occorre osare ispezionare le fondamenta dell'edificio "Stato italiano", perchè è lì che c'è la fragilità originaria. Non si può chiedere allo schiavo di amare il suo padrone, sicchè, fino a quando lo Stato sarà imposto, fino a quando cioè non ci saranno Istituzioni legittime (il re lo era, forse oggi lo è il prete o il portiere del palazzo o il vecchio edicolante) l'avversione sarà non solo verso lo Stato ma verso l'altro e verso ogni regola, perchè questa assimilazione è il vero drammatico portato dello statalismo.In questa prospettiva io credo che occorra mettere insieme le forze (Sud/Nord, società civile) per lavorare in armonia per ripristinare un ordine istituzionale.

Tornerei perciò a proporre - dopo le elezioni politiche che oggi confondono tutto - di lanciare - per Napoli, su Napoli e da Napoli - uno sforzo nella direzione sopra indicata. Uno dei propositi dello sforzo sarebbe essere quello di avere presto a Napoli un Sindaco che si ispiri all'antistatalismo e che contribuisca a far rinascere non solo Napoli ma l'Italia intera, perchè comuni, a Napoli e all'Italia tutta, sono i problemi, Reagan docet.

Dario Ciccarelli  

< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 38 visitatori online
Utenti
20403 registrati
0 oggi
2 questa settimana
2005 questo mese
Totale Visite
11686022 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer