spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow evento-spettacolo \"La voce de lu viento\"

evento-spettacolo \"La voce de lu viento\" PDF Stampa E-mail
Vogliamo portarvi a conoscenza di una nostra iniziativa relativa al "brigantaggio" nella zona del Pollino. Il nostro Teatro e la relativa sua Compagnia ha meso in scena, nell'ambito delle manifestazioni relative alla rassegna Mediterranea 2007, a cura della Comunità Montana dell'Alto Jonio, l'evento spettacolo "La voce de lu viento" (passiune populare pe' lu Trono e pe' l'Altare) di Giuseppe M. Maradei.

Inviamo la nota dell'autore:

L'inganno della Storia, il sangue dei vinti e la voce del vento

 La montagna. pietre segnate dal tempo.luogo di memorie, terre assolate e silenti, adagiate fra l'azzurro di sogni sospesi e vecchie leggende. regni senza confine .battuti dai venti.

Il cuore del Pollino racchiude storie e memorie, che affondano le loro radici in un patrimonio mitico di ricordi e "intuizioni" di un giorno trascorso, deformate dallo specchio della tempo.

Di tutto questo non c'è traccia nel grande libro della Storia, quella importante ed ufficiale, quella con la "S" maiuscola. Quelle pagine, candide e linde, sono state scritte da chi ha vinto, con lettere "d'oro zecchino". La grafia è raffinata, ricercata e ordinata. I caratteri sono precisi: ogni linea è ben segnata ed ogni curva perfetta, perché vergate con "squadra" e "compasso" da mediocri "architetti" di una provincia lontana e "isolata".

I "conquistatori", nel consueto delirio di onnipotenza, imbrigliati nel peplo delle ragnatele ordite, hanno voluto dettare le proprie ragioni auto-osannandosi ed auto-incensandosi, auto-elevandosi agli onori di quegli stessi altari che hanno osato profanare, sulle macerie degli antichi templi da loro distrutti. Al loro fianco gongolano i "compari" ben pagati, nuovi servi sciocchi di falsi " re galantuomini" e vere "negazioni di Dio".

I "lumi della ragione" generano solo furbizia bottegaia e corruzione. Le coscienze si annebbiano. Si abbattono le antiche venerate immagini e si profana la radicata sacralità dei templi, per erigere nuovi simulacri del "vuoto" e solenni lupanari. Tutto si fa mercato. mercato in cui si fa mercato di tutto.

.Ma non tutti vanno alla fiera delle vanità e degli "eguali" con muli stracarichi di ceste da colmare.

L'erba calpestata rialza la testa e si fa irto rovo, con spine amare e pungenti.

.E guai a chi ritorna sui suoi passi!

La sacra ampolla è infranta! .Ma il sangue raggrumito si scioglie e ribolle di orgoglio per difendere e riaffermare l'appartenenza alla Terra e la dignità di una Stirpe antica.

...Eppure, di questo, la Storia preferisce tacere. Nel suo libro ben rilegato in pelle, ebbro di bugie e ipocrisie, non c'è spazio per altre ragioni, specie se sono quelle scritte col sangue dai vinti, ragioni esiliate nel regno dell'omissis.  e del silenzio.

Il sole, figlio del levante, tramonta lentamente affogando a ponente, nell'altra faccia del mare bifronte. Le ombre si allungano silenti, avvolgendo col loro strascico ogni cosa. La notte discende e si ripopola di spettri senza requie. condannati dal tribunale dei vinti a non aver pace . condannati a vagare in un limbo senza storia e senza memoria.

.Ma il vento fa giustizia. scoperchia i sepolcri violati. lacera i sudari unti e consunti e mette a nudo le anime.

Traditi. venduti. spogliati. martoriati. e crocifissi. quell'orda di spettri laceri risorge dalla terra e si erge verso il cielo. tendendo le mani supplici per afferrare un brandello di giustizia.

Le orbite cave di quei teschi fissano il Cielo. l'unico Regno che conosce giustizia.

. L'Onnipotente, Assoluto, Eterno ed Altissimo piange a quella vista. e una lacrima è la stella cadente che dona pace, rischiarando per un istante, che sembra eternità, con il fuoco "fatuo" di quella scintilla, il vuoto di quello sguardo.

.E una pioggia di giustizia e di verità discende a bagnare quei corpi. a spegnere la sete di quelle bocche. a lenire il dolore delle ferite riarse. a lavare il fango scagliato. l'onta subita da quegli innocenti. vittime ignare di un "peccato originale", ereditato dalla terra al momento della nascita, e di un destino che si vende per trenta denari d'argento. 

L'aria torna pregna di un acre odore di sudore e di sangue. perché la storia "che non c'è" è quasi sempre un parente scomodo, specchio opaco di una coscienza che disprezza sé stessa. una assenza bramata, ricercata e voluta. una pagina triste, spiacevole e gualcita che si accartoccia e si getta via o si affida alla fiamma. perché non sia letta da nessuno.

Solo il vento. che non ha padroni,  può ridare vita a quelle ceneri ed innalzarle fino alle stelle. Solo il vento può rendere ai vinti la voce negata e la dignità della memoria. .E, soffiando nel cavo delle loro ossa disperse in una terra, sconsacrata dai nuovi "parvenus" venuti da lontano, ma sacra da sempre, riporta gli echi  e i profili dei loro canti lontani.

.E chi difendeva sé stesso, il proprio Dio, la propria terra, la propria famiglia, la propria identità e la propria storia fu detto "brigante"! .Ma brigante non era e non fu. Fu come il vento. Per essere libero, si fece e fu vento.. Il vento. Ogni lamento si affida al vento, ogni grido, ogni sospiro, ogni preghiera. La notte raccoglie tutte le voci. e tutte queste voci diventano una sola voce. la sua voce: la voce del vento.

 

 

                                                                                Giuseppe M. Maradei

 

 

 

 

Laghi di Sybari, 29/VII/2007.
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 31 visitatori online e 1 utente online
  • ovaphifoliora
Utenti
20403 registrati
0 oggi
2 questa settimana
2005 questo mese
Totale Visite
11685545 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer