spacer
spacer search

Associazione culturale Neoborbonica
L'orgoglio di essere meridionali

Search
spacer
header
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagine o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezioneulteriori info.Ok
Associazione
modalità iscrizione
Perchè Neoborbonici
Why Neo-Bourbons
Organigramma
Carte Sociali
Sede e Delegazioni
Inno Neoborbonico
WebMail
www.ilnuovosud.it
Site Administration
Rete Due Sicilie
Giornale delle Due Sicilie
Attività
Storia del Movimento
Prossime attività
Libro degli ospiti
Dillo ai Neoborbonici
Le tue lettere
Login Form
Username

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non hai ancora un account? Creane uno!
 
Home arrow Le tue lettere arrow Le tue lettere arrow Questa volta non sono d'accordo

Questa volta non sono d'accordo PDF Stampa E-mail
Gentile sig. Marro,

leggo sempre i suoi messaggi, ma è mai possibile che ogni cosa o persona che venga dal nord debba per forza essere contagiato dal virus dell'antimeridionalismo e dello sfruttamento delle popolazioni del Sud?
Io ho tanti amici che vivono a Milano, Venezia, Gorizia, Genova, Bologna, Parma, Torino ecc.. e se ne fregano di Bossi, della politica e di pensare che noi siamo brutti e neri e che loro sono quelli che trascinano la nazione. C'è tanta gente che viene nel sud in vacanza, ammirando e apprezzando le nostre bellezze, portando con se anche un buon ricordo della gente che incontra.
Che il nord abbia più ricchezze del sud può essere anche dovuto alla nostra storia, anzi sicuramente lo è, ma penso che la situazione italiana, triste, molto triste, non abbia confini territoriali. Ora c'è Prodi, Berlusconi, c'è stato Agnelli ecc., ma c'è stato anche De Mita, Cirino Pomicino, Di Lorenzo e altri. Non mi sembra che ci sia una grande linea di demarcazione tra i soggetti poco fa elencati, e tantomeno si contraddistinguono per le loro origini geografiche. Ognuno di loro ha fatto e fa i propri interessi, e non gli interessi di una parte del popolo a discapito di un altro. Tutti vengono bersagliati da tasse e gabelle, senza distinzioni. Per questo non dobbiamo considerare le aziende, le persone e le istituzioni del nord escluse da questa sorta di depredazione da parte della classe politica, che non fa eccezioni.

Come seguo i neoborbonici, seguo Grillo.
L'ho visto dal vivo, lo leggo sul blog.
Finora non ho mai sentito parole a favore del nord o contro il sud, anzi, il suo impegno va ben oltre, e si riversano soprattutto verso temi di natura sociale, ambientale, di salute, energia, di trasporti, di medicina e anche di politici criminali che siedono in parlamento (la cui maggioranza è del nord).
Questa volta non sono d'accordo con Lei, soprattutto perché Grillo è riuscito a fare qualcosa che in anni di attività i Neoborbonici non sono riusciti (senza colpe,ovvio): far leggere le nostre ragioni a centinaia di migliaia di persone nel mondo.
Ecco il post pubblicato nel novembre 2006:
http://www.beppegrillo.it/2006/11/siamo_tutti_bor.html

Sarà genovese, ma almeno sa dove risiede la verità.

Gentilezza e rispetto,
Annibale Cerrati
< Prec.   Pros. >
spacer
Centro Studi
Primati
Risorgimento
Esercito
Eroi
Brigantaggio
1799
Difesa del regno
Sport Sud
Siti dei Tifosi
Compra Sud
Progetto
Galleria
Galleria Immagini
Chi è Online
Abbiamo 27 visitatori online
Utenti
20406 registrati
2 oggi
5 questa settimana
2008 questo mese
Totale Visite
11687993 Visitatori

 
© 2005 Movimento Neoborbonico, via Cervantes 55/5 Napoli.
Tutti i diritti riservati.
spacer